Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547902138 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2022


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Modulistica
Modulistica

·Personale scolastico 2013/2014
·Concorso dirigenti, quando la comunicazione è ambigua. Depennate le domande inoltrate dopo il 16. ''Colpevoli'' alcuni Usr.
·2011-2012 modelli di autodichiarazioni da allegare alle Utilizzazioni e Assegnazioni Provvisorie
·Modelli di utilizzazione verso i distinti gradi di scuola da parte del personale titolare in altro ruolo e appartenente a classe di concorso o posto i
·Sul Blog di professione insegnante modulistica assegnazioni provvisorie e utilizzazioni a.s. 2011/12


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: Lettera aperta degli studenti del ''P. Umberto'': «Noi studenti ultras rifiutiamo l’etichetta di assassini»

Rassegna stampa

E’ passato più di un mese dai fatti vergognosi del 2 febbraio nei luoghi adiacenti lo stadio Massimino. E dopo un mese di polemiche e critiche talvolta anche troppo forti ad una città, la nostra, come tante altre, dove la delinquenza rischia di prevalere ormai sul senso civico, anche noi, studenti della succursale del liceo statale Principe Umberto di Savoia vorremmo dire la nostra. Sentiamo il dovere di focalizzare l’attenzione sull’aspetto morale della vicenda, esprimendo una critica costruttiva che serva almeno a far riflettere sull’abiezione in cui è caduta la nostra nazione, non solo la nostra città. Sì, lo affermiamo a testa alta: Catania non è peggiore delle altre, anche se la pesantissima squalifica imposta al nostro stadio ha tutta l’aria di essere una condanna a un’intera cittadinanza. Abbiamo scritto all’inizio che la nostra è una città come tante altre, ma da sempre siamo orgogliosi di essere Catanesi. Amiamo la nostra città che riteniamo sia una delle più belle della Sicilia. Purtroppo non tutti i cittadini sembrano fieri di ciò che hanno e fanno a gara nel dimostrarsi incivili. Certo, come tutte le grandi città, Catania non è solo centro storico, c’è anche la periferia degradata. Ma sarebbe troppo facile affermare che solo da questi quartieri provenivano le migliaia di teppisti travestiti da tifosi che hanno scatenato la guerriglia urbana. Le indagini hanno dimostrato chiaramente che tra quella gente convinta che avere una sciarpa rossazzurra al collo ti autorizzi a fare ciò che vuoi, erano rappresentati tutti i rioni, i ceti sociali e le fasce d’età. Anche tra noi, tranquilli e rispettabili liceali, tanti provengono da quartieri cosiddetti a rischio: basta questo per renderci sospetti? Tanti di noi sono anche tifosi e il 2 febbraio al Massimino c’erano; alcuni possono addirittura definirsi ultras. Infatti bisogna distinguere il teppista dall’ultrà: il primo sappiamo tutti chi è, l’abbiamo visto quel venerdì. L’ultrà invece è quello che sette giorni su sette pensa alla partita; quello che, lavoro permettendo, ama andare in trasferta; è quello che ama la maglia, che è fedele, che sostiene la squadra nei momenti difficili, che non farebbe mai nulla di male che possa recare danno a squadra, società e tifosi come lui. Chi vive il calcio con questa passione aveva riposto tante speranze nella partita Catania - Palermo, quella che i veri tifosi catanesi aspettavano da tre anni per potersi riscattare. La madre di tutte le partite: conti i giorni, le ore, i minuti e i secondi. In città non si parla d’altro. Gli ultras preparano e organizzano coreografie e striscioni. Finalmente arriva il giorno: il tempo non è dei migliori, pioviggina, ma lo senti, lo senti nell’aria. Sì, è il profumo del derby! È tutto troppo bello per essere vero, e infatti tutto viene rovinato da gente che non capisce niente, né di calcio, né della vita e che non è capace di amare niente, né una città così bella, né una squadra che ci ha fatto sognare. Ma questa gente dal cuore così arido che si accende solo di violenza spunta forse dal nulla? Possiamo in coscienza affermare che non immaginavamo che sarebbe finita così? Purtroppo la maggior parte di noi era consapevole di ciò che sarebbe potuto succedere. È sbagliato, ma la violenza è ormai parte integrante dello sport e noi ci siamo abituati. O meglio, il calcio è solo una scusa, un pretesto per celare dietro false maschere un odio profondo e ingiustificabile contro le istituzioni e le forze dell’ordine, tanto che oggi si assiste più a scontri tra "tifosi" e forze dell’ordine che tra tifoserie opposte. Questo fenomeno esiste solo a Catania? A Catania è stato un poliziotto a perdere la vita e ciò ha posto la vicenda al centro dell’attenzione mediatica; ma ricordiamoci che la partita si era aperta con un minuto di silenzio per Ermanno Licurzi, dirigente di una squadra calabrese di dilettanti, ucciso a pugni e calci in un piccolo stadio di provincia. Vorremmo far capire che quanto è successo a Catania sarebbe potuto accadere ovunque. Questo comunque non giustifica l’accaduto, anzi sottolineamo ancora che il problema della violenza è un problema morale più che di ordine pubblico. Nel caso specifico ciò che risalta ancora di più è che a una tale manifestazione di violenza erano presenti moltissimi giovani. Ciò dimostra un evidente fallimento di cui tutta la società deve vergognarsi. Scuola e famiglia non possono non interrogarsi sul perché non esistono più dei valori fondamentali. Nelle famiglie c’è un silenzio preoccupante e magari per un ragazzo trovare un legame in un gruppo di ultras-teppisti può sembrare una valida alternativa per colmare il vuoto che si ha dentro. Gli scontri del 2 febbraio sono il sintomo evidente di una società profondamente degradata, in cui può perfino accadere che la Tv spazzatura mostri in diretta come costruire una bomba carta (tanto per non incitare alla violenza...). Adesso bisogna eliminare la violenza non solo dagli stadi, ma da ogni luogo. Bisogna partire dal basso, dai banchi di scuola, per cambiare mentalità. Per esempio, alcune organizzazioni sportive stanno lottando per trasmettere alla gente il vero valore dello sport, considerandolo come un mezzo per diffondere la fratellanza tra gli sportivi. Quali sono stati invece i provvedimenti adottati dalle autorità? La sospensione di una sola giornata di campionato non è servita a nulla se non ad accelerare i lavori per mettere a norma alcuni stadi. Intanto la squalifica infinita inflitta al campo del Catania sembra dire che, trovato un capro espiatorio, ogni problema è rimosso e tutto può continuare come prima. Ma Catania non ci sta: i Catanesi sani dicono no alla violenza, ma si ribellano anche all’etichetta che li vuole tutti assassini!

GLI STUDENTI DELLA SUCCURSALE DEL LICEO STATALE PRINCIPE UMBERTO DI SAVOIA DI CATANIA

(da www.lasicilia.it)









Postato il Giovedì, 22 marzo 2007 ore 03:12:50 CET di Renato Bonaccorso
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.26 Secondi