Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547788538 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1931 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1889 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1832 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1756 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1737 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·Ai confini della realtà. Le assurde proposte di una dirigente scolastica 'appassionata al futuro'
·Richieste illegittime da parte delle segreterie scolastiche
·Concorso dirigenti scolastici 2017: “Giustizia per l’Orale” denuncia i plurimi aspetti di illegittimità
·Quelle strane incongruenze nel curriculum della ministra Lucia Azzolina
·La DaD ha salvato la baracca?


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Precariato: DOPPIO PUNTEGGIO INCOSTITUZIONALE: COME NON DETTO?

Opinioni
Doppio punteggio incostituzionale.
 Come non detto?

da  vincenzobrancatisano.it, 3/2/2007

 

I giornali nazionali scoprono il doppio punteggio della montagna. Finalmente anche le cosiddette grandi testate si accorgono della famigerata legge 143/2004 e delle proprie nefandezze. Dopo avere ignorato per tre anni il problema, se ne escono in queste ore con informazioni ministeriali che promettono a tutti massima tranquillità. State sereni, nessuno perderà nulla. Cosa sarà mai una   sentenza della Corte Costituzionale. Cosa saranno mai   le perplessità di un Tar.

Ci sarà un nuovo indulto? State sereni, non succederà nulla. Ci sembra di ricordare questa frase. E’ della primavera 2006. Non vi preoccupate, aboliremo il doppio punteggio di montagna. Se ci voterete. L’hanno abolito, certo, ma hanno lasciato che estendesse i propri effetti fino al 1 settembre 2007. Così hanno mandato allo sbaraglio migliaia di docenti su e giù per i monti, anche nell’anno in corso, infischiandosene della pessima amministrazione della cosa pubblica, contraria anche alla Costituzione, indotta dallo smembramento delle cattedre (abbiamo contato e denunciato situazioni con   sette insegnanti su una cattedra di 17 ore). Non se la sono sentita di farlo prima perché non volevano turbare i diritti acquisiti. L’anno scolastico in corso doveva ancora iniziare, si potevano evitare problemi ulteriori, ma non se la sono sentita, del resto neppure i sindacati, ispiratori del (mancato provvedimento) se la sono sentita. Eppure   c’è chi nel 2005 si dissociò dalla normativa incostituzionale: l’istituto industriale “Fermi” di Modena.

Non si possono fare leggi retroattive, hanno detto invece i nostri politici, sapendo di dire una cosa non vera. Le leggi reroattive si possono fare, a parte pochissime eccezioni. In campo penale la retroattività è proibita dalla Costituzione: nessuno può essere punito per un fatto commesso prima che la legge penale lo abbia configurato come reato. Il punteggio delle graduatorie non è roba da Corte D’Assise, è solo roba da manicomio. La Corte Costituzionale e anche il Tar del Lazio aggiungono addirittura che il fatto di essere in graduatoria non significa avere diritti. Peraltro, sostiene il falso chi sostiene che non sono mai stati emessi provvedimenti retroattivi nel settore delle graduatorie scolastiche.

Che cos’è stato, se non un provvedimento retroattivo, quello che nel 2004 ha ridotto di due terzi i punti relativi ai titoli di ammissione nelle graduatorie? La stessa Corte Costituzionale nella sentenza con la quale ha dichiarato incostituzionale il doppio punteggio di montagna ha sancito che la retroattività della valutazione dei titoli è costituzionale, una cosa ovvia a chiunque conosca un po’ il diritto.

Sostenere nell’estate 2006 che non si poteva abolire il doppio punteggio neppure per l’anno 2006-2007 è stato singolare. Attendere la legge finanziaria per abolirlo è stato grave. Far slittare al 1 settembre 2007 gli effetti dell’abolizione è stato devastante. “Prendetevi la montagna, e non vi preoccupate – consiglierà il segretario provinciale di un sindacato scuola a fine agosto 2006 a centinaia di precari accorsi per la nomina – finchè c’è, godetene”. Ora i sindacati si stracciano le vesti, si scandalizzano, fanno insomma la propria parte e assieme all’attuale governo attribuiscono al (pessimo) governo Berlusconi la responsabilità del doppio punteggio. Invece fu il Parlamento a votare la legge 143, mentre il governo fornì addirittura un parere contrario. E’ singolare che un governo (Berlusconi), con l’ampia maggioranza che lo sosteneva non sia riuscito a farsi sentire dalla propria maggioranza in Parlamento, ma è un fatto che il governo (Berlusconi) del 2004 sia stato contrario all’estensione del doppio punteggio a tutti gli ordini di scuola e addirittura all’estensione squallida del doppio punteggio al servizio svolto in carcere e nelle isole minori.

Perché prendersela con la (pessima) Moratti o con la Riforma Moratti? Che c’entra la riforma Moratti con il doppio punteggio di montagna? Dei politici di centrosinistra, durante l’iter di conversione del decreto 97 in legge 143, ricordiamo gli attacchi al servizio militare – la valutazione c’era nel decreto legge 97, fu poi eliminato su richiesta sindacale, almeno dalle permanenti, durante l’iter di conversione – ma non ricordiamo attacchi altrettanto efficaci contro il doppio punteggio di montagna. E stiamo parlando di un principio squallido, ingiusto, platealmente incostituzionale. Hanno consentito che passasse. Per ben due volte. Nel 2004 con la scusa di avere barattato la norma con la promessa di immissioni in ruolo. Quasi che baratti del genere non siano ancora più squallidi del punteggio in sé: non si barattano i diritti, specie quando l’immissione in ruolo così ottenuta da uno costa il sacrificio di un altro sorpassato in modo ingiusto e incostituzionale.

E nel 2005: qualcuno ricorda ancora? Meriterebbero un tapiro di plastica, ma nessuno glielo manderà, perché i precari della scuola a furia di farsi trattare (e di accettare di essere trattati) da sottoproletari sono diventati meno importanti della stoffa con cui hanno confezionato il vestito del Gabibbo. E mentre le amministrazioni non sanno che pesci prendere dopo la sentenza della Corte Costituzionale, le notizie sono rassicuranti. State sereni. Nessuno perderà nulla.

Noi invece chiediamo ancora una volta al governo di avere un po’ di coraggio e di andare oltre, gli chiediamo di superare la Corte Costituzionale. Si abolisca con un decreto d’urgenza e con effetto retroattivo anche il doppio punteggio per il servizio svolto in carcere e nelle piccole isole. Lo avevamo   chiesto anche con un po’ di ironia l’estate scorsa. Lo abbiamo chiesto  seriamente nei giorni scorsi. Ora lo ribadiamo: siano aboliti tutti i privilegi e con effetto retroattivo. Non si scandalizzino i sindacati per i danni (gravi) creati ai precari (magari di primo pelo) che hanno fatto qualche chilometro (dieci, cento, mille, centomila?) in più per andare in collina o sui monti, che hanno patito il freddo. Chi è in servizio da 20, 30 anni come precario della scuola pubblica ha subìto danni ben più gravi. In pianura e in montagna. Al mare e in città. Una montagna di danni.

Eccovi il link









Postato il Domenica, 04 febbraio 2007 ore 09:28:30 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 3
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.22 Secondi