Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 522861294 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2021

L’arte speciale di Aliaia, del Liceo Artistico 'Emilio Greco', di Catania
di a-battiato
3183 letture

Sogno d’una notte d’inverno, tra città e saperi
di a-battiato
2805 letture

Giornale scolastico: Informa-Azione all'IIS Francesco REDI di Paternò
di m-nicotra
1723 letture

Il Ministro Bianchi elogia la preside Brigida Morsellino. “Grazie per aver tenuto gli studenti a rischio legati alla scuola”
di a-oliva
1653 letture

Accussì, il libro di poesie in lingua siciliana di Angelo Battiato
di m-nicotra
1320 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Rassegna stampa
Rassegna stampa

·Il Ministro Bianchi elogia la preside Brigida Morsellino. “Grazie per aver tenuto gli studenti a rischio legati alla scuola”
·Vaccini, Sicilia prima in Italia. Figliuolo: “Ora raddoppiare”
·17 marzo - 160 anni L’Italia nel cuore. Iniziative dei Ragazzi Sindaci con il patrocinio della Camera dei Deputati e del Presidente dell’ANCI. Lezione di Educazione civica applicata
·Catania, al polivalente Valdisavoia con la rete civica della salute percorsi di competenze trasversali in democrazia partecipata, empowerment e cittadinanza responsabile
·Completato l’assetto politico-amministrativo del Ministero. Quale futuro immaginare?


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Docenti inidonei: LA FINANZIARIA NON SARA' UNO STRUMENTO DI SVILUPPO DELLA SCUOLA PUBBLICA

Comunicati
10 novembre 2006 - GILDA
Sono culturalmente maturi i tempi per l’ area di contrattazione separata dei docenti. Lo ha detto il viceministro Mariangela Bastico all’ assemblea della Gilda di Bologna


Ampia e approfondita la relazione del viceministro a Bologna, ma – secondo il coordinatore nazionale della Gilda, Rino di Meglio-  è la dura realtà dei numeri  a porre più di qualche dubbio sulla possibilità che la Finanziaria sia uno strumento di sviluppo per la Scuola pubblica.

Dopo il convegno di Roma e l' assemblea a Campobasso, ancora una volta, il viceministro Mariangela Bastico   è stata  ospite della Gilda degli insegnanti per parlare ai docenti dei programmi del Governo sulla Scuola.

E' successo a Bologna, il 6 novembre, dove il viceministro ha dialogato con il coordinatore nazionale della  Gilda, Rino di Meglio  sul tema : “ Sistema scolastico e professione docente: prospettive di modifiche strutturali e ruolo della Legge Finanziaria 2007”

Il dibattito, organizzato sotto forma di assemblea sindacale dalla Gilda degli Insegnanti, ha visto la partecipazione di oltre 400 insegnanti.

Il confronto, introdotto dal coordinatore provinciale, Carlo Braga , è stato aperto dal Coordinatore nazione, Rino Di Meglio  che ha posto al viceministro  alcuni problemi fondamentali per la Scuola :

1) Il contratto  : scaduto da gennaio 2006,  per il quale non è stato ancora emanato l' atto di indirizzo.

2) L' area di contrattazione separata per i docenti , obiettivo storico e mai abbandonato dalla Gilda degli Insegnanti.

3) Le RSU  : sistema aziendalistico   non solo  contrario alla logica della Scuola, che è luogo educativo, ma anche  iniquo per misurare la rappresentatività sindacale.

4) La Finanziaria : propone tagli  per la Scuola e non investimenti per questo settore, considerato- purtroppo ancora solo a parole- fondamentale per lo sviluppo del Paese.

 Questi punti sono stati, per il viceministro, occasione di comunicare , in maniera articolata ed organizzata, il programma di intervento del governo sulla Scuola.

In premessa, Bastico ha affermato di  ritenere “ culturalmente interessante la proposta della Gilda degli Insegnanti sull' area di contrattazione separata  per i docenti”  e di  considerare “ culturalmente maturi i tempi per affrontare questo tema ”,  la cui soluzione, tuttavia, non è solo nella volontà  del Ministero della Pubblica Istruzione, ma nella contrattazione. 

Dopo avere precisato che In Finanziaria sono stati inseriti i fondi per i rinnovi contrattuali , il viceministro ha seguito questi filoni. 

1) Percorso del governo sulla scuola.

           Secondo Bastico, il governo sta attuando il suo programma di smantellamento della Legge 53;  questa operazione si sta realizzando con atti diversi ( revoche e sospensioni), ma può già segnare alcuni punti fermi : sospensione di  tutor e portfolio e riassegnazione alle scuole delle tre ore di materie opzionali; blocco  della sperimentazioni  per il secondo ciclo; abrogazioni dei due decreti , l' uno relativo alla confluenza dei titoli di studio ( che avrebbe introdotto il passaggio degli istituti professionali alle Regioni, mentre  è obiettivo di questo governo mantenere l' unitarietà del sistema di Istruzione) e l' altro  relativo ai titoli di studio in uscita., poiché si ritiene che  non possano essere aboliti i titoli professionalizzanti.

Questa politica- ormai nota come “la tecnica del cacciavite”-  ha lasciato dei punti ancora aperti , tra i quali quello delle Indicazioni nazionali.   Ancora vigenti, pur  introdotte da un Dlg,  sono state definite dallo stesso  ex ministro Moratti “ transitorie”. L' abrogazione poteva rivestire la forma di un Regolamento, ma il processo è abbastanza complesso. Per questo, si è scelta una strada più morbida, ma più incisiva,  che prevede l' istituzione di una Nucleo nazionale,  ristretto a 50 persone, che governi il processo  e si articoli in momenti di confronto locali con chi davvero lavora nella Scuola, il quale dovrà definire il livello culturale a cui la Scuola deve tendere. In ogni caso, il viceministro ha ribadito che, in virtù dell' autonomia, le scuole possono far riferimento ai programmi precedenti.

2) Quale Scuola vogliamo ? 

    Il progetto di scuola dell' Unione, ha sostenuto Bastico, si è dovuto misurare  e si misura con la Finanziaria. Non è stato facile, secondo la sua testimonianza,  far sì che  i tagli “ con l' accetta”, previsti in un primo tempo dalla Finanziaria, diventassero

“ razionalizzazioni” legate al processo di sviluppo. L' articolo 53  , che prevedeva tagli per 500 milioni di euro,  alla fine è stato radicalmente rivisto.

 La Scuola dell' Unione, dunque,  si muove  su queste categorie :

a)  Inclusione  : l' obiettivo del “ non uno di meno”  è il filo conduttore. Per questo, in Finanziaria sono stati  introdotti :  l' obbligo scolastico  a 16 anni, concepito non come livello massimo del percorso individuale,  poiché si tende a far acquisire almeno una qualifica triennale. Il biennio non sarà unico, ma unitario, con elementi culturali di carattere comune e materie orientative. Le classi primavera , finalizzate al principio del progetto educativi precoce, che contrasti la predittività del successo formativo.  L' educazione degli adulti , che diventerà parte integrante  dell' Ordinamento nazionale dell' istruzione.

b)  Sicurezza  :  prima di tutto degli organici  con un piano vero di stabilizzazione dei precari, fondato sui numeri ( 30000 docenti andranno in pensione nei prossimi anni), piano che si distribuirà in tre anni e che prevede anche l' abolizione delle graduatorie permanenti. Le nuove modalità di accesso all' insegnamento devono ancora essere definite, ma non saranno quelle della Legge 53. Poi sicurezza  nelle scuole  : per l' edilizia scolastica  ci sarà una vera inversione di tendenza .

c)  Autonomia: accelerazione  dei processi relativi all' autonomia delle scuole, attraverso il  trasferimento alle autonomie scolastiche di 2 miliardi e 800 milioni di  euro,  gestibili attraverso bilanci non rigidi. Istituzione  di un' agenzia per l' Autonomia scolastica, che risulterà dall'a eliminazione degli IRRE regionali e dall' Indire.

2) Tagli

 Secondo il viceministro,  le voci allarmate sui tagli sarebbero solo allarmistiche. I conteggi  avrebbero seguito una media matematica, mentre  gli interventi di aumento di percentuale del numero di alunni per classe agirebbero sulle classi che non superano il tetto massimo. Per esempio, quelle classi, che, in virtù delll' alto numero di specializzazioni , non superano i 10 alunni per classi..

 D' altronde,  Bastico  ha sostenuto, con dati alla mano, che il rapporto docente/alunni in Italia non è 1/10, ma 1/14, tenuto conto dei docenti inidonei e di quelli per il sostegno e di quelli distaccati o in servizio presso altre amministrazioni. 

 Dopo un dibattito, caratterizzato anche da civili e argomentate contrapposizioni  alle affermazioni del viceministro, soprattutto sulla consistenza dei tagli, l' assemblea si è conclusa con il Coordinatore nazionale della Gilda degli insegnanti, Rino di Meglio , il quale pur dando atto a Bastico , di  aver tracciato un quadro ampio e approfondito, ha  precisato che “ è la dura realtà delle cifre a far sorgere molti dubbi sulla fattibilità di un  vero piano di sviluppo per la Scuola . Troppo alta  è la differenza tra investimenti e tagli, tutta centrata sui secondi. Per ora non sembrano esserci ancora  le condizioni per credere in un' inversione di tendenza, ma continuiamo a sperare che questo Governo ponga alla Scuola la giusta attenzione che questa Istituzione merita, come strumento fondamentale per la crescita e per il futuro del Paese”.






dello stesso autore




Postato il Sabato, 11 novembre 2006 ore 00:05:00 CET di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 2.6
Voti: 5


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi