Scuola/ Pd presenta petizione. Franceschini: Stop ai tagli
Data: Mercoledý, 01 aprile 2009 ore 15:06:54 CEST
Argomento: Comunicati


Le scelte del Governo, dice Fioroni, rendono "la scuola più povera, più debole e più ingiusta". L'ex ministro dell'Istruzione polemizza con il centrodestra che, a suo giudizio, ha di fatto eliminato il tempo pieno: "Loro hanno un'idea particolare del tempo-pieno: l'idea di bambini-pacchi postali che devono solo essere intrattenuti con un lungo dopo-scuola". Sbagliata è anche l'idea del maestro unico, "chiedono a degli specialisti di diventare tuttologi", senza contare "le scuole di montagna e dei piccoli comuni che chiudono" e che costringono i bambini a fare "come Heidi, chilometri a piedi se vogliono andare a scuola". La cosa peggiore, aggiunge Franceschini, è che il Governo, come per la crisi economica, "cerca di negare, di nascondere, di coprire" quello che sta accadendo. "Vedrete che anche oggi negheranno che esistono i tagli alla scuola, nonostante siano scritti nella Finanziaria". Nella petizione il Pd propone: un piano nazionale straordinario per assicurare borse di studio, libri gratuiti per gli anni della scuola dell'obbligo, mense e trasporti; un piano di aggiornamento dei docenti; un sistema di valutazione di scuole e insegnanti, gestito da una "autorità esterna"; un numero "certo e stabile di insegnanti e di organici funzionali; un programma di sperimentazione per migliorare "l'utilizzo delle risorse"; la riforma della scuola superiore e l'obbligo di istruzione fino a 16 anni, che deve "essere garantito e reso effettivo"; un sistema di "apprendimento per tutta la vita"; un piano di stabilizzazione e indennità di disoccupazione per i precari.







Questo Articolo proviene da AetnaNet
http://www.aetnanet.org

L'URL per questa storia è:
http://www.aetnanet.org/scuola-news-14968.html