Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547979639 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2022

Nuovi premi per il Convitto Cutelli al Concorso Ilaria e Lucia
di a-oliva
437 letture

Liceo Spedalieri di Catania, un terzo premio e due menzioni nel Premio Artistico-Letterario “Ilaria e Lucia”
di m-nicotra
147 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·Video e rap per la Shoah. Il Coro interscolastico di voci bianche 'Vincenzo Bellini'
·25 aprile, lontani ma vicini: i giovani cantori di Torino cantano 'Bella ciao'
·Caro virus, non sei simpatico e gentile
·L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
·Premiazione concorso #Zerobullismo, la tua storia contro il bullismo in rete - Liceo Classico 'Tommaso Fazello' di Sciacca


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Didattica: Tra i monti del bellunese. La scuola di Sedico visita il territorio

Redazione
Stamani con le mie "due terze della primaria" di Sedico (Belluno), abbiamo fatto una visita istruttiva nelle frazioni del Comune. Il signor Gianni Di Vecchi, ex insegnante, ed esperto conoscitore della storia locale, ci ha fatto da "cicerone", spiegando, passo dopo passo, storia e curiosità di quei luoghi.
Partendo da scuola abbiamo proseguito per Bribano, dove gli abitanti hanno vissuto intensamente il dramma delle due guerre mondiali. Il percorso è stato lungo, abbiamo attraversato il ponte San Felice, dove, dall'alto del bus, abbiamo potuto ammirare la bellezza del fiume Piave. Mi ha stupito il colore celeste delle sue acque e pensare che... tanto tempo fa, quelle stesse acque cristalline, si sono colorate di rosso, del tanto sangue dei giovani patrioti che, in quelle acque, hanno combattuto e sono morti per difendere la Patria.

Ogni mattina, quando attraverso il ponte per recarmi a scuola, ho sempre un profondo turbamento e rispetto per quel sacro fiume, non solo per i veneti, ma per tutti gli italiani.
Durante il nostro giro abbiamo visitato le frazioni di Triva, Pasa, Sommaval, Villiago, Noal, Seghe di Villa, Boscon, Prapavei, Sommaval, Libano, Mas, Roe Basso e Alto, fino ad arrivare ad Agordo.
La caratteristica di questi centri è che sono molto piccoli, non raggiungono nemmeno i mille abitanti, la loro altitudine varia dai 300 ai 600 metri d'altezza. Immersi completamente nella natura.
Non voglio soffermarmi tanto sulla storia dei paesi, quanto approfondire argomenti che mi hanno coinvolta emotivamente.

Vorrei raccontare quello che ho visto con gli occhi di chi osservava quei posti... I miei bambini durante il tragitto esclamavano: "Quella è casa mia! Lì ci abita mia nonna!". Ma, mi chiedo, hanno mai visto la meraviglia che li circonda?
Siamo arrivati in un borgo chiamato Prapavei che, devo ammettere, mi ha colpita particolarmente, immerso com'era nella natura, con prati verdi brillanti, cime che si stagliavano nel cielo, profumi meravigliosi di terra, di fiori, d'erba, con l'unico rumore del canto degli uccellini... e di un trattore che lavorava la terra.
La sensazione era quella di tornare indietro nel tempo, gli abitanti, immagino pochissimi, raccolti tutti in uno spiazzo, dove piccole casette ricavate da vecchie masserie accerchiano la piazza adiacente, alcune facciate riportano dei murales rappresentanti immagini di ricordi di vita passata, di donna che mungeva la mucca, di quella che sferruzzava la lana o, in un altro murales, riportava la mietitura del grano circondato da meravigliosi papaveri.

Eppure quelle case, immerse totalmente nel verde, non erano vecchie, ma erano villette ristrutturate o di nuova costruzione, dove la gente vive tuttora, isolata dal resto del mondo. La vecchia fontana e l'abbeveratoio, la chiesetta dedicata a San Rocco, perfino un supermercato e una scuola, che davano l'idea della modernità, e poi... niente... solo un'immensa e meravigliosa natura! Mi chiedevo, osservando quelle poche case, separate solo dai prati, se la gente del posto si conoscesse, se nei loro rapporti esistesse ancora quella vecchia consuetudine di aiutarsi e sostenersi reciprocamente o se... la modernità li fa vivere vicini, eppur lontani. Se i bambini si rotolassero ancora in quei meravigliosi prati e se si accorgessero del mondo che li circonda.
A me veniva il desiderio di rotolarmi in quei prati, di correre a perdifiato con la spensieratezza dei bambini. Così ho vissuto oggi... visitando quei posti!
Essendo cresciuta in città e osservando tale realtà, mi son chiesta se anche da noi, giù in Sicilia, esistessero ancora posti così belli, e mi son venuti in mente i tanti nostri bei paesi, Randazzo, Bronte, Linguaglossa, immersi nella natura spavalda e, a tratti, arida della montagna, dei boschetti, dei castagneti, dei frutteti della mia terra, e dei fiori di ginestre che profumano le serate estive o dei giardini delle arance, che con i fiori di zagara, inebriano l'aria.

Questa visita istruttiva mi ha riportata indietro nel tempo, quando andavo a visitare mia zia che viveva nella borgata di Bompietro, in provincia di Palermo, immersa nella campagna, con un abbeveratoio per gli animali, ricordo una stradina lastricata di ciottoli, e di come ero felice di viverci nel periodo estivo.
La gente si conosceva fra loro, anzi mia zia, d'estate, metteva fuori brande e materassi e dormivamo sotto le stelle, anche con altri ragazzi del quartiere, ricordo che si parlava e si rideva fino a notte fonda, e ci svegliavano con le prime luci dell'alba, quando i primi raggi del sole ci accarezzavano il viso.
Che meraviglia essere svegliati da quel tenero e caloroso abbraccio, con il chicchirichì del galletto del vicino, con accanto il viso, ancora assonnato, dell'amico,... sprazzi di vita di un tempo ormai lontano ma che ha lasciato dentro di me ricordi indelebili e dolcissimi.

Mi chiedo se gli abitanti di Prapavei e delle altre frazioni, sentano un particolare legame con i loro vicini, se hanno il senso dell'appartenenza, se riescono a sentirsi parte di una grande famiglia, se sanno creare legami duraturi, o se, invece, ne ricavano solo un gran senso di solitudine. Abbiamo proseguito verso Roe Basso e Alto, dove ci siamo fermati per osservare il fianco della montagna Pizzocco. Ho osservato con meraviglia la maestosità di questi monti, le impervie punte, erose dal tempo e dalla natura, pensavo a tanta perfezione e imperfezione messa insieme come ad un quadro di indubbia bellezza. Anche le case si distinguevano, in mezzo ai boschi, in maniera armoniosa con la natura, sembravano le casette delle fate con i tetti rossi, le finestre di legno, i colori delicati.

Pensavo a quanta fortuna hanno questi bambini a vivere in questo... paradiso terrestre! E mi chiedo pure se ne sono consapevoli.
I bambini dove io vivo, a Misterbianco, in Sicilia, una città con oltre 50 mila abitanti, non hanno queste possibilità, da noi, "per esigenza di popolazione", la cementificazione lascia poco spazio al verde e per raggiungere un prato o un bosco, ti devi spostare con la macchina. Qua, invece, giocano beati in mezzo alla strada, o nei tanti parchi della zona. E ne sono felici. Giocano e vogliono giocare, nonostante tutto.
Questa giornata passata in campagna è stata, per loro, un'occasione di spensierata felicità, un momento da vivere e da ricordare.
Spero tanto che sia i bambini del nord che quelli del sud imparino uno stile di vita diverso, e che, soprattutto, sappiano cogliere nuove opportunità, apprezzare la natura e coltivare i rapporti umani.

Natalia Rizza, insegnante








Postato il Domenica, 25 maggio 2014 ore 08:30:00 CEST di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.23 Secondi