TuttoscuolaNEWS n. 138
Data: Lunedý, 16 febbraio 2004 ore 08:40:19 CET
Argomento: Comunicati


 

http://www.tuttoscuola.com

************************************************************

N. 138, 16 febbraio 2004


SOMMARIO

1. Il gioco si fa pesante: "il tutor non passera'"
2. Governo e sindacati: attesa per l'incontro del 17 febbraio
3.    Circolare    sulle   iscrizioni/1:   i  confederali  attendono
l'annullamento
4. Elogio del tempo vuoto, anzi pieno (ma di "non scuola")

__________________________________________________

le altre notizie di TuttoscuolaFOCUS n. 42/138:

- Circolare sulle iscrizioni/2: il TAR discute anche il ricorso Snals
- In arrivo il Servizio Nazionale di Valutazione
- In azienda a 15 anni
- Il punteggio di graduatoria? Me lo accomodo con punti a piacimento
- Francia: passa la legge sul velo islamico, ma i problemi restano


Per consultare TuttoscuolaFOCUS clicca qui:
http://www.tuttoscuola.com/focus

___________________________________________________________



1. Il gioco si fa pesante: "il tutor non passera'"

"Il tutor non puo'  essere  inteso  come  un  vincolo  introdotto  dal
Decreto, ignorando le prerogative dell'autonomia scolastica per quanto
riguarda l'organizzazione della didattica, e della contrattazione  per
quanto riguarda l'organizzazione del lavoro".
Questa l'indicazione che si trova, insieme ad altre, in un minidossier
pubblicato    nel    sito    della    Cgilscuola
(www.cgilscuola.it/moratti/strumenti.htm). La tesi sostenuta da questo
sindacato (e, con sfumature diverse, anche da Cisl e Uil)  e'  che  la
combinazione del DPR 275/1999 (Regolamento dell'autonomia) e del nuovo
Titolo    V   della  Costituzione,  che  sancisce  l'autonomia  delle
istituzioni  scolastiche,  riconosce  alle  singole  scuole  un  ampio
margine di decisionalita' in  materia  non  solo  didattica  ma  anche
organizzativa. Le modalita' di impiego dei docenti,  in  tale  quadro,
devono essere coerenti con i Piani  dell'Offerta  Formativa  (POF),  e
questi potrebbero  prevedere,  interpretando  la  tesi  sindacale,  la
condivisione della funzione di tutor tra  tutti  i  docenti  assegnati
alla classe.
Qualora il POF si limitasse alla  dimensione  pedagogico-didattica,  e
non si esprimesse esplicitamente in materia  organizzativa,  dicono  i
sindacati,    si  potrebbe  comunque  attivare  la  contrattazione  di
istituto, visto che l'art. 6  del  contratto  scuola  assegna  a  tale
ambito negoziale "competenze esclusive in  materia  di  organizzazione
del lavoro e di orario dei docenti".
E' anche vero, peraltro, che i POF e  la  contrattazione  di  istituto
potrebbero confermare la figura del tutor nella versione del  "maestro
prevalente". Ancora piu'  importante  e  urgente  diventa,  in  questa
prospettiva    di   diversificazione  dei  modelli  organizzativi,  la
definizione in termini chiari  degli  obiettivi  di  apprendimento  ai
diversi livelli di scuola. Altrimenti si rischierebbe di non aver piu'
un sistema scolastico nazionale unitario.
Resta il fatto che il decreto legislativo detta  "norme  generali  sul
primo ciclo d'istruzione". D'accordo  sull'autonomia  organizzativa  e
didattica, ma come si puo' derogare  -  a  meno  di  sconfinare  nella
disubbidienza civile - dal rispetto della norma, almeno fino a  quando
non venisse dichiarata incostituzionale?

____________________________________________________________


A SCUOLA CON ITALIA IN MINIATURA

Percorsi didattici guidati e compresi nel prezzo su Ambiente, Fisica,
Storia ed Architettura italiana, per una completa offerta formativa.
Prenotate il vostro percorso su http://www.italiainminiatura.com
Italia in Miniatura - Il Parco della Cultura divertente e duratura -

____________________________________________________________


2. Governo e sindacati: attesa per l'incontro del 17 febbraio

Il tenue filo di dialogo instauratosi tra i sindacati della  scuola  e
il    Governo   dopo  l'incontro  dello  scorso  5  febbraio  potrebbe
consolidarsi in occasione del nuovo incontro, fissato per martedi'  17
febbraio. Il  sottosegretario  Valentina  Aprea,  con  delega  per  la
riforma, illustrera' alle Confederazioni Cgil-Cisl-Uil-Confsal-Cida  e
ai rispettivi sindacati scuola, nonche' alla federazione  Gilda/Unams,
gli schemi dei tre nuovi decreti legislativi attuativi della legge  n.
53, riguardanti l'Alternanza scuola-lavoro, il Servizio  nazionale  di
valutazione e il Diritto-dovere all'istruzione.
Dal punto di vista politico si tratta di un passo avanti rispetto alla
mancanza di contatti che ha caratterizzato l'iter del  primo  decreto,
quello sul ciclo primario, gestito dal Governo con una logica di forte
sottolineatura del primato della legge,  ma  percepito  dai  sindacati
come una altrettanto forte riduzione  del  loro  ruolo  e  delle  loro
prerogative, visto che il decreto incideva anche sulla  materia  delle
prestazioni e dell'organizzazione del lavoro.
Questa volta le cose potrebbero  svolgersi  diversamente,  sempre  che
l'informativa del Governo non si riduca  alla  mera  presentazione  di
carte dichiarate intoccabili, e sempre che i sindacati non  pretendano
a loro volta di rimettere in discussione per via negoziale indirizzi e
scelte gia' definite dalla legge 53.

____________________________________________________________


TUTTA L'INFORMAZIONE DI TUTTOSCUOLA PER TE

Scopri il nuovo abbonamento annuale completo a Tuttoscuola:

- Ogni mese la rivista mensile
-Ogni settimana la newsletter TuttoscuolaFOCUS + TuttoscuolaMEMORANDUM
- Ogni giorno le notizie di tuttoscuola.com, l'accesso all'archivio
e alle Guide on line

e. 5 regali!

http://www.tuttoscuola.com/offerta

____________________________________________________________


3.    Circolare    sulle   iscrizioni/1:   i  confederali  attendono
l'annullamento

Nei prossimi giorni il Tar del Lazio dovrebbe pronunciarsi sul ricorso
presentato dai sindacati confederali della scuola contro la  circolare
ministeriale   sulle  iscrizioni  scolastiche  per  l'anno  2004-2005,
ritenuta da loro illegittima.
L'accusa che i sindacati muovono  alla  circolare  e'  sostanzialmente
quella di aver  fondato  i  principali  contenuti  della  disposizione
ministeriale su un decreto legislativo non ancora in vigore.
Con il ricorso i sindacati cercano  anche  di  convincere  il  giudice
amministrativo che i docenti, da essi rappresentati, hanno ricevuto un
danno. Una tesi non facile da sostenere.
L'amministrazione in questi giorni e' impegnata a  sua  volta  in  una
corsa ad ostacoli, pressata dall'esigenza di avviare i tavoli tecnici,
e   volendo  segnare  la  ripresa  del  dialogo  con  alle  spalle  la
pubblicazione del decreto. Inoltre, se il decreto legislativo  dovesse
nel frattempo essere pubblicato in  Gazzetta  Ufficiale,  la  presunta
illegittimita' sarebbe sanata di fatto con  l'entrata  in  vigore  (lo
stesso giorno della pubblicazione) della norma su cui sarebbe  fondata
la circolare sulle iscrizioni e i cui effetti, come si  sa,  decorrono
dal settembre prossimo.
Ma, forse, la vera ragione del ricorso sindacale non e'  la  circolare
stessa, ma la volonta' di contrastare, con tutti  i  mezzi  possibili,
l'attuazione della riforma.


4. Elogio del tempo vuoto, anzi pieno (ma di "non scuola")

Ha suscitato interesse e vivaci reazioni, pro e contro, l'articolo  di
Pietro Citati apparso sulla "Repubblica" di giovedi' 12  febbraio  col
provocatorio titolo "Elogio del tempo vuoto". Un raffinato minisaggio,
di quelli ai quali Citati ci ha abituati, scritto con penna lieve, sul
filo    della   memoria  autobiografica,  per  contestare  l'efficacia
pedagogica di un modello di scuola troppo  pieno  di  contenuti  e  di
compiti per bambini che avrebbero bisogno, invece, di piu'  tempo  per
parlare con i genitori, giocare, leggere, sognare.
Un articolo che potrebbe apparire controcorrente, dunque, e per giunta
pubblicato su un quotidiano schierato a favore del "tempo pieno" di 40
ore 40, e con un ministro che ha appena  ripetuto  che  per  il  tempo
pieno "non cambia nulla". Come si  spiega?  In  realta'  Citati,  come
mostra la sua  replica  ad  una  indignata  lettrice  "tempopienista",
considera il tempo pieno "giustificatissimo e necessarissimo" nel caso
che entrambi i genitori lavorino, ma  inutile  e  controproducente  se
corrisponde ad un disimpegno educativo da parte di uno o di entrambi i
genitori, quando essi abbiano la possibilita' di stare di piu'  con  i
figli, di dialogare con loro,  di  riempire  il  loro  tempo  di  vita
seguendoli negli studi e negli interessi, ma  consentendo  loro  anche
spazi e occasioni per la  riflessione,  la  fantasia,  la  creativita'
individuale,    perfino   l'ozio  (ma  nel  significato  erasmiano  di
astensione dal conformismo e dalle mode).
In realta' quello di Citati e' un  appello  ai  genitori  (quelli  che
possono, che non sono pochi) perche' si occupino di piu' dei figli,  e
non li mandino "al tempo pieno,  e  poi  alle  lezioni  di  nuoto,  di
tennis, di danza, di alpinismo, di yoga, di tedesco,  di  canottaggio,
di volo, pur di levarseli di torno". Si avverte un poco, nelle  parole
di Citati, la malinconia di chi si sente impotente di fronte al  corso
degli eventi, ma egli, in forma e con una sensibilita'  diversa,  piu'
letteraria,    pone  lo  stesso,  importante  problema  sollevato  dal
sociologo Edgar Morin: ai giovani serve una  testa  "ben  fatta",  non
"ben piena".


------------------------------------

Ed ecco le altre notizie di TuttoscuolaFOCUS n.42/138:


Circolare sulle iscrizioni/2: il TAR discute anche il ricorso Snals

Anche lo Snals, il sindacato autonomo che organizza il personale della
scuola, ha impugnato la circolare n. 2/2004 sulle  iscrizioni  per  il
prossimo anno scolastico. C'e'  tuttavia  una  novita'  singolare  nel
ricorso dello Snals, perche' (.) http://www.tuttoscuola.com/focus


In arrivo il Servizio Nazionale di Valutazione

L'INVALSI viene riordinato e potenziato, ma pur disponendo di una piu'
ampia autonomia resta un ente  soggetto  alla  vigilanza  del  Miur  e
strettamente    dipendente    dalle   sue   indicazioni  perche'  (.)
http://www.tuttoscuola.com/focus


In azienda a 15 anni

L'alternanza    scuola-lavoro  e'  materia  di  uno  dei  tre  decreti
legislativi che il sottosegretario Aprea presentera' il 17 febbraio ai
sindacati della scuola.
Gli studenti dai 15 ai 18 potranno scegliere l'alternanza tra  lezioni
in    classe    ed    esperienze    professionali    (.)
http://www.tuttoscuola.com/focus


Il punteggio di graduatoria? Me lo accomodo con punti a piacimento

Alcuni dirigenti scolastici ci hanno segnalato una falla  nel  sistema
telematico per l'aggiornamento delle  graduatorie  dei  supplenti  (.)
http://www.tuttoscuola.com/focus


Francia: passa la legge sul velo islamico, ma i problemi restano

L'Assemblea Nazionale francese  ha  approvato  la  legge,  voluta  dal
presidente Chirac, che vieta di indossare nelle  scuole  pubbliche  il
velo islamico, la kippa ebraica (.) http://www.tuttoscuola.com/focus



E poi tutte le scadenze del prossimo mese, commentate e spiegate. Ecco
gli argomenti di TuttoscuolaMEMORANDUM di questa settimana:

- Rilevazione attrezzature tecnologiche per la didattica
- Domande restituzione ruoli di provenienza
- Domande mobilita' e passaggio personale della scuola.
- Manifestazione nazionale
- Richiesta assistenti lingua straniera
- Sciopero Unicobas
- Concorso riservato docenti religione
- Conto annuale delle istituzioni scolastiche
- Ritiro candidati interni per esame di Stato



TuttoscuolaFOCUS e' riservato agli abbonati on line.
Per i non abbonati e' possibile acquistare il numero 42/138 di
TuttoscuolaFOCUS al costo di 1 euro+iva. Per informazioni cliccare
qui: http://www.tuttoscuola.com/focus
(e' necessario essere collegati a internet per richiedere e scaricare
la newsletter.
NB cliccare li' NON COMPORTA ALCUN IMPEGNO, consente solo di visionare
le condizioni per accedere al servizio), oppure telefonare al n.
06/6830.7851
Per abbonarsi: http://www.tuttoscuola.com/offerta/

RIPRODUZIONE RISERVATA

Per iscrivere un'altra persona o per rimuoverti da questa
newsletter vai all'indirizzo:

http://www.tuttoscuola.com

Per commenti, informazioni o suggerimenti: redazione@tuttoscuola.com

Per consultare i numeri arretrati di "TuttoscuolaNEWS": http://www.tuttoscuola.com

Chi Ŕ interessato a ricevere anche la newsletter dell'ANP (Associazione
Nazionale Presidi e Direttori didattici) puo' iscriversi dal sito
www.anp.it

************************************************************
Editoriale Tuttoscuola srl
Via della Scrofa, 39 - 00186 Roma, Italia
Tel. 06.6830.7851 - 06.6880.2163
Fax 06.6880.2728
Email: tuttoscuola@tuttoscuola.com








Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-1523.html