Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547681147 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1922 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1875 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1801 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1732 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1715 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·Video e rap per la Shoah. Il Coro interscolastico di voci bianche 'Vincenzo Bellini'
·25 aprile, lontani ma vicini: i giovani cantori di Torino cantano 'Bella ciao'
·Caro virus, non sei simpatico e gentile
·L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
·Premiazione concorso #Zerobullismo, la tua storia contro il bullismo in rete - Liceo Classico 'Tommaso Fazello' di Sciacca


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: «In classe ho ragazzi di mezzo mondo. Il problema? Il razzismo dei genitori»

Rassegna stampa

Genova. Celeste Barone tra la «erre» di Wei Li e l'odio del piccolo libanese

La maestra Celeste non è mai riuscita ad accettare la «erre» mancante di Wei Li. Si è sempre sentita responsabile, per quel bambino che dopo cinque anni parlava ancora come i cinesi dei cartoni animati. «Alle Elementari hai sempre paura che un tuo fallimento segni in maniera indelebile un essere umano. Quando escono da qui, non li rivedi più, e ti chiedi che ne è stato di loro. Noi siamo le fondamenta della casa, quelli che cominciano qualcosa che altri finiranno». Un giorno ancora lontano, quando finirà di insegnare, Celeste Barone scenderà negli archivi della De Scalzi-Polacco, la scuola dove lavora da ormai 15 anni, e si leggerà i registri di quando i bambini «ariani» entravano dall'ingresso principale e quelli ebrei da una porticina sul retro, invisibili agli altri, contabilità separate, le loro vite documentate solo dagli appositi «registri della razza ebraica». Ne farà un libro, forse. Anche la maestra Celeste è stata una bambina discriminata. È nata ad Asmara, figlia di un soldato che a guerra finita decise di restare in Eritrea per fare il fotografo. Quando la famiglia Barone tornò a Genova, lei e suo fratello erano chiamati «gli africani» dai compagni di classe. Non è un caso, dice, che entrambi siano finiti ad insegnare in istituti che hanno il quaranta per cento di alunni extracomunitari, lei alle Elementari, lui alla media Don Milani, la scuola ai bordi dei carrugi del centro storico che nel 1998 divenne un simbolo dell'Italia multietnica, quando si scoprì che tra i suoi banchi nove ragazzi su dieci erano stranieri. Fu allora che cominciò a funzionare una rete di accoglienza che anche oggi si occupa di distribuire in modo omogeneo gli allievi extracomunitari nelle varie scuole, per evitare la creazione di ghetti. Un osservatorio «indirizza» le iscrizioni alle primarie, mentre il Cras, Centro risorse alunni stranieri, da quasi dieci anni si occupa di formare gli insegnanti e distribuisce libri nelle diverse lingue d'origine. «Basta? Non credo. I programmi ministeriali si ispirano sempre alla poetica della maestrina con la penna rossa, che è sicuramente un modo di intendere il mestiere, ma da solo non è più sufficiente. Siamo diventati leggermente più tecnologici, solo questo». Il sistema scricchiola dalle fondamenta, anche in una città-pilota come Genova. I mediatori culturali, che sono pagati dal Comune, sono stati dimezzati negli ultimi anni, e la loro presenza si riduce ormai a qualche ora settimanale. A settembre il ministro Fioroni ha spedito 40 mila euro per le scuole della città, e solo in minima parte quei soldi sono stati utilizzati per accoglienza e inclusione dei bambini stranieri. Alla fine si torna sempre a loro, alle maestre e alla buona volontà, una sorta di volontariato non obbligatorio ma necessario. «Il problema — dice Celeste Barone — è altrove, nell'università che non funziona. A chi vuole diventare maestro o professore si insegna di tutto senza fargli imparare un granché. Le ex Magistrali non formano, e parecchi dei giovani insegnanti mancano di passione e preparazione. Ogni tanto mi capita di andare all'estero per convegni, e vedo che i colleghi hanno competenze, capacità e conoscenze didattiche che le nostre scuole di formazione si sognano». L'integrazione, e molto altro ancora, comincia alle Elementari, l'unico ambiente protetto della scuola italiana, sottoposto a cambiamenti continui, ma in fondo sempre uguale a se stesso. Celeste ha una classe con sette etnie diverse, un caleidoscopio dove si concentrano i problemi che oggi una maestra si trova davanti. C'è il bimbo albanese con madre ancora ragazza che non riesce ad imparare una parola d'italiano. A settembre il piccolo libanese le ha detto che in estate suo cugino era morto su una mina israeliana, glielo avevano raccontato i nonni, e quindi aveva deciso che da grande avrebbe «odiato» i nemici. «Non è facile, spiegare ad un essere umano di sette anni sottoposto all'influenza dei grandi che l'odio non è un lavoro, non è niente». Durante l'anno arriva sempre il momento in cui il medico scolastico impone la tubercolinica, e tocca spiegarlo ai genitori dei cinesi. «Penso che se qualcuno mi filmasse e mi spedisse su YouTube, spopolerei. Metto su una faccia da "bacillo di Koch", simulo atroci sofferenze, e solo allora la madre, preoccupata per la mia salute, mi prende la mano per farmi capire che va tutto bene. Un gesto di pietà». Anche a guardarla dal giardino delle Elementari, la famiglia non se la passa bene. «I bambini sanno essere crudeli, ma non conoscono ancora il razzismo. Le loro famiglie invece sì. Gli stranieri vogliono fortemente integrarsi, per condividere gli stessi giochi degli italiani, scambiarsi le figurine dei Gormiti. Ma quando un alunno ecuadoriano o marocchino sparisce da scuola, e purtroppo capita spesso, i genitori degli altri tirano un sospiro di sollievo, qualcuno dice che così il rischio dei pidocchi diminuisce e non si rende conto che sta pronunciando un'enormità. È un razzismo inconsapevole e strisciante. I figli accettano il diverso in modo incondizionato, mentre i genitori lo fanno solo per motivi di facciata, di rispettabilità». Non è passato molto tempo da quando Celeste si trovò appeso alla porta della classe l'invito alla festa di un alunno italiano, scritto dalla sua mamma. «Piccolo dettaglio, era nominale. Una lista di nomi, non tutti. Tu sì, tu no. E gli esclusi, ovviamente, erano stranieri». Non è una peculiarità italiana. Ecuadoriani e peruviani si odiano per ragioni storiche, ma in classe giocano insieme. Le loro madri invece non si parlano, e questo silenzio inevitabilmente sgocciola sui figli. «Dopo qualche mese, è facile che un bimbo ti dica che "quando sono grande a quello non gli faccio più amico"». La speranza è nelle nuove generazioni, non di figli, ma di madri e padri. «Da qualche anno qualcosa sta cambiando. I sessantottini sono stati mediamente dei genitori orrendi. Disastri familiari, un caos affettivo inenarrabile, i bimbi gestiti come pacchi postali, impicci viventi da incastrare nell'agenda giornaliera, e sempre la pretesa che la colpa del disagio dei figli fosse di altri, del coniuge separato, della società ingiusta, mai loro. Nei nuovi genitori, invece, vedo una maggiore e più serena accettazione delle proprie responsabilità, dell'essere famiglia». Celeste ci si è trovata, questo mestiere non lo ha scelto. Ma alla domanda sul perché lo fa da oltre trent'anni, spunta fuori la maestra dalla penna rossa che è in lei, mischiata a qualcosa di molto personale. «Suonerà un po' retorico, ma l'unica risposta è questa: sono una signora di mezza età che non ha mai avuto figli. L'illusione di lasciare su ognuno di questi bambini una ditata, un'impronta positiva, è comunque un modo per guadagnarmi l'eternità». Pochi giorni fa, Celeste era sull'autobus. Ad una fermata, dai due ingressi della vettura è entrato un gruppo di ragazzi. Li ha guardati, mentre facevano casino, insultandosi da un capo all'altro della vettura. Uno di loro le sembrava di averlo già visto. Non si è fatta avanti, perché le maestre sono così, hanno paura di disturbare, hanno la percezione del tempo che passa. La maestra ha stretto gli occhi, per scrutare meglio i lineamenti di uno spilungone cinese. Era Wei Li, senza dubbio. Negli anni, aveva imparato tante cose, non tutte necessarie. Urlava, in mezzo agli altri passeggeri. Diceva «stronzo», «porca troia». Ma la «erre», quella, era perfetta.

Marco Imarisio (da www.corriere.it) 06 aprile 2007









Postato il Sabato, 07 aprile 2007 ore 19:20:00 CEST di Renato Bonaccorso
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.27 Secondi