Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547657947 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1921 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1874 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1798 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1730 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1714 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·Primo premio e menzione speciale per il Convitto Cutelli al Concorso di poesia Piakos: alunni e prof entusiasti
·Rivisitazioni classiche al Convitto Cutelli: Antigone di Sofocle interpretata dagli alunni del Liceo Classico Europeo, sabato 18 giugno 2022
·Gran Galà del Convitto Cutelli: giovani promesse fra passi di danza e spirali di emozioni
·Due menzioni per il Liceo Spedalieri di Catania nel Certamen Syracusanum e Aetnaeum
·Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: I prof in trincea. Palumbo, da 41 anni in cattedra: oggi docenti demotivati e famiglie in crisi

Rassegna stampa

Non si sente in trincea e dopo 41 anni di insegnamento, con tutte le rivoluzioni scolastiche alle quali ha assistito, ha ancora voglia di insegnare, nonostante talvolta mediti di andare in pensione. Ma la domanda resta sempre nel cassetto, perché «non potrei fare a meno del rapporto con i ragazzi». E’ però molto critico nei confronti dei suoi colleghi del liceo classico Spedalieri di Catania che hanno risposto ai loro alunni di non avere risposte da dare e che non è compito loro dare risposte. Il prof. Antonino Palumbo, ordinario di italiano e latino, 4 figli a casa e migliaia di "figli" cresciuti tra i banchi, a suon di classici, ritiene invece che «non si può dire che nella scuola democratica, laica, pubblica non si danno risposte: nella scuola dei classici si fanno domande e ci si scommette nelle risposte». Perché i ragazzi dello Spedalieri non ponevano una domanda teologica, ma esistenziale, filosofica: «Volevano insegnato il valore della vita e della morte – spiega il prof. Palumbo –, chiedevano verità con la "v" minuscola perché la verità è fondamento della libertà. Tutti i classici vanno alla ricerca di un senso della vita e della morte: quella era la domanda dei ragazzi e, come tale, era doverosa. Un insegnante è credibile quando un alunno percepisce che le parole, prima di uscire dalla bocca del docente, rimbalzano nel suo cuore, cioè quando noi insegnanti crediamo a ciò che diciamo». Né ha senso, secondo il prof. Palumbo, l’idea dei suoi colleghi che la scuola non debba dare risposte, ma solo strumenti: «Cosa vuole dire dare strumenti? Se dò uno strumento ai ragazzi, devo far loro capire cosa si può fare con quello strumento: con un martello posso costruire una sedia o posso uccidere un uomo. Chi è deputato, se non il docente, a insegnare all’alunno come usare al meglio lo strumento?».

I ragazzi, insomma, chiedono risposte, «ma in questo sistema sono gli incolpevoli, gli innocenti ». Perché la scuola, oggi, purtroppo, risposte non ne dà, né esistenziali, né filosofiche, né culturali. Parola di docente che da 41 anni presidia una cattedra e che in questo arco di tempo ha visto cambiare tutto: «Certo, c’è una differenza notevole tra gli Anni 70 e il riflusso nel privato degli Anni 90. Dopo le rivolte sessantottine degli studenti, negli Anni 70 in classe avevo ragazzi variamente schierati politicamente: frequentavano il partito, erano abituati a esporre in pubblico. Ciò era positivo, era una palestra più valida di quanto possa esserlo oggi il fast food serale. Dalla fine degli Anni 70 e poi negli Anni 80 è subentrata una sempre maggiore sfiducia dei giovani nei confronti dei grandi e della credibilità della politica: gli ideali politici sono stati liquidati».

Ma il cambiamento dei ragazzi è andato di pari passo con la «rivoluzione antropologica della famiglia: con i decreti delegati, negli Anni 70, si dette voce alle famiglie nella scuola, pensando che queste sarebbero state alleate nel processo educativo. E invece ciò non è avvenuto: i genitori vengono e, in una visione sempre più protettiva, che rende i figli mammoni, partecipano solo per sapere come va il figlio e trattare il voto con il docente». Un potere di contrattazione, quasi di ricatto, che nasce dal fatto che «il ruolo e la funzione dei docenti sono in crisi, perché siamo una categoria dequalificata, demotivata, di cui spesso si fa parte soltanto perché non trovano altri sbocchi nella vita».

In questo conflitto, i ragazzi si trovano tra due fuochi, in una scuola che non dà loro le fondamenta culturali. «Oggi alle superiori – denuncia il prof. Palumbo – ci troviamo davanti a ragazzi che non sanno né leggere né scrivere: le riforme della scuola elementare e media non sono funzionali per l’accesso ai licei, i cui programmi non sono stati adeguati. I ragazzi si trovano in quarta ginnasio ad affrontare italiano, latino, greco, inglese, storia dell’arte, quando non sanno gestire nemmeno la grammatica italiana. Dagli Anni 70 c’è stato un progressivo dimagrimento dei programmi, perché i ragazzi capiscono il 5% di quello che leggono. E non perché siano meno intelligenti, tutto il contrario, ma perché i giovani vengono buttati in mare senza salvagente, senza possibilità di sopravvivere, non hanno gli strumenti per capire cosa studiano. E quindi sono confusi, disorientati». E’ quindi un problema di programmi? «La classe politica non ha creduto di investire nella scuola, non pensando che dalla scuola escono i quadri dirigenti di domani. Chi ha fatto le riforme? Tutte persone che non insegnano». E tutti vogliono lasciare la loro impronta. «Si dice di studiare gli autori contemporanei: ma come si fa a studiare Montale o Calvino senza conoscere Pascoli, D’Annunzio, Leopardi, Manzoni? I ragazzi non riescono a seguire perché sono alle prese con programmi magari validissimi, ma non hanno gli strumenti per interloquire con i classici».

Allora cosa fare? «Forse il vero ammodernamento non è cancellare i classici per studiare i contemporanei, ma rendere obbligatoria la lettura dei quotidiani almeno per i grandi dibattiti dell’attualità. Ma attenzione, la vecchia scuola non era tutta da buttare: la società è cambiata, ma i valori sono sempre gli stessi. Allora, lasciate stare i programmi letterari così come sono, e semmai cercate di rinnovare i programmi scientifici, mettete lì più filosofia, che possa dare il senso della modernità. L’etica cos’è? Riguarda cosa? Il fare, l’agire: sono questi che sono cambiati e quindi anche l’etica deve fare i conti con questo cambiamento». Occorre, insomma, avere l’umiltà di rivalutare la tradizione, di innovare nel solco della tradizione. Senza dimenticare che «la cultura è tutto ciò che rimane dopo avere dimenticato tutto: e quindi l’insegnante quando parla dice cose che ha fatto sangue del suo sangue, non nozionismo. Senza dimenticare che, se la scienza è una scala, l’arte è un colpo d’ala».

MARIA AUSILIA BOEMI (da www.lasicilia.it)









Postato il Giovedì, 29 marzo 2007 ore 18:40:59 CEST di Renato Bonaccorso
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4.2
Voti: 5


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi