Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547649574 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1920 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1874 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1795 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1730 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1714 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Eventi
Eventi

·Bocelli e Mitoraj a Noto per promuovere i siti Unesco Siciliani
·Job orientation and Work experience in Europe
·Tavola rotonda al III IC Rodari di Acireale
·Sabato 17 marzo Gara Regionale ''EXPONI le tue idee 2018'' per il Convitto Nazionale “Mario Cutelli” di Catania.
·Tavola rotonda su dislessia, disgrafia, discalculia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


News: I TELEFONINI A SCUOLA: NON OCCORRE UNA LEGGE

Opinioni
Bulli e squilli, non occorre una legge.

Mario Pirani, la Repubblica, 19/2/2007

 

 All'inizio del 2005 - sembra già trascorsa un'epoca tecnologica - dedicai un paio di pezzi di questa rubrica all'assurdità di consentire l'uso dei telefonini a scuola per il disturbo che arrecavano alle lezioni. Mi aveva spinto a scriverne lo stupore per una sentenza della Cassazione che confermava la condanna per violenza privata di un professore di Lecco che aveva strappato di mano il telefonino a una studentessa, la quale, incurante di ogni invito, continuava imperterrita ad usarlo durante la lezione.

 Pochi giorni dopo in un convegno cui partecipava il presidente di tutti i presidi italiani, questi mi spiegò l'inopportunità, a suo avviso, di un divieto mentre gli appariva consigliabile dissuadere i ragazzi, usando parole di convincimento, "altrimenti la scuola diventa coercizione". I metodi di persuasione non debbono, però, aver sortito effetti se, due anni dopo, col salto tecnologico che ha trasformato i cellulari in telecamere, collegabili in rete per la diffusione via Internet, non abbiamo che l'imbarazzo della scelta tra riprese in diretta di scene di violenza di gruppo, di sessualità adolescenziale esibita, di voluto ludibrio dell'istituzione scolastica. L'uso illimitato del telefonino si è così incrociato col bullismo in crescita esponenziale. I dibattiti in tv sul tema non ci sono risparmiati. Vi compaiono ministri compunti e ministre con aria sollecita, i quali ci informano che stanno studiando una legge che vieti l'introduzione nelle aule del malefico strumento.

 Mi sembra davvero assurdo che occorra addirittura una legge, quando sono convinto che basterebbe una circolare del ministro ai presidi che li obblighi ad emettere e far applicare il divieto di entrare a scuola col cellulare. Si leggono, talora, articoli intelligenti e accorati, come quello di Ilvo Diamanti (Repubblica dell'11 febbraio) che confessa: "I giovani, i più giovani. all'improvviso sembrano diventati estranei. Non comprendiamo la loro indifferenza verso l'autorità, che noi stessi abbiamo contribuito a demistificare e combattere". Mi sembra abbia colto nel segno e, anche se non è certo questo lo spazio per approfondire, vorrei con semplificante schematicità, elencare i momenti che hanno portato all'attuale distacco generazionale. Premetto che rifiuto di considerarlo un dato misterioso, quasi si trattasse di un fenomeno della natura, un effetto serra sociologico. Per contro mi appare come il frutto perverso di una fase storica - politica e culturale - che ha oltrepassato le premesse positive per dissolversi in un indistinto nichilismo, in uno scarico di responsabilità, in una perdita di ruolo che ha corroso il pensiero e le strutture (famiglia, Stato, partiti, scuola) su cui la società aveva organizzato il suo progredire.

 Il potenziale liberatorio e progressista dei movimenti che avevano animato l'arco temporale dal '68 al '77 andò ben oltre la conquista di una nuova condizione femminile, di un più aperto e generale diritto allo studio, di nuovi rapporti e diritti familiari. Se ne sono invece tratte conclusioni aberranti, soprattutto sul piano della cultura diffusa e delle sue applicazioni (dalle riforme pedagogiche alla giurisdizione). Quanti genitori, insegnanti, giudici, formatisi nell'arco di quella prolungata stagione, si sono prestati ad essere i portatori attivi di un virus nichilista che ha proliferato e invaso il corpo sociale? Si è avvalorata in una serie di discorsi, di misure pratiche, di comportamenti nella famiglia e nelle scuola, la confusione tra affermazione della libertà democratica e scardinamento del principio di autorità, tra ampliamento dei diritti e la cancellazione del concetto di "limite", in un'orgia di esaltazione del diritto individuale ad ogni scelta, anche quando offende e danneggia il diritto di tutti e, comunque, quello altrui.

 Nella scuola la devastazione, di cui molte riforme sono state il tramite, non ha incontrato dighe, anche se non dovunque è così e laddove l'insegnante sa essere autorevole il rapporto con gli studenti resta vivo e proficuo. Non si può, però, chiedere a un corpo docente umiliato, misconosciuto e malpagato di adeguarsi all'esempio di pochi. Solo se la cultura democratica, in primo luogo nella famiglia e nella scuola, ritornerà a comprendere che il principio di autorità e il concetto di limite non sono attributi della destra ma garanzie di ogni società libera, quel rapporto educativo, che è sempre esistito tra le generazioni dei padri e delle madri e quelle dei figli, potrà tornare a quella proficua dialettica che rende il naturale conflitto un elemento di crescita e non di devastazione alienante.








Postato il Mercoledì, 21 febbraio 2007 ore 00:05:00 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4.5
Voti: 8


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi