Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547741327 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1929 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1882 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1820 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1754 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1733 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·Un governo contro la scuola
·Le linee guide che spezzano la scuola, non la riaprono
·Il ministro blocchi il progetto scuola/esercito in Sicilia
·Una campagna nella scuola contro le falsificazioni anticomuniste della storia
·Gli amici delle scuole private all’attacco della Costituzione


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: MA COME DOVRA' ESSERE LA NUOVA MATURITA'?

Opinioni
"Maturità" alla frutta
 1. Come prima, più di prima
 2. Le proposte delle Associazioni professionali
 3. La ricetta dell’ADi

 In attesa di andare in pensione (ma non è più così sicuro che ciò avverrebbe già con l’edizione del 2007) la "maturità" di quest’anno ha confermato l’andamento degli anni scorsi: dall’indagine campionaria del Ministero della PI emerge che è stato promosso il 96,5% dei candidati (97,2% dei candidati interni, 80% di quelli esterni), e che i migliori risultati sono stati ottenuti dagli studenti liceali, con votazione più alte per quelli di sesso femminile. Il 20% ha ottenuto un punteggio tra 91 e 100 (25% per le femmine). Più o meno come negli anni scorsi.

 Il ministro Fioroni ha preannunciato la presentazione di disegno di legge per i primi di agosto (riservandosi, qualora i tempi fossero più lunghi, di intervenire con altri strumenti). Sembra che si tornerà alla composizione originaria delle commissioni d’esame, quella prevista dalla legge n. 425/1997 (metà interni e metà esterni, col presidente esterno), e forse si interverrà sulla "terza prova", che secondo alcuni - ma ci sono forti contrasti sul punto - potrebbe essere predisposta a livello nazionale anziché di singola commissione.
 Bisognerà vedere quali saranno i tempi dell’iter del provvedimento, specialmente se si tratterà di un disegno di legge. Non per caso, crediamo, l’ex ministro Moratti - che pure disponeva nella scorsa legislatura di una vasta maggioranza parlamentare - scelse la via breve dell’inserimento della sua modifica (commissioni tutte interne, peraltro finalizzate a realizzare un risparmio di spesa) in un provvedimento blindato come la legge Finanziaria del 2002.
 Certo è che il nuovo sistema valutativo dovrebbe essere conosciuto dalle varie componenti scolastiche, in modo particolare dagli alunni e dai docenti, fin dall’inizio dell’anno scolastico dal quale trova applicazione.

 2. Le proposte delle Associazioni professionali

 Le Associazioni professionali degli insegnanti, che da qualche anno fanno parte di un apposito organo consultivo ("Forum"), si sono riunite, su richiesta del ministro Fioroni, per concordare – al di là delle diverse valutazioni sul significato e valore dell’esame di Stato e sulla sua possibile evoluzione – "elementi comuni" volti alla revisione degli aspetti più critici dell’attuale modello di esame, e li hanno definiti in un apposito documento.
 Ma sul tema della composizione delle commissioni d’esame, indicato come prioritario dal ministro, il Forum si è diviso: per AIMC, ANDIS, CIDI, FNISM, MCE e UCIIM "la valorizzazione dell’esame di Stato richiede il superamento della commissione interna e la reintroduzione di commissioni miste", con commissari esterni provenienti da altre province rispetto alla sede d’esame. Secondo ADI, APEF , DISAL e DIESSE, invece, "la serie storica dei dati relativi ai risultati dell’esame di stato ha dimostrato l’ininfluenza della composizione della commissione nei confronti del rigore e della serietà dell’esame", e dunque "nella situazione data appare inopportuno investire ingenti somme per il ripristino di ‘ininfluenti’ commissioni esterne o miste".
 Su altri punti critici, invece, il Forum ha avanzato proposte unanimi: non più di due commissioni per ciascun presidente, reintroduzione dello scrutinio d’ammissione all’esame, valorizzazione del credito scolastico, basato sui voti degli scrutini sia intermedi che finali degli ultimi tre anni, soppressione del "bonus", che ha finito per livellare in alto le valutazioni, norme più rigide per i privatisti ("ottisti" e dintorni) e colloquio da cambiare (ma il documento non dice come).
 Sulle prove scritte il Forum è però tornato a dividersi negli stessi due schieramenti: il primo propone in pratica il mantenimento dell’attuale assetto (due prove nazionali, differenziando però la prima a seconda degli indirizzi, e la terza affidata alle commissioni), il secondo sostiene che "la vera prova nazionale dovrebbe essere la terza, impostata su tre discipline fondamentali di indirizzo (diverse dalle prime due), con modalità di correzione predefinite".

 3. La ricetta dell’ADi

 Un analitico documento dell’ADi (Associazione Docenti italiani – www.ospitiweb.indire.it/adi/), che prende in considerazione anche i principali modelli europei, prospetta per l’esame di Stato una cura assai più radicale di quella d’urgenza proposta al ministro Fioroni dal Forum delle Associazioni professionali.
 Seguendo in questo il modello francese, l’esame sarebbe sdoppiato in due livelli: alla fine del quarto (penultimo) anno gli allievi sosterrebbero alcune prove su materie di carattere generale di fronte a commissioni interne "non dissimili da quelle finora previste per la licenza media, con scambio di insegnanti fra le classi coinvolte". Per la predisposizione delle prove le commissioni dovrebbero utilizzare standard nazionali di riferimento.
 Per quanto riguarda l’esame finale, rivolto all’accesso ai corsi universitari, AFAM e IFTS, le prove dovrebbero invece essere predisposte e gestite rigorosamente dall’esterno. "La soluzione può ricercarsi o in apposti enti certificatori o in commissioni miste di docenti della secondaria di 2° grado e delle università o istituti di istruzione superiore a cui i candidati intendono iscriversi. La gestione dovrebbe essere decentralizzata a livello regionale".
 Oggetto dei programmi dell’ultimo anno, e delle prove d’esame, dovrebbero essere esclusivamente le discipline di indirizzo, "scelte sulla base della coerenza con lo sbocco successivo". Per questo l’esame del quinto anno "dovrebbe sostituire completamente i test d'ingresso attualmente svolti dalle università".
 La proposta dell’ADi presenta anche altri aspetti di rottura, alcuni discutibili o complicati, come la soppressione del valore legale del titolo: sembra un po’ contraddittorio che un meccanismo di forte riaccreditamento del valore sostanziale del titolo, come quello proposto, finisca poi per negargli valore sul piano legale. Comunque il contributo dell’ADi al dibattito sull’esame appare interessante e potrebbe stimolare ulteriori confronti e approfondimenti.


Nota: TuttoscuolaFOCUS domenica 30 luglio 2006








Postato il Lunedì, 31 luglio 2006 ore 00:39:17 CEST di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi