Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547967207 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2022

Nuovi premi per il Convitto Cutelli al Concorso Ilaria e Lucia
di a-oliva
389 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Il Piano Scuola 2020-2021 e la 'verità nascosta'
· ATA internalizzati: 1 luglio manifestazione in piazza Montecitorio per ottenere il full-time
·Tavolo di conciliazione: risposte insoddisfacenti da parte del Ministero. I Sindacati indicono lo sciopero della scuola l’8 giugno. Per ripartire servono investimenti straordinari, non piccoli aggiustamenti
·Fallita la conciliazione fra sindacati e Ministero, proclamato lo sciopero della scuola per l'8 giugno
·Gissi: per riaprire le scuole in sicurezza molti i problemi da affrontare, e il personale non basta.


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: ''LA PUNIZIONE'' di S. SCALIA OVVERO LA PUDICIZIA DEL DOLORE

Rassegna stampa
LA PUDICIZIA DEL DOLORE



Quando ho avuto tra le mani il romanzo di Salvatore Scalia La punizione, ne ho aperto avidamente la prima pagina, presa da una amara curiositas, strana indubbiamente, ma profondamente umana. Ne conoscevo per sommi capi la storia, quella di una vicenda terribile avvenuta nell’ormai lontano 1976, l’assurdo barbaro assassinio di quattro adolescenti, uccisi dalla mafia perché rei di aver scippato nel mercato di San Cristoforo nientemeno che la madre di Nitto Santapaola.
Trama spietatamente truce, pietosamente atroce, amaramente violenta quanto basta per suscitare in me e, mi auguro, in tanti futuri estimatori, una lettura avida, che si snoda veloce, pagina dopo pagina, lungo una scrittura godibile e appassionata, che mai viaggia sopra le righe, semplicemente materiata com’è di un sano equilibrio tra tono aulico e quotidiano. Così questo romanzo ti prende, ti invita a procedere spedito, ma la meta, lo sai, lo senti dentro di te, è solo una: che fine faranno quei quattro giovani innocenti, quale sorte li attenderà, attenderà loro, ignari, inconsapevoli vittime dell’orgoglio e della pazzia mafiosa? In quale spietato modo verranno sottratti alla luce del sole e consegnati al profondo buio delle tenebre e della morte? 
Chiusi lì, in quella stalla in attesa di esecuzione, morti di fame e di sete, attendono una liberazione che non arriverà. O meglio sì, arriverà, ma sarà solo illusoria: un amico del loro quartiere li rifocillerà con un enorme vassoio di pizzette e arancini, triste appagamento del ventre prima della barbara esecuzione.
Una barbara esecuzione. Se l’aspetta il lettore a questo punto, lui che ormai è divenuto, in preda a un’ansia forsennata, un accanito divoratore di parole. E capisce che il problema riguarda la rappresentazione del dolore e dell’atrocità. E sente nascere dentro di sé tutta la più becera anima dell’uomo moderno. «Chi lotta con i mostri deve guardarsi di non diventare, così facendo, un mostro. E se tu scruterai a lungo in un abisso, anche l’abisso scruterà dentro di te», scriveva Nietzsche. Dall’abiezione conviene voltare lo sguardo il più in fretta possibile, eppure la brutalità è la sola retorica della nostra epoca. Da tutti i canali televisivi straripa il filone orrorifico mascherato: ma è giusto o non è giusto mostrare le pene che alcuni uomini si sentono di affliggere ad altri uomini? Non lo sappiamo, eppure le attendiamo quelle scene crude, ormai. Abituati come siamo a una rappresentazione continua e incessante del dolore, cerchiamo ansiosamente la conclusione della vicenda.
E d’altronde, se lo fanno i media con immagini vere, perché non può permetterselo un romanzo che gode dell’alibi della creazione fantastica? Tutto questo ti freme dentro, mentre i quattro inconsapevoli ragazzini escono dalla stalla in una splendida notte di stelle e i mafiosi li accarezzano paternamente sui capelli, prendendoli sottobraccio per una mesta processione che fa pensare a “coppie di padri e figli abbracciati teneramente”.
Poi è un attimo. Vedi che la scrittura si contrae, non indulge all’eclatante descrizione, si ferma a una gelida, agghiacciante frase: Cominciarono a gridare, ma uscirono solo sibili soffocati perché mani d’acciaio li stringevano alla gola.”
Il dramma si è consumato, senza echi, senza roboanti e dettagliati particolari. Ed è trionfo di una parola essenziale, scavata nella vita come in un abisso.
E’ tutto qui, in questa delicata pudicizia del dolore e della tragedia, il bello di questo romanzo. Uno scrittore, vivamente turbato da una triste vicenda, ha raccontato i morti come nutrimento della memoria, come rito e come catarsi. Così, con disarmante semplicità, con evidente schiva sincerità, senza spettacolarizzazione. E ti resta dentro un dolore sordo, senza lacrime, un grumo di rabbia per tanta crudeltà. E l’invito a una composta, misurata, profonda riflessione sulla smisurata disumanità dell’uomo.

Silvana La Porta








Postato il Lunedì, 03 luglio 2006 ore 00:25:00 CEST di Silvana La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4
Voti: 4


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.29 Secondi