Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547748540 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1929 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1883 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1820 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1754 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1733 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Il Piano Scuola 2020-2021 e la 'verità nascosta'
· ATA internalizzati: 1 luglio manifestazione in piazza Montecitorio per ottenere il full-time
·Tavolo di conciliazione: risposte insoddisfacenti da parte del Ministero. I Sindacati indicono lo sciopero della scuola l’8 giugno. Per ripartire servono investimenti straordinari, non piccoli aggiustamenti
·Fallita la conciliazione fra sindacati e Ministero, proclamato lo sciopero della scuola per l'8 giugno
·Gissi: per riaprire le scuole in sicurezza molti i problemi da affrontare, e il personale non basta.


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Riforma: Liceo quadriennale. Servirebbe ripensare tutto il percorso dell'istruzione

Redazione
Già nove scuole sperimentano il Liceo quadriennale. A parte qualche ricorso al TAR per ragioni burocartiche, non credo che si sia acceso un grande dibattito sull'argomento. In verità mi ha piacevolmente colpito qualche giorno fa la risposta di Giorgio Rembado (l'ottimo presidente dei presidi) ad una intervistatrice: la vera riforma della scuola dovrebbe cominciare dalla istituzione di un biennio unico al superiore (questa la sostanza se non la lettera). Cosa ha a che vedere il biennio unico con il liceo quadriennale?

Tanti anni or sono, quando il dibattito sulla riforma della scuola era vivo e sentito, si parlava molto di biennio unico e accorciamento del curricolo scolastico. Il confronto con l'Europa era allora costante. Ora siamo l'Europa e una certa uniformità di indirizzo educativo sarebbe opportuno o meglio necessario. Allora si pensava che la scuola di base poteva bene occupare sette anni (come vari paesi europei), che un biennio unico dopo di essa avrebbe garantito una maggiore mobilità sociale coniugando cultura di base per tutti con un avvio di professionalizzazione da completare successivamente in scuole aziendali o università (collegando ciò con l'obbligo scolastico e la gratuità dei percorsi si sarebbe così garantita una certa equità sociale), nonché si sarebbe dato più tempo e consapevolezza per la scelta del triennio di specializzazione all'interno del percorso scolastico obbligatorio.

Qualche legislatore con qualche esperienza di scuola (forse Berlinguer?) si era avvicinato a tale visione, ma la precarietà dei governi e la poca attenzione della politica ai veri problemi della scuola (sarà peggio quando ci si diplomasse ai diciotto anni? Forse bisognerebbe anticipare il voto ai sedici di anni) hanno impedito che progetti e dibattiti sul tema sortissero un qualche effetto. Delle sperimentazioni ministeriali tra gli anni settanta e ottanta dell'altro secolo (vedi il caso, se qualche traccia ne è rimasta negli annali dell'istruzione, del BUS-TCS di Reggio nell'Emilia) hanno realizzato dei modelli validi che, come  nell'aprile dell'86 ha convenuto con me a Bologna la forse a torto maltratta compianta Falcucci, potevano considerarsi l'avanguardia della futura scuola, pur continuando a sperimentare modelli ancora più efficienti.

Ma la precarietà dei governi e la disattenzione di cui sopra hanno seppellito tutto ciò per lasciare spazio all'inventiva recente di signore ministre che pur servendosi di funzionari che avevano anche vissuto quelle esperienze (vedi la M.G. Nardiello) si sono immaginate soluzioni complesse per i problemi della scuola italiana, afflitta da ignoranza, mancanza di soldi, continua variazione di progetti politici senza ascoltare nessuno degli addetti ai lavori che, nel tempo, hanno inviato al "Superiore Ministero" una infinita serie di relazioni spero complessive sui problemi della scuola e sulle possibilli soluzioni redatte a conclusione degli esami di maturità o si stato che siano.

Forse oggi, quando sembra appurato che ogni vera trasformazione sociale (alias riforma) parte dalla scuola, sarebbe il caso di verificare la validità di quell'idea. Che cioé servirebbe ripensare tutto il percorso dell'istruzione, partendo da
una scuola materna diffusa e obbligatoria, proseguire con una formazione di base settennale (lettura, scrittura, lingue, calcolo e conoscenze scientifiche e ambientali nonché storiche e geografiche su basi locali con ampio uso della rete) che non trascuri l'esercizio del corpo e della mente con arte musica e ginnastica da vivere in ambienti appropriati suggeriti da un tempo sufficientemente lungo, concludere quindi il tutto con un biennio formativo intermedio a carattere orientativo e contenuti culturali europei, con l'aggiunta di moderato esercizio manuale, seguito dal triennio specialistico che fornisca di contenuti idonei l'orientamento scelto di tipo scientifico, tecnico, giurido-economico, artistico in senso lato, umanistico-filologico-linguistico e così via.

Il tutto si capisce in un contesto il più possibile europeo tramite la rete ed eventuali scambi culturali. Quando si arrivasse a chiarire tutto ciò e la progressiva attuazione di un reale obbligo formativo completo, si potrebbero fare i conti con la dotazioni economiche possibili, tenendo conto di quelle priorità conclamate. La rifondazione del mondo accademico e dei rapporti della formazione con il mondo produttivo sarebbero una conseguenza spontanea e necessaria quanto semplice di una scuola che forma consapevolmente tutti i giovani con pari dignità ed un certo entusiasmo istillato da una classe docente motivata e protagonista.

Roberto Laudani
robertolaudani@simail.it








Postato il Martedì, 07 ottobre 2014 ore 07:00:00 CEST di Michelangelo Nicotra
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi