Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547847538 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1939 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1902 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1845 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1769 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1744 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Associazioni
Associazioni

·GRAN CONCERTO DI BENEFICENZA per “La Civita” di Catania
·Dal Pozzo di Gammazita una rete di associazioni per conoscere la città
·Venerdì 16 Luglio alle ore 19, presso la Corte Vaccarini del Convitto Nazionale “Mario Cutelli” presentazione del libro degli Ing. Gaetano e Fabrizio D’Emilio: #ACCADDEACATANIA
·UCIIM Sezione di Tremestieri Etneo. Incontro con l’autore: Roberto Russo
·Installazione di un gazebo informativo in Piazza Nettuno dalle ore 16.00 alle ore 20.00, oggi 2 giugno, in occasione della Giornata mondiale di sensibilizzazione sui disturbi alimentari da parte dell'associazione ''Stella Danzante” ETS – ODV” di CT


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Nuove Tecnologie: Wi-Fi: quando diventerà sicuro?

Redazione
Wireless LAN, che meraviglia. Eh già, perché l’attrattiva di essere collegati alla Rete sempre ed ovunque, spostandosi liberamente nell’ambiente di lavoro o nei vari locali della nostra abitazione senza l’imbarazzo di fili e collegamenti vari, rappresenta un bel sogno improvvisamente divenuto realtà per molti tecnofili nostrani.

Il WLAN, che in alcune parti del mondo è tuttora per diversi motivi sinonimo di navigazione gratuita a banda larga, conquista ogni giorno sempre di più aziende e singoli utenti, desiderosi di efficienza unita alla libertà di connessione. Tanto più che, grazie alla rapida diffusione delle reti Wireless LAN (Wi-Fi) basate sugli standard IEEE 802.1x, i costi contenuti per l’acquisto dell’hardware accessibile anche al mercato consumer nonché procedure di installazione e configurazione relativamente semplici, il Wi-Fi si sta affermando come una validissima alternativa alle reti LAN Ethernet tradizionali, nonché un (possibile) concorrente dell’UMTS. Se non fosse per...

Naturalmente, non potevano mancare gli inevitabili “contro” per l’impiego di questa tecnologia. Lo standard oggi prevalente è l’802.11b che finora si è dimostrato una tecnologia solida e matura, sviluppata nel corso di questi ultimi dieci anni prevalentemente da società americane appartenenti al mondo IT. Tuttavia, nonostante le tecnologie integrate che dovrebbero garantire la sicurezza delle reti Wireless LAN, queste ultime si sono dimostrate assai vulnerabili e con più buchi di un formaggio svizzero. Lo standard di sicurezza attuale, approvato dalla Wireless Fidelity Alliance (Wi-Fi Alliance), è il cosiddetto WEP (Wired Equivalent Privacy), una soluzione che si sta conquistando una pessima fama nel settore al punto da essere considerata un vero e proprio “moltiplicatore” delle vulnerabilità del Wi-Fi. Il problema è serio e potrebbe rappresentare un freno alla ulteriore diffusione delle reti WLAN. Le previsioni sono parlano chiaro: secondo una ricerca della società di ricerche Gartner, entro il 2002 almeno un terzo di tutte le imprese correranno il rischio di intrusioni per aver realizzato reti WLAN 802.11b.

I problemi della sicurezza delle reti Wireless LAN non sono cosa nuova. Negli USA, dove le reti WLAN sono da tempo una realtà, dilaga il fenomeno del “war driving” e del “war walking”. I due termini indicano persone che in automobile o a piedi, armate di antenna direzionale, individuano reti Wi-Fi scarsamente protette e si collegano ad esse navigando alle spese dell’ignaro utente/azienda. Chiaramente, stiamo parlando di una pratica assolutamente illegale, in quanto rappresenta un’intrusione all’interno di un sistema informatico e come tale severamente perseguibile dalla legge. Tuttavia, al di là degli aspetti puramente legali, non ci deve sfuggire di vista il problema di fondo: l’estrema vulnerabilità delle reti Wi-Fi e la facilità con cui gli hacker più o meno esperti sono in grado di violarle. Non è un mistero che per costruire un’antenna direzionale in grado di rilevare reti Wi-Fi è sufficiente utilizzare una lattina vuota di patatine Pringles...

Cerchiamo di capire un attimo in pochi semplici passi dove si trova il problema. Lo standard IEEE 802.11b prevede due modalità di autenticazione del terminale mobile: SKA (Shared Key Authentication) e OSA (Open Systems Authentication). Mentre il primo metodo prevede l'uso di una chiave "condivisa" (Shared Key, appunto) nel processo di autenticazione, il secondo è assolutamente aperto, non richiede alcuna chiave di autenticazione e l’accesso è garantito a chiunque. Pertanto, non andremo ad analizzare questa seconda modalità. Nel primo caso, invece, solamente dopo aver effettuato l’autenticazione, il terminale mobile e la rete possono comunicare. Lo scambio dei dati, in quanto prevede l’utilizzo di chiavi di autenticazione, è crittografato. Lo standard per la crittografia delle comunicazioni nelle reti Wi-Fi è appunto WEP, a cui abbiamo poc’anzi accennato. L’utilizzo del WEP prevede la codifica dei dati trasmessi con chiavi statiche a 128 e 64 bit, di cui 24 utilizzati per il cosiddetto "Instance Vector" che riducono la codifica a 104 e 40bit. Inoltre, per ovviare alle caratteristiche dello standard 802.11b che richiede l’assoluta sincronia della comunicazione e non tollera alcuna perdita di dati, ad ogni pacchetto di dati viene assegnata una chiave e, più precisamente, la stessa chiave assegnata nel corso dell’autenticazione iniziale. Pertanto, la comunicazione WEP può essere decifrata in pochi minuti, avendo intercettato fra i 100 MB e 1 GB di dati, con alcuni appositi programmi facilmente reperibili su Internet. Una volta scoperta la chiave, il gioco è fatto.


Arriva il WPA

Di fronte a queste debolezze strutturali, c’è poco che un amministratore di rete può fare per rendere davvero sicura una Wireless LAN contro le intrusioni esterne. Per fortuna, appena in tempo, la Wi-Fi Alliance ha annunciato l’approvazione di un nuovo standard per l’autenticazione e la sicurezza delle reti Wi-Fi che, entro il 2003 dovrebbe sostituire definitivamente il WEP e garantire maggiore fiducia. Lo standard, approvato appena qualche giorno fa, si chiama Wi-Fi Protected Access (WPA) ed a partire dal 2003 dovrà essere integrato in tutti i prodotti certificati Wi-Fi. L’equipment oggi in uso potrà, con molta probabilità, essere facilmente aggiornato via software. Entro breve, quindi, le reti WLAN saranno un po’ più sicure ed affidabili.

Il salto di qualità del WPA rispetto all’odierno WEP è dato dall’impiego del protocollo TKIP (Temporal Key Integrity Protocol) per la crittografia dei dati e dal protocollo EAP (Extensible Authentication Protocol) per l’autenticazione dell’utente, funzione quest’ultima assolutamente assente nel WEP. L’EAP consentirà quindi l’accesso ad una rete aziendale solamente agli utenti abilitati, che dovranno fornire le proprie credenziali per l’accesso per ottenere una chiave ed accedere alla rete. Una volta ottenuto l’accesso la comunicazione, il WPA prevede la possibilità di “mischiare” le chiavi inserite in ogni pacchetto, con un controllo dell’integrità del messaggio (MIC) nonché un meccanismo per la rassegnazione di chiavi d’autenticazione.

Il WPA è basato su uno standard futuro, non ancora disponibile, denominato IEEE 802.11i che, in teoria, sarà privo delle debolezze strutturali dell’attuale 802.11b. Il nuovo standard, oggi ancora in fase di sviluppo, sarà lanciato non prima della fine del 2003. Lo standard 802.11i supporterà, oltre al WPA, altre funzionalità non applicabili alle reti attuali che quindi richiederanno la sostituzione dell’hardware per poter essere compatibili con il nuovo standard. Ulteriori costi, dunque, ma con un chiaro vantaggio in termini di sicurezza. La scelta di lanciare in anticipo il WPA, che naturalmente sarà pienamente compatibile con i futuri standard IEEE 802.1x, illustra chiaramente la preoccupazione per la sicurezza che rischiava di minare tutti i progressi finora ottenuti nel settore. Wi-Fi, si prospetta un futuro meraviglioso...?









Postato il Mercoledì, 27 novembre 2002 ore 01:00:00 CET di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi