Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547654761 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1920 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1874 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1797 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1730 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1714 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Associazioni
Associazioni

·GRAN CONCERTO DI BENEFICENZA per “La Civita” di Catania
·Dal Pozzo di Gammazita una rete di associazioni per conoscere la città
·Venerdì 16 Luglio alle ore 19, presso la Corte Vaccarini del Convitto Nazionale “Mario Cutelli” presentazione del libro degli Ing. Gaetano e Fabrizio D’Emilio: #ACCADDEACATANIA
·UCIIM Sezione di Tremestieri Etneo. Incontro con l’autore: Roberto Russo
·Installazione di un gazebo informativo in Piazza Nettuno dalle ore 16.00 alle ore 20.00, oggi 2 giugno, in occasione della Giornata mondiale di sensibilizzazione sui disturbi alimentari da parte dell'associazione ''Stella Danzante” ETS – ODV” di CT


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: Non sparate sui giovani del Mezzogiorno

Rassegna stampa

Se ne vanno i migliori e diventiamo sempre più poveri. Se quest’assioma non fosse dimostrabile, il mio intervento al dibattito aperto dal «nostro» giornale, non lo avrei ritenuto dovuto.

Le esperienze di insegnamento fatte al Nord Italia e in Sicilia mi portano a contraddire da subito chi afferma che i nostri giovani siano meno preparati dei giovani del Nord. E’ vero che molti studiano e si formano al Nord o al Centro Italia, ma questa emigrazione temporanea per motivi di studio è stata una costante per alcuni nostri giovani. Il fatto che i nostri ragazzi affrontano con successo corsi di studi in università di altre regioni o superano la selezione di ammissione nei masters post laurea più prestigiosi (con laurea di base conseguita in Università siciliane), significa che la scuola e l’Università in Sicilia sono in mano a docenti preparati.

Quel che preoccupa è il fatto che una volta i nostri giovani, tornavano in Sicilia ad investire le loro potenzialità, mentre al presente la scelta di restare lontano è motivata da altri elementi non strettamente legati al lavoro. Forse una forma di disaffezione per una Terra in cui è difficile restare liberi senza accettare compromessi, soprattutto con il mondo della politica I giovani più evoluti, di questo mi rammarico, seguono con distacco e diffidenza gli avvenimenti della politica e nutrono profonda disistima verso la classe politica in genere e in particolare verso quella siciliana.

Quale padre di un figlio laureato a Catania, masterizzato a Roma, che lavora in Trentino, sarei contento che alcune argomentazioni proposte dagli esperti nel dibattito aperto su «La Sicilia» si rivelassero idonee a risolvere il sottosviluppo endemico della nostra terra. Si parla tanto di fiscalità di vantaggio e la si invoca quale panacea di tutti i mali. A tal proposito, credo che le similitudini fatte tra Irlanda e Sicilia, non tengano conto di realtà già sperimentate in Sicilia. L’esenzione totale decennale da tutte le imposte dirette, la circolazione di azioni al portatore che scontavano la cedolare secca sul reddito sono stati esempi di fiscalità di vantaggio, di gran lunga più rilevanti della tassa societaria del 12,5% vigente in Irlanda. La Sicilia dagli anni cinquanta fino alla fine degli anni novanta, ha fruito di tutta una serie di agevolazioni da fare ricchi tutti i siciliani. Quanto meno non avrebbe dovuto esserci disoccupazione in Sicilia, con le continue defiscalizzazioni degli oneri sociali (contributi previdenziali a carico delle aziende) e il credito d’imposta sugli investimenti autoliquidabile.

Quest’ultimo che sottraeva le aziende al ricatto del controllo politico, nel luglio 2002 fu cancellato, riconvenzionato e ridotto alle imprese del meridione per riversarlo, tra altri, agli italiani poveri della provincia di Mantova.

L’altro accostamento tra la Sicilia regione a statuto speciale e la Catalogna, regione ad autonomia speciale della Spagna, non è sostenibile perché si confrontano due realtà non omogenee.

La realtà istituzionale che si vorrebbe mutuare, da parte dei «nuovi» autonomisti siciliani è quella autonomia particolare di cui la Catalogna gode nella costituzione spagnola, venendo giuridicamente a costituire una vera e propria nazione catalana, con lingua e polizia propria. Mal sopportata in Spagna, ritengo inattuabile in Italia, senza rischiare veri e propri secessionismi.

Bastasse parlare il siciliano e riscuotere le imposte maturate in Sicilia per evitare ai nostri figli di emigrare, io diverrei insegnante volontario di lingua siciliana. Bastasse così poco per cancellare una classe politica che nel 2004, quando a Palermo e Roma governavano con larghe maggioranze, forze politiche omogenee, ha lasciato andare via dalla Sicilia ventottomilaseicento giovani ritornando ai livelli degli anni sessanta. Allora, emigravano i meno qualificati mentre oggi circa la metà ha un titolo di studio medio alto.

Nemmeno l’attuale maggioranza di governo nazionale, con grave torto (cercando di recuperare il voto perso al Nord non si cura di conquistare quello mai avuto al Sud), mostra la giusta attenzione ai problemi della Sicilia e ai suoi giovani. Il mezzogiorno viene considerato una risorsa per il Paese.

Al momento rappresenta solo una grande opportunità per i politici corrotti e per la delinquenza organizzata, che attingono al ricco serbatoio dei disoccupati voti e manovalanza. Fino a quando i politici non capiranno che bisogna dare priorità alle politiche sociali, non a quelle identitarie, e che è loro compito proporre leggi che facciano da volano ad attività economiche sane ed innovative l’esodo dei nostri ragazzi continuerà.

Al presente i nostri ragazzi volano lontano, in alto, liberi e sicuri. Resta il rammarico che una volta assaporata la sensazione di libertà e legalità diffusa respirata in altre regioni d’Italia o in altre nazioni della vecchia Europa, in molti non ritorneranno più. La loro sicilianità farà più ricchi chi li avrà vicino. A noi padri inermi e senza padrini, non resta che nutrire di antica nostalgia il nostro tempo.

GIOVANNI DI BELLA

dibellagf@libero.it

(da www.lasicilia.it)









Postato il Lunedì, 30 luglio 2007 ore 20:34:04 CEST di Renato Bonaccorso
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi