Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547940759 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2022

Nuovi premi per il Convitto Cutelli al Concorso Ilaria e Lucia
di a-oliva
322 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni
Istituzioni

·Elezioni comunali, anche in Sicilia il via allo scrutinio lunedì 13 giugno dalle 14
·Rinnovo delle RSU. Elezioni del 5, 6 e 7 aprile 2022. Chiarimenti circa lo svolgimento delle elezioni
·Aeroporto di Trapani, Musumeci: «Ryanair raddoppia le rotte»
·Concorso potenziamento dei Centri per l’Impiego della Sicilia
·Più tempo ai presidi e ai sindaci per organizzarsi. Le scuole in Sicilia riapriranno giovedì


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: Come si svolge la giornata tipica di un insegnante di Letteratura italiana?

Redazione
Ecco la giornata tipica dell’insegnante di letteratura italiana, che inizia il suo lavoro al suono della campanella della prima ora, dopo aver registrato la lezione sul registro, adesso, elettronico. Inizia dopodiché la lezione del giorno, rivolgendo agli alunni della classe una domanda: “Sapete ragazzi dove ha origine il sonetto italiano?” Gli alunni guardano sorpresi l’insegnante, perché si aspettano che abbia programmato e preparato il giorno prima una lezione, che non sia puramente accademica come è nella naturale weltanschauung di ogni insegnante che vuole dare il meglio ai propri alunni, con quel “quid” magico che diventerà oggetto di riflessione.  E allora la preparazione della lezione, il giorno prima, prevede oltre che nozioni e contenuti ben confezionati con tanto di cose meravigliose all’interno, che non sono altro che stimoli, idee e chiavi di interpretazione da comparare con ciò che per il postmoderno è inteso come anacronistico.

Così un insegnante dovrebbe essere agli occhi degli alunni: oltre che bello, interessante, intellettualmente vivace e dotato, soprattutto, di una ricchezza di valori, contenuti e se è possibile di esperienze umane, che ogni alunno attraverso le parole capta e rielabora in maniera personale.

Quindi, ritornando al sonetto italiano, si avverte grande stupore quando gli alunni scoprono che la nascita del sonetto italiano avviene nel Duecento proprio presso la corte di  Federico II nella scuola poetica siciliana, in cui il lavoro poetico si presenta come un discorso di carattere intellettualistico dai toni più raziocinanti piuttosto che passionali, in cui si avverte l'ambizione di toccare quei  luoghi, per fornire un paradigma del cantare con sentimento […] quasi a emblema di quell'orgogliosa autonomia a cui Federico II volle improntare la sua politica culturale (cfr. Treccani).

La lezione continua sottolineando che la poesia siciliana è strutturata sulla base della lirica provenzale, sia per la forma ricercata che per il contenuto, l’amor cortese, l’omaggio verso la propria donna, signora altera e piena di ogni valore. Ma, storicamente, con la dissoluzione della dinastia sveva, il centro letterario italiano passa in Toscana e il volgare di questa regione costituisce la nuova lingua nazionale, non senza però che la Scuola siciliana trasmettesse ai Toscani, insieme con schemi contenutistici, anche elementi fonetici e lessicali che si mantennero a lungo nella tradizione toscana e italiana. In sintesi, la Scuola poetica siciliana precede la Scuola poetica toscana e  le tre corone fiorentine (Dante, Petrarca e Boccaccio) hanno ereditato la cultura della scuola poetica siciliana.

Gli alunni sono sorpresi, e così si dà seguito alla lezione con il laboratorio di letteratura italiana.

Per dare completezza all’argomento del giorno si passa alla lettura del sonetto di G. da Lentini “Amor è un desio che ven da core” e, quindi, allo studio del testo poetico indicando le rispettive coordinate storico-letterarie del periodo trattato e poi verifica e valutazione. Arriviamo puntuali al suono della campanella e l’insegnante ripone in borsa, velocemente, libri, penne,  notebook e quant’altro, lasciando la classe  per entrare nella classe accanto, dove un nutrito gruppo di studenti, prossimi agli esami di maturità aspetta con una serie di quesiti da chiarire circa la strutturazione del percorso interdisciplinare per gli esami di stato.

Gli alunni sono già al proprio posto pronti a partire con la lezione.  Siamo in pieno terzo trimestre  e, fortunatamente, al pensiero degli esami di maturità gli alunni sono quasi tutti sintonizzati sul lavoro della tesina, chiedono umilmente consiglio, facendo emergere perplessità e voglia di chiarire i propri dubbi.

L’insegnate li incoraggia: “Suvvia ragazzi, non basta la tesina dovete rivedere tutto il programma e comprendere che in fondo gli argomenti bisogna collegarli tra di loro secondo dei percorsi interdisciplinari”. “Che cosa?” Rispondono in coro. “Ma ci può spiegare come facciamo a collegare Il romanzo di D’Annunzio con l’elettronica e con la matematica?”

Mi chiedo se,  forse, in fondo la loro ingenua domanda non sia così infondata e la stessa domanda dovremmo rivolgerla a chi di dovere… Ma insomma è forse l’insegnante di lettere a trovare la chiave interpretativa sul come costruire un percorso interdisciplinare? Ritornando alla domanda dell’alunno sul come collegare argomentativamente il romanzo dannunziano con la matematica, mi pare che il linguaggio letterario non possa permettere alcun collegamento tematico con il linguaggio matematico.

Così continuano a insistere gli alunni, “ma prof. ma è possibile collegare Pascoli oltre che con il Decadentismo e con il Simbolismo francese con la Resistenza in elettronica e con le equazioni di secondo grado?”

A queste domande si può rispondere soffermandosi sul fatto che innanzitutto il percorso interdisciplinare deve essere un lavoro non di copia e incolla, e quindi di argomenti attaccati gli uni con gli altri senza una logica, ma la scelta di un argomento deve essere il risultato di uno studio, di una creazione che faccia emergere una buona conoscenza degli argomenti scelti, quindi creatività, spirito critico e una buona dose di conoscenza informatica, che serve per elaborare e presentare l’argomento in maniera multimediale in modo da suscitare interesse nella commissione.

E’ doveroso sottolineare che è necessario, inoltre, presentare un argomento originale, nel senso che non sia copiato  da internet, semmai rielaborato in maniera personale. Quindi prima di scrivere la tesina è fondamentale studiare un progetto di tesina che parta proprio dall’idea che abbiano in mente, per poi collegare le varie discipline, trovando i nessi logici dell’argomento che sostengano in maniera pertinente e ben strutturata il ragionamento che vogliamo presentare.

Questo è l’obiettivo che si vuole raggiungere e quindi la lezione si svolge tra chiarimenti e indicazioni collettive e individuali sul come orientarsi in prossimità degli esami di stato. Prima che suoni la campanella è necessario consegnare i compiti corretti e valutati e rispondere alle incertezze che ancora qualche alunno presenta.

Suona la campanella e incrociando il collega di informatica ci ricordiamo che dobbiamo preparare le simulazioni per la terza prova strutturata da far svolgere prima del mese di maggio così come è stato programmato durante le riunioni di dipartimento. Subito dopo l’insegnante  si dirige  nell’altra ala della scuola per la lezione di storia … e lì  ha inizio una nuova avventura.

La giornata scolastica si conclude fuggendo, subito, verso casa, perché lì ci aspettano gli altri compiti da svolgere!

rosita.ansaldi@tin.it








Postato il Lunedì, 21 aprile 2014 ore 14:59:58 CEST di Rosita Ansaldi
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 4
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.26 Secondi