Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 522874108 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2021

L’arte speciale di Aliaia, del Liceo Artistico 'Emilio Greco', di Catania
di a-battiato
3259 letture

Sogno d’una notte d’inverno, tra città e saperi
di a-battiato
2878 letture

Giornale scolastico: Informa-Azione all'IIS Francesco REDI di Paternò
di m-nicotra
1829 letture

Il Ministro Bianchi elogia la preside Brigida Morsellino. “Grazie per aver tenuto gli studenti a rischio legati alla scuola”
di a-oliva
1727 letture

Accussì, il libro di poesie in lingua siciliana di Angelo Battiato
di m-nicotra
1322 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·Ai confini della realtà. Le assurde proposte di una dirigente scolastica 'appassionata al futuro'
·Richieste illegittime da parte delle segreterie scolastiche
·Concorso dirigenti scolastici 2017: “Giustizia per l’Orale” denuncia i plurimi aspetti di illegittimità
·Quelle strane incongruenze nel curriculum della ministra Lucia Azzolina
·La DaD ha salvato la baracca?


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Formazione Superiore: La card da 500 euro è un atto dovuto per formare i docenti: il ministro Giannini non la camuffi da aumento di stipendio, quello continua a rimanere fermo dal 2009

Sindacati
500 euro in busta paga ai docentiAnief reputa scorretta e ingiusta l’operazione mediatica tentata dal titolare del dicastero di Viale Trastevere di far passare i finanziamenti l’aggiornamento e la formazione professionale come un incremento stipendiale “per tutti”. La verità è che le buste paga dei docenti italiani, tra i meno pagati dell’area Ocde, sono miseramente ferme da sette anni. E per come si sono messe le cose a livello legislativo, sono destinate a rimanere tali per chissà quanto tempo ancora. A meno che non si superi il decreto 150/09 che ha cancellato gli scatti automatici e contro cui i sindacati rappresentativi non potranno far nulla quando il ministro Marianna Madia li convocherà a breve per il rinnovo contrattuale della PA. Al momento, l’unica strada percorribile rimane quella di ricorrere al giudice del lavoro, come ha fatto l’Anief, per recuperare almeno quell’indennità di vacanza contrattuale che fino a oggi ha fatto perdere ad ogni lavoratore 7mila euro.

Marcello Pacifico (presidente Anief): gli adeguamenti sulle buste paga non c’entrano nulla con i 200 milioni di merito introdotti con la riforma approvata a luglio 2015. Come non possono essere nemmeno lontanamente accostati ai 500 euro finalizzati alla formazione. Semmai, l’associazione va fatta con l’articolo 36 della Costituzione italiana, secondo cui ogni lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata al lavoro profuso e sufficiente a vivere con dignità. Per questo rilanciamo la via del ricorso al tribunale del lavoro.

Trasformare in un bonus annuale la card di 500 euro prevista dal comma 121 della legge di riforma della scuola, ai fini dell'aggiornamento e la formazione di tutti i docenti di ruolo, può essere una buona notizia. Sperando sempre che l’importo - da autorendicontare entro il 31 agosto 2016 agli uffici amministrativi della propria scuola - non sia decurtato dalle tasse, che riporterebbero allo Stato circa un terzo della quota stanziata. Ma il vero punto è un altro: camuffare il finanziamento dei 500 euro dell’aggiornamento professionale per un aumento stipendiale, come ha fatto di recente il ministro dell’Istruzione, è scorretto e ingiusto. Perché le buste paga dei docenti della scuola pubblica italiana sono miseramente ferme dal 2009. E per come si sono messe le cose a livello legislativo, sono destinate a rimanere tali per chissà quanto tempo ancora. A meno che non si cambino le norme sugli incrementi stipendiali dei dipendenti pubblici. O si ricorra al giudice del lavoro, come ha fatto l’Anief, per recuperare almeno quell’indennità di vacanza contrattuale che fino a oggi ha rosicchiato ad ogni dipendente qualcosa come 7mila euro. Con la prospettiva, tra tre anni, di diventare 10mila euro indebitamente sottratti a docenti e Ata.

Il rinnovo contrattuale degli statali, che secondo il titolare della Funzione Pubblica, Marianna Madia, potrebbe arrivare con la prossima Legge di Stabilità, non porterà infatti nemmeno un euro in più ai dipendenti della scuola. Perché i tradizionali scatti di anzianità, assegnati indistintamente a tutti gli insegnanti come unico a giusto riconoscimento della loro carriera professionale, hanno segnato la loro fine con l’approvazione del decreto legislativo 150/09, voluto dall’allora ministro della PA Renato Brunetta. Da quel decreto è poi scaturito l’accordo interconfederale del 4 febbraio 2011 (non firmato da Flc-Cgil e Confedir) preparatorio per l’atto di indirizzo successivo all’ARAN del 15 febbraio 2011, attraverso cui si approvò una logica di aumenti con criteri percentualistici: il 25% del personale di ogni istituto avrebbe avuto accesso agli aumenti stipendiali maggiori, la metà ad aumenti standard, mentre il 25% mancante, meno meritevole, si sarebbe ritrovato senza alcun incremento.

Questo modello, poi messo da parte, è stato ripreso, con criteri ancora più selettivi, dalla riforma Renzi-Giannini: la valorizzazione del merito del personale docente, finanziata con 200 milioni di euro annui a decorrere dall'anno 2016, come indicato nel comma 126 della Legge 107/2015, si limita infatti oggi a premiare un gruppo ristretto di dipendenti in forza ad ogni istituto scolastico. A decidere a quali dipendenti assegnare quasi 25mila euro ad istituto saranno dapprima i componenti del nuovo comitato di valutazione, introdotti sempre con la Buona Scuola e da individuare nelle prossime settimane attraverso i collegi dei docenti, in seconda battuta sulla base delle linee guida del Miur.

Pertanto, siccome la maggior parte del personale della scuola continuerà a percepire lo stipendio del 2009, il vero blocco su cui vale la pena soffermarsi e combattere è quello dell’indennità di vacanza contrattuale, introdotta con la Legge 122/2010 fino al 2012, poi dal Dpr 128/2013 e dalla Legge 147/2013 che ha prolungato gli effetti sino al 2014, e ancora dalla Legge 190/2014 con slittamento sino a tutto il 2018. Negli ultimi anni, il risultato di questo reiterato stop di adeguamento stipendiale al costo della vita, ha infatti prodotto incrementi nelle buste paga nella scuola di appena l’8% - per gli altri comparti pubblici in media del 9% -, mentre nello stesso periodo l’inflazione volava al 12%. Se si considera una media di 80 euro al mese, sottratti, lo Stato dovrebbe ridare ad ogni dipendente circa mille euro l’anno. Che per i sette anni di stop fanno appunto 7mila euro.

Considerando solo la scuola, dove operano un milione di dipendenti, lo Stato deve quindi restituire 7 miliardi di euro. E su questo aspetto aiutano non poco sia la sentenza della Corte Costituzionale n. 70/2015 sull’illegittimità del blocco degli assegni pensionistici superiori a tre volte il minimo, anche se solo parzialmente recepita dal Governo, sia la sentenza n. 178 della Consulta sull’inammissibilità del blocco del pubblico impiego, che l’Anief farà valere in sede di ricorso proprio per il recupero dell’indennità di vacanza contrattuale indebitamente sottratta.

“Ecco perché – spiega Marcello Pacifico, presidente Anief – gli adeguamenti di stipendio di docenti e Ata non c’entrano nulla con i 200 milioni di merito introdotti con la riforma approvata a luglio 2015. Come non possono essere nemmeno lontanamente accostati ai 500 euro della card, la quale è solo un atto dovuto per permettere la formazione del personale. Semmai, l’associazione va fatta con l’articolo 36 della Costituzione italiana, secondo il quale ogni lavoratore ha diritto ad una retribuzione proporzionata al lavoro profuso e comunque sufficiente a vivere con dignità. Ed ecco perché come Anief – conclude Pacifico - abbiamo intrapreso e rilancia la via del ricorso per il recupero di quell’indennità deputata a salvaguardare tale principio, che nessuna legge può sopprimere”.

Per tutti coloro che sono interessati ad allineare lo stipendio almeno ai livelli del costo della vita, recuperano le somme non assegnate negli ultimi sette anni, è stata predisposta un’apposita sezione informativa e di adesioni. In assenza di norme che tutelano i lavoratori, Anief ha promosso specifici ricorsi per recuperare l’indennità di vacanza contrattuale (clicca qui), per il recupero del primo gradone stipendiale sottratto a tutti i neo-assunti a partire dal 2011 (clicca qui) e per il recupero di tutti gli anni di precariato nella ricostruzione di carriera del personale assunto (clicca qui).

Anief.org








Postato il Sabato, 26 settembre 2015 ore 01:30:00 CEST di Antonia Vetro
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.27 Secondi