Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547620286 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1917 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1872 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1789 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1729 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1710 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Istituzioni Scolastiche
Istituzioni Scolastiche

·Primo premio e menzione speciale per il Convitto Cutelli al Concorso di poesia Piakos: alunni e prof entusiasti
·Rivisitazioni classiche al Convitto Cutelli: Antigone di Sofocle interpretata dagli alunni del Liceo Classico Europeo, sabato 18 giugno 2022
·Gran Galà del Convitto Cutelli: giovani promesse fra passi di danza e spirali di emozioni
·Due menzioni per il Liceo Spedalieri di Catania nel Certamen Syracusanum e Aetnaeum
·Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Catullo, Sirmione e i poeti nuovi romani

Redazione
In una serena mattina d’ottobre ho fatto un lungo viaggio,… nello spazio e nel tempo,… fino ad arrivare a Sirmione, ai confini dell’Impero romano, nell’estremo lembo della piccola penisola sul lago di Garda, per incontrare il grande poeta latino, Caio Valerio Catullo. Passo dopo passo, scorgevo, tra lacustri alberi d’ulivo e spiagge d’acqua dolce, un’indecisa quiete del tempo infinito e voci di donne e di poesie nuove…
Valerio Catullo nacque a Verona, tra l’87 e l’84 a.C. e morì a Roma, a trenta’anni, nell’57 – 54 a.C., per cause a noi sconosciute. Apparteneva ad una famiglia ricca e potente, si narra, addirittura, che il padre ospitò, a casa sua, Metello Celere e Giulio Cesare al tempo del loro proconsolato in Gallia.
Intorno al 61-60 a.C. si trasferì a Roma, dove frequentò gli ambienti politici e mondani della Capitale, e conobbe molti personaggi influenti dell’epoca, Ortensio Ortalo, Gaio Memmio, Cornelio Nepote, Asinio Pollione; ebbe anche accesi contrasti con Giulio Cesare e Cicerone, che lo soprannominò “neóteros”, (poeta nuovo), in senso dispregiativo.
Fondò un circolo privato, insieme ad alcuni amici letterati, tra i quali Licinio Calvo ed Elvio Cinna, e con loro condivise un nuovo stile poetico e una diversa e originale concezione della vita. Durante il suo soggiorno a Roma ebbe una relazione travagliata con Clodia, la sorella del tribuno Clodio, a cui dedicò molti carmi, nominandola Lesbia, in onore della grande poetessa greca dell’amore, Saffo, dell’isola di Lesbo. Con Clodia, più grande d’una decina d’anni, e che la descrisse non solo graziosa, ma anche colta, intelligente e spregiudicata, il poeta visse un amore turbolento e complicato, con periodi di litigi e di riappacificazioni. Spesso, le ripeteva, “Ti odio e ti amo. Ti Chiederai come faccia! Non so, ma avviene ed è la mia tortura”.

Ma Catullo ebbe anche una relazione con un giovinetto romano di nome Giovenzio (nell’antica Roma i rapporti omosessuali erano comuni). Catullo non partecipò mai attivamente alla vita politica, pensava solamente al “suo” nuovo stile poetico, ad una poesia leggera e lontana dagli ideali politici tanto osannati dai letterati del tempo, “Non mi interessa affatto piacerti, Cesare, né sapere se tu sia bianco o nero”.
Anche se, da civis romanus, seguì le vicende politiche del suo periodo, la formazione del primo triumvirato, la guerra condotta da Cesare in Gallia e Britannia, i tumulti fomentati da Clodio, comandante dei populares, fratello di Lesbia e acerrimo nemico di Marco Tullio Cicerone, i patti di Lucca e il secondo consolato di Pompeo.
Addirittura, negli ultimi anni della sua vita, Catullo fece parte della “cohors praetoria”, la Guardia Pretoriana che accompagnò Gaio Memmio in Bitinia. Pur tuttavia, quell’avventura gli arrecò pochi benefici, ritornò a Roma senza guadagni economici, né la lontananza riuscì a fargli riacquistare la serenità perduta a causa dell’amore incostante di Lesbia nei suoi confronti.

Catullo, soprattutto, sognava casa sua, lassù,… in riva al lago; e tante volte scappò da Roma per trascorrere a Sirmione, nella villa paterna, momenti indimenticabili di riposo e di serenità interiore! Il poeta amava quel luogo ameno, quel fascino irresistibile della sua terra d’origine. Sirmione rappresentava le sue radici, era il suo luogo dell’anima e dei ricordi più belli dell’infanzia e dell’adolescenza, dove aveva vissuto momenti felici, irripetibili, pieni di speranza… “Oh, Sirmione, terra giuliva della mia prima vita”, ripeteva sempre, “Le cose che si amano non si posseggono mai completamente. Semplicemente si custodiscono!”.
Ma Catullo è stato, soprattutto, un grande poeta, i suoi versi sono intrisi di sentimenti vivi e di passioni travolgenti, di gioia di vivere e di desiderio d’amare. Catullo è considerato uno dei maggiori rappresentanti della scuola dei “neoteroi” (poeti nuovi), il portavoce più autorevoli di un nuovo modello di poesia e di vita, lontano dalla tradizione romana; la sua poetica si rifaceva ai versi del greco Callìmaco, anch’essi diversi dalla poesia epica di tradizione omerica, che tendeva ad essere ripetitiva e dipendente quasi esclusivamente dalla quantità dei versi piuttosto che dalla qualità.
Sia Callìmaco che Catullo, infatti, non descrivono le gesta degli antichi eroi o degli dei, ad eccezione di poche poesie, ma narrano episodi semplici di vita quotidiana. Da questa matrice callimachea proviene anche il gusto per la poesia breve, erudita e mirante stilisticamente alla perfezione. Catullo stesso definì “levigata” la sua poesia, a riprova dell’elaborazione e della perfezione stilistica dei suoi versi, della “leggerezza” e della purezza della parola, della sua brevità; aveva la convinzione che solo un carme di breve durata poteva essere un’opera raffinata e preziosa.

Catullo apprezzava molto la poetessa greca Saffo, vissuta nell’isola di Lesbo, nel VI secolo a. C., e le sue liriche costituiscono una fonte preziosa, grazie alle quali è possibile conoscere l’opera della poetessa greca. Saffo era molto famosa per i suoi epitalami, una forma poetica che cadde in disuso nei secoli successivi. Catullo recuperò e diffuse un particolare tipo di metro detto “strofa saffica”, molto usato da Saffo.
Ma Catullo compose anche dei carmi contro i più potenti uomini del suo tempo: Cesare e il suo favorito Mamurra, Cicerone e i disonesti Nonio e Vatinio. L’avversione per Cesare non deve sembrare in contrasto con l’adesione del poeta ai valori avversi alla morale tradizionale. Non dimentichiamo che Catullo e i suoi “sodales” rappresentavano pur sempre la classe dirigente e i ricchi proprietari. Le loro simpatie di conseguenze andavano alla fazione filosenatoria, di cui condividevano interessi, anche se non i valori, e la loro ostilità si rivolgeva ai “populares”, di cui Cesare era rappresentante.
La novità costituita dall’esperienza poetica di Catullo e degli altri “poetae novi” non sta dunque in una particolare scelta ideologica, quanto in ciò che essi rappresentarono all’interno della società romana. Il loro ideale di vita e la concezione dell’amore erano diversi e insoliti dall’ortodossia romana, così come il modo di considerare la donna, la concezione non tradizionale della famiglia, la maniera di porsi con gli amici, il valore stesso della poesia.
Possiamo dire che Catullo, nel corso della sua breve e intensa esistenza, visse d’arte, di poesia,… e d’amore!
Perché… “il sole può tramontare e risorgere; per noi, quando la breve luce si spegne, resta un’unica eterna notte da dormire…”.

Angelo Battiato (inviato speciale a Brescia)
angelo.battiato@istruzione.it








Postato il Domenica, 20 aprile 2014 ore 07:30:00 CEST di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.26 Secondi