Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547607241 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1914 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1871 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1786 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1729 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1710 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Comunicati
Comunicati

·L’Educazione Civica è nata a Catania - una targa ricordo al Castello Ursino
·L’Educazione Civica è nata a Catania. Ben tornata Educazione Civica
·Vaccinazione obbligatoria over 50: hub Palermo, Catania e Messina aperti fino alle 24
·Scuola, via libera alle nuove misure per la gestione dei casi di positività. Bianchi: “Varate regole chiare per il rientro in presenza e in sicurezza”
·La Fon.Ca.Ne.Sa dona armonia e gioia ai pazienti del Policlinico


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: Dibattito sul malessere giovanile

Rassegna stampa

Di Stefano: la scuola non è indifferente ai grandi valori

PALERMO. «Non è sufficiente insegnare ai ragazzi ad acquisire lo spirito critico. Il docente non può essere indifferente rispetto ai valori fondamentali. La scuola deve sì dare gli strumenti, certo, ma non può assolutamente essere neutra e tralasciare la funzione educativa». È una bocciatura senza appello quella che il dottor Guido Di Stefano, direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale, pronuncia sulla risposta data dal preside e da 28 docenti del liceo «Nicola Spedalieri» di Catania alla lettera-appello dei ragazzi della stessa scuola. Una bocciatura netta, da operatore che conosce bene il mondo della scuola e da genitore, che sa quanto la collaborazione con le famiglie sia fondamentale per la crescita dei giovani. «I docenti dello "Spedalieri" – sottolinea Di Stefano – definiscono "laica" la loro risposta. Ma laico significa non confessionale, non indica certo una persona senza idee. Ci sarà pure qualche professore fazioso, però il vero docente, quello con la "d" maiuscola, fornisce gli strumenti di autoanalisi, ma espone pure le proprie opinioni, e comunque non è in nessun caso "terzo". Mi viene in mente Croce, il suo "Perché non possiamo non dirci cristiani", da non cristiano quale lui era. Una cosa è la confessione, altro sono i valori. E quelli sono fondamentali. Faccio un esempio che può sembrare banale. Io, docente, parlo ai miei ragazzi dell’olocausto, del nazismo, fornisco ai miei allievi gli strumenti critici ma poi non condanno gli orrori del nazismo. Ho fatto davvero il mio lavoro di educatore? Il nodo fondamentale – continua il direttore generale dell’Ufficio scolastico regionale – è che il mio compito di insegnante non è solo istruire, ma anche educare. È vero, non è un ruolo che posso svolgere da solo, devo affiancarmi alla famiglia. Ma non posso esimermi da questo compito. Cinquanta, sessanta anni fa i vecchi libri di didattica distinguevano tra la scuola che aveva il compito di educare - quella che oggi chiamiamo primaria - e la scuola - il cosiddetto "superiore" - che doveva invece istruire. Oggi questa distinzione è superata, la scuola, tutta, ha entrambe le funzioni. Altrimenti non fa crescere gli individui. Un altro esempio. La Germania nazista sfornava tecnici "perfetti", ma mancava l’educazione della persona ai valori». Cosa rispondere, allora, ai ragazzi del liceo «Spedalieri»? «Io – dice Di Stefano – avrei detto loro parliamo, certo. Avrei anche aggiunto che se loro vogliono solo essere aiutati ad essere felici è un po’difficile. La felicità non può darla nessuno. Se, invece, vogliono discutere di un mondo da costruire e dei sacrifici da fare beh, questo è doveroso, perché questo è il mio compito di insegnante. Il docente deve avere tre qualità: ascolto, cervello, cuore. Per ascoltare devo conoscere: i ragazzi che filmano le scene di violenza col telefonino non nascono certo dal nulla, sono figli di una società che li bombarda di messaggi che indicano valori sbagliati, falsi, di genitori che li spingono a cercare il successo a tutti i costi ricorrendo a mezzucci. Poi c’è il cervello: si deve stimolare il cervello dei ragazzi, insegnare loro a ragionare. Ma fondamentale è pure il cuore: io insegnante devo essere capace di creare interesse nei miei ragazzi, di stupirli. Se non lo faccio, fallisco».

MARIATERESA CONTI (da www.lasicilia.it)

 

Sgalambro: «Gli adulti sommersi nella palude»

«Giovani violenti? Parliamo piuttosto degli adulti». Se non facesse di mestiere il provocateur, Manlio Sgalambro che razza di filosofo sarebbe? Il suo prossimo libro, ormai in uscita, si occupa della conoscenza del peggio, giacché «la filosofia ha sempre pensato il meglio. Anzi, l’ottimo. Ma Platone dice: del peggio bisogna sapere. Sono partito di là». Allora, partiamo dal peggio degli adulti. «Le notti violente dei giovani sono molto più regolate dei giorni malmostosi, sregolati, di noi uomini maturi». Notti regolate? «Se parliamo del fenomeno violenza, non posso esimermi, anzitutto, dal prenderne le distanze per osservare la cosa in sé. Di norma, la violenza dell’uomo è dominata dalla regola: dai gladiatori ai pugilatori, dai toreri ai guerrieri, non c’è violenza che non sia ordinata da regole. La violenza diventa ferocia quando, appunto, viene meno ogni regola». E questo dipende da noi grandi? «Da chi altri, sennò? Prendiamo la guerra. Non c’è più guerra che soggiaccia a una regola. I Talebani combattono una guerra senza regole. Non fanno forse lo stesso gli Americani? Il terrorismo copre tutto con una coltre giustificazionista. Pensi solamente ai sistemi di sicurezza negli aeroporti... Siamo costretti a ispezioni personali a mani alzate, a smettere scarpe e guanti, a depositare le impronte digitali, a essere palpati... Non è coercizione questa? Viaggiare l’America, per un cittadino europeo, significa entrare in un rituale di violenza». Anche la violenza giovanile - allo stadio, in discoteca, a scuola - pare obbedisca ai suoi rituali... «Con una differenza, però. In quel caso, le tappe del rito, le sue regole, stanno dentro la violenza stessa, non fuori di essa. L’anti-terrorismo, invece, implica forme di violenza rivolte all’interno della comunità - in qualche modo, contro di essa - e praticate come sistema di difesa dalla violenza esterna. Ma c’è una violenza indotta dall’apparato repressivo. Lei diceva: lo stadio... Veda, io non credo affatto che schierare allo stadio mille poliziotti in assetto di guerra sia uno spettacolo privo di conseguenze». Beh, a Catania, uno di quei mille è stato ammazzato... «Appunto. Mi si capisca: non voglio dire, naturalmente, che quell’omicidio sia correlato allo spiegamento di forza pubblica inteso a prevenire fatti violenti anche meno gravi di quello accaduto. Dico che l’idea di aggiustare il mondo secondo Logik und Polizei, è precisamente un’idea pericolosa. Se il principio di non contraddizione sterilizza la libertà del pensare, l’ostensione di scudi, elmetti e manganelli alla partita di calcio può avere effetti sulla natura del gioco». Lei riesce a immaginare uno stadio senza la sorveglianza di un solo questurino? «Certo che no. Posso immaginare, però, prima che intervengano prefetti e questori, il lavoro di educatori che insegnino ai ragazzi ad ammirare la bellezza del gioco del calcio. Di questo si tratta, in fin dei conti». Dell’educazione o della bellezza? «Dell’una e dell’altra. Ammesso si dia il caso che vadano disgiunte. Ci sono i Bronx, certo; ma la violenza nei Bronx la portiamo noi tutti». Vorrei scendere in dettaglio. Lei crede che il caso Catania abbia una specificità propria? «Se ce l’ha, bisognerebbe legarla ad altre specificità. Mi vengono in mente quei sociologi che definiscono liquida la nostra epoca. Liquida? Direi, piuttosto: oleosa. Si ondeggia come turaccioli su una marea vischiosa, squamosa. Non ci sono fondamenta solide, né modelli di riferimento. Ci sono mode. Ma alle mode, diceva Hegel, bisogna stare attenti: possono essere età dello spirito. I giovani annaspano? Può darsi. Qualche anziano, in compenso, è già sommerso dalla palude. Non abbiamo ancora avviato le opere di bonifica». Da dove comincerebbe? «Dal principio di autorità e dal principio di responsabilità. L’autorità è credibile - direi, amabile - in quanto è autorevole, non autoritaria. Ad essa si aderisce spontaneamente: non per timore di punizioni, ma per amore di esempi. Quanto alla responsabilità, è sempre individuale. Genitori o insegnanti che non trasmettano simili princìpi, hanno già abdicato al ruolo ». Alcuni insegnanti del liceo "Spedalieri" di Catania hanno scritto che la scuola non deve offrire valori agli studenti, bensì fornire il metodo che li aiuti a trovarseli da sé. «Insisto: è un’abdicazione, una forma di sottostima, di autosvalutazione, del lavoro di docenza. L’educatore che fa della paidéia una pura questione di metodo, rinuncia alla metà del suo compito». Perciò, molti genitori, in fatti e fattacci scolastici, dànno quasi sempre torto ai professori e quasi sempre ragione ai figli? «Non ho molta fiducia nella famiglia in queste faccende. Chi dà la colpa alla famiglia in queste cose, non sa cosa dice. O, se lo sa, ne discorre annoiato. La famiglia oggi è un luogo di controversie, di dispute: fra coniugi, ex coniugi, o separati potenziali. La scuola, sì, può trovare il modo di uscire dal pantano». Come? «L’educazione ridiventi formazione. Le faccio un solo esempio: tutti i ragazzi che conosco parlano inglese con la stessa abilità con cui battono i tasti del pc. Sarà un vantaggio, ma non è un merito. Chi sa qualcosa di Shakespeare? Diffondere una lingua, senza la cultura diffusa in quella lingua, è educativo forse, ma certo non è formativo». Ammesso che siano tanti i docenti d’inglese nei licei capaci di trasmettere Shakespeare, sia pure come valore aggiunto... «Ammesso, e non concesso, questo. Of course».

GIUSEPPE TESTA (da www.lasicilia.it)









Postato il Venerdì, 16 marzo 2007 ore 20:57:13 CET di Renato Bonaccorso
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 3.66
Voti: 3


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.26 Secondi