Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547879654 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1944 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1909 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1855 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1773 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1751 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·L’Educazione Civica è nata a Catania - una targa ricordo al Castello Ursino
·L’Educazione Civica è nata a Catania. Ben tornata Educazione Civica
·Vaccinazione obbligatoria over 50: hub Palermo, Catania e Messina aperti fino alle 24
·Scuola, via libera alle nuove misure per la gestione dei casi di positività. Bianchi: “Varate regole chiare per il rientro in presenza e in sicurezza”
·La Fon.Ca.Ne.Sa dona armonia e gioia ai pazienti del Policlinico


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: LA SANA SEVERITÀ CHE LA SCUOLA NON HA PIÙ

Rassegna stampa

Un mio rovello: la scuola d’oggi è adeguata al nostro tempo?

Tanti anni fa ad Acireale, liceo classico "Gulli e Pennisi", un preside assai zelante ingiunse ad un alunno di venire a scuola accompagnato dal padre per giustificare una sua assenza arbitraria. Era accaduto che il capo d’istituto il giorno prima aveva incontrato il ragazzo a spasso per la città durante le ore di scuola. Aveva il poveraccio fatto "calia"! L’alunno discolo alzò, come si dice, l’ingegno e noleggiò un finto padre, un cocchiere di quelli con basette e baffi, pregato dietro compenso di fingersi padre e di giustificare l’alunno davanti al preside. All’ora fissata il vetturino, bene agghindato, si presentò al preside come padre del ragazzo punito. Quando il severo dirigente riferì al finto padre la grave inadempienza dell’alunno, il genitore "noleggiato" mollò al ragazzo sonori schiaffoni tanti da indurre il preside ad intercedere benevolmente perché non usasse più le maniere forti. All’uscita dalla presidenza il ragazzo reagì duramente al trattamento ricevuto dal finto padre. Il quale con sbrigativa chiarezza se la cavò bellamente: «Ti ho dato gli schiaffi che ti avrebbe dato il padre vero. Impara a non disertare la scuola, che è una cosa seria!». Era quello il tempo in cui i genitori davano sempre ragione ai presidi e ai docenti. Apprezzavano le maniere educative severe e ritenevano la scuola un’agenzia educativa insostituibile. La scuola - pensavano - prima educa e poi istruisce.

Oggi gli episodi quotidiani ci suggeriscono ben altre esperienze. Minacciare un allievo di bocciatura è ritenuto un reato, giudicare con severa giustizia il profitto del "pupillo" un peccato gravissimo, condividere con il figliuolo le doglianze a carico dei docenti una normale abitudine, correre a scuola con occhi sgranati per difendere ad oltranza le presunte ragioni del figliolo un atteggiamento consueto! Eppure la scuola d’oggi è oltremodo permissiva, raramente "boccia", ricorre ai progetti educativi per suggerire comportamenti civili e aperture utili alla esplorazione del nostro difficile mondo, ricorre sovente a gite di istruzione, alterna a qualche momento di lezione frontale dialoghi improntati al confronto didattico personalizzato, preferisce il guanto di velluto al pugno di ferro! E i genitori? Partecipano svogliatamente alle sedute collegiali, aspettano dai docenti solo lodi per il ragazzo ritenuto ligio ai doveri, storcono il muso davanti ad evidenti lacune, minacciano ricorsi e carta bollata in caso di insuccesso finale, accusano i docenti di parzialità nel giudizio docimologico, confrontano i compiti del figliolo con quelli degli altri ritenuti meno preparati… La buona pedagogia ritiene invece che la valutazione debba essere giudicata siccome momento educativo! Insomma la invocata collaborazione tra scuola e famiglia resta una bella pagina letteraria tutta da rimandare ai nostalgici del libro "Cuore". I dirigenti? "Piaggiano" dantescamente per mediare tra le spietate critiche dei genitori e le stupite giustificazioni dei docenti, trascinati come imputati a rendere conto del loro operato! Se proprio volessero la pace, evitino la parola "bocciatura" e si adeguino alle maniere dolci di un deleterio permissivismo! Tra i docenti ci sono - come negarlo?- quelli che farebbero meglio a starsene a casa, ma, grazie al Cielo, sono una minoranza, che evita accortamente gli scontri perché sa di perderli! Si invocano riforme. L’un governo cancella quelle del precedente, ma non sono le riforme, pur utili, a salvare la barca.

Ci vuole una salutare svolta perché i protagonisti del processo educativo occupino dignitosamente il loro ruolo. Il permissivismo è deleterio. La predicazione di una astratta legalità lascia il tempo che trova. Rispetto delle regole ci vuole. Per docenti e discenti. E se i genitori ridiventassero educatori aiuterebbero i figli a "crescere" per vincere la battaglie non facili della vita. Che resta "res dura"!

GIROLAMO BARLETTA (da www.lasicilia.it)









Postato il Venerdì, 13 luglio 2007 ore 20:35:01 CEST di Renato Bonaccorso
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.25 Secondi