Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547666435 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1922 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1875 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1800 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1731 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1715 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·Un governo contro la scuola
·Le linee guide che spezzano la scuola, non la riaprono
·Il ministro blocchi il progetto scuola/esercito in Sicilia
·Una campagna nella scuola contro le falsificazioni anticomuniste della storia
·Gli amici delle scuole private all’attacco della Costituzione


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: FANNULLONI E MALASCUOLA: A CHI SERVE UNA SCUOLA INEFFICIENTE?

Opinioni
Fannulloni e malascuola.
 a chi giova una scuola inefficiente?

di Antonio Gasperi, Mestre, 18 luglio 2007.

 

La notizia dei tanti studenti del prof. M. – a proposito perché non si comincia a chiamarlo con il suo nome, dato che un Report di fine maggio lo ha reso noto al pubblico? – che sono stati bocciati all’Esame di Stato di quest’anno, ha dato al prof. Ichino (editoriale sul Corriere del 16 luglio us) l’occasione per suggerire alle famiglie italiane la strada del tribunale civile per un equo risarcimento dei danni da “ignoranza per mancato insegnamento”. Dato che – prosegue il noto giuslavoratorista - i casi analoghi sono “assai numerosi: è raro che uno studente non incontri almeno un prof. M. nel corso dei suoi studi”, se tutti cominciassero a chiedere il risarcimento del danno all’amministrazione scolastica, sarebbe un inizio del britannico civic auditing (controllo dei cittadini sul funzionamento delle amministrazioni pubbliche).

Ho seguito a suo tempo con attenzione la coraggiosa proposta dell’autore riguardo agli Organi Indipendenti di Valutazione di ogni comparto della PA (si veda anche il  progetto di legge del 14 dicembre us sull’Autorità del pubblico impiego) con lo scopo di “valutare l’efficienza di ciascun ufficio o centro di attività e la sua utilità effettiva in relazione alle finalità istituzionali proprie di ciascuno di essi.”

Ora il punto è proprio qui: finchè le autorità di governo non saranno in grado di dotare il comparto della scuola di un autorevole organo di valutazione della “produttività” delle unità lavorative, la strada della giustizia civile sembrerà l’unica percorribile, ammesso e non concesso che tribunali già gravati da un numero esorbitante di cause inevase, siano in grado di smaltire in tempi “accettabili” il surplus di lavoro derivante da quei casi “assai numerosi” di malascuola. E in questo senso farebbero bene i Dirigenti Scolastici a paventare il pericolo dei ricorsi dei genitori contro le bocciature dei loro figli, non limitandosi più ai tradizionali ricorsi amministrativi contro i vizi di forma, ma considerando anche quelli sulla sostanza della mancata o parziale prestazione lavorativa.

Ma chiediamoci, come mai l’esigenza di valutare l’efficacia del servizio pubblico, ed in particolare dell’istruzione, tarda ad essere applicata nel nostro paese? Forse perché – come nota argutamente Ichino - “il grado massimo di inefficienza che un’amministrazione pubblica può raggiungere è, in generale, quello che la cittadinanza è disposta a sopportare?”. O non perché, piuttosto, una sorta di meccanismo collusivo fra certe rappresentanze sindacali e i governi ha finora preferito coprire i nullafacenti? Abbastanza singolarmente si tratta poi di sindacati che in questi giorni – all’interno di un ciclo politico evidentemente a loro favorevole – tentano di eliminare le sigle autonome dalla scena sindacale, attraverso la ridefinizione delle regole di ammissione ai tavoli di trattativa.

Se il mio ragionamento è giusto, il problema ancora una volta nel nostro paese è quello di una pubblica amministrazione inefficiente per precisa volontà delle classi dirigenti, vuoi politiche, vuoi sindacali. La strada del britannico controllo sul civil servant, sembra ancora lunga per un paese dove la “rendita di posizione” dell’impiegato pubblico fa premio sul benessere sociale.

In conclusione vorrei tornare per un momento alla scuola, con una domanda per il prof. Ichino: l’insistenza sui “tanti prof. M.” deriva dalla convinzione che proprio nella scuola si annidi il maggior numero di fannulloni, oppure dalla constatazione che si tratta del settore la cui inefficienza è ormai insopportabilmente evidente alla cittadinanza? Nel primo caso dovrebbe citare fonti certe, ma siamo convinti che – come chiunque altro – non ne possieda affatto. Nel secondo caso il noto studioso fa parte della ormai nutrita schiera di persone che ritengono le famiglie perfettamente in grado di capire come funziona una scuola e quindi se “produce” bene o male. Se ci si ponesse invece seriamente il problema della valutazione del servizio di istruzione, si capirebbe che bisognerebbe cominciare a parlare anche di efficacia (oltre che di equità), ma qui il discorso si complica, e non solo per i politici.


 Mestre, 18 lug. 07 Antonio Gasperi








Postato il Sabato, 21 luglio 2007 ore 00:05:00 CEST di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 3
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi