Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547896277 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2022


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Sindacati
Sindacati

·Il Piano Scuola 2020-2021 e la 'verità nascosta'
· ATA internalizzati: 1 luglio manifestazione in piazza Montecitorio per ottenere il full-time
·Tavolo di conciliazione: risposte insoddisfacenti da parte del Ministero. I Sindacati indicono lo sciopero della scuola l’8 giugno. Per ripartire servono investimenti straordinari, non piccoli aggiustamenti
·Fallita la conciliazione fra sindacati e Ministero, proclamato lo sciopero della scuola per l'8 giugno
·Gissi: per riaprire le scuole in sicurezza molti i problemi da affrontare, e il personale non basta.


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Costume e società: Le leggi sul disagio mentale: dalle origini alla legge 180/1978

Redazione
Al fine di meglio capire l’attuale condizione dei malati psichiatrici è opportuno procedere ad un breve excursus storico sulla legislazione specifica in materia, che sta alla base dei diritti del malato mentale e dei loro familiari. La prima tappa è costituita dalla legge numero 36 del 1904, la quale disponeva che tutti gli individui affetti per qualsiasi ragione da una malattia di mente fossero coattivamente ricoverati in manicomio. In particolare, l’articolo 2 di questa legge prevedeva il ricovero manicomiale per le "persone affette per qualunque causa da alienazione mentale, quando siano pericolose a sé e agli altri e di pubblico scandalo". Tale concezione distorta del malato psichiatrico, quale alienato portatore di un pericolo sociale, legittimava la vigilanza sui manicomi pubblici e privati delle autorità di pubblica sicurezza: ministro degli Interni e prefetto (art. 8 legge cit.).
In questo testo normativo, che assume la medesima nozione di malattia psichica elaborata dalla scienza medica alla fine dell’Ottocento, il malato di mente è definito come alienato, ossia come soggetto irrecuperabile, in una condizione definitiva di alterità rispetto all’universo delle persone cosiddette normali. Di conseguenza, il disturbo psichico veniva indissolubilmente legato alla pericolosità sociale dell’individuo e la struttura manicomiale veniva legittimata quale unica risposta possibile in un’ottica meramente “segregativa” verso i soggetti ricoverati, laddove l’azione di custodia prevaleva nettamente su quella terapeutica. In altri termini, il cittadino ritenuto pericoloso per sé o per altri, o ritenuto di pubblico scandalo, veniva per ciò stesso internato dalla forza pubblica in ospedale psichiatrico, dove gli strumenti di cura più adottati erano la contenzione e l’elettroshock.
La situazione, determinata dall’applicazione della legge numero 36 del 1904, tende successivamente a consolidarsi, a seguito dell’entrata in vigore di nuove disposizioni che rinsaldano ulteriormente il sistema manicomiale in ragione del loro carattere repressivo. Si pensi all’art.153 del Testo Unico di Pubblica Sicurezza, che sancisce l’obbligo, a carico degli esercenti le professioni sanitarie, di denunziare all’autorità di pubblica sicurezza le persone, da loro assistite, affette da malattie di mente o da gravi infermità psichiche, le quali dimostrino o diano sospetto di essere pericolose per sé o per gli altri.
Così nella stessa ottica, l’art. 604 del vecchio Codice di Procedura Penale (Codice Rocco del 1931) prevede l’annotazione nel casellario giudiziale delle sentenze di interdizione e di inabilitazione relative ai malati psichiatrici. A completare il quadro, l’art. 2 della legge 23 marzo 1957, numero 137, sospende il diritto di voto ai ricoverati nei manicomi. Tutto questo malgrado l’entrata in vigore, nel 1948, della Costituzione, che nell’art. 32, oltre a riconoscere in termini universali il diritto alla salute, quale bene di rilevanza non soltanto soggettiva ma anche collettiva, stabilisce espressamente che “Nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge.
La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana”. Dopo 20 anni dalla promulgazione di questo importante principio costituzionale si arriva alla legge n. 431 del 1968: “Assistenza psichiatrica e sanità mentale”, volta inizialmente a rifondare il sistema psichiatrico, ma successivamente naufragata, tant’è che il vecchio testo del 1904 resta pressoché intatto. Tuttavia, va ascritto a questo testo di legge il merito di aver, se non altro, indicato talune importanti linee guida, che troveranno applicazione, 10 anni più tardi, con il varo della riforma sanitaria. In particolare, essa abbozza un nuovo modello terapeutico e riabilitativo imperniato non solo sull’istituzione manicomiale ma anche su strutture extra – ospedaliere radicate sul territorio (i centri o servizi di igiene mentale, secondo l’art. 3 della legge in commento).
Il malato di mente viene sempre più avvicinato allo status di cittadino con titolarità di diritti e allontanato dall’aberrante concezione, anche giuridica, di alienato, talché viene, ad esempio, abolita la previsione dell’art. 604 del Codice di Procedura Penale che stabiliva l’annotazione sul casellario giudiziale dei provvedimenti di ricovero degli infermi di malattie mentali. La legge n. 180, approvata il 13 maggio 1978 col titolo, "Accertamenti e trattamenti sanitari volontari e obbligatori", abolisce definitivamente l’istituzione manicomiale e contestualmente sul piano giuridico depenalizza la malattia mentale (l’art. 10 sopprime dal Codice Penale le parole “alienati di mente”), e dunque la funzione dell’ospedale psichiatrico quale difesa della società dal presunto concetto di pericolosità del malato mentale. La legge 180 oltre la chiusura dei manicomi prevede, per rendere effettivo il processo di deospedalizzazione, la parallela apertura di una pluralità di centri e servizi territoriali, destinati a garantire gli interventi terapeutici in un’ottica di rapporto costante con il territorio, spostando l’asse del lavoro degli operatori sul sociale, in una dimensione più vicina ai luoghi abituali di vita delle persone sofferenti.
Riportiamo, di seguito, alcuni degli articoli più significativi della sopracitata legge. Art. 6: “Gli interventi di prevenzione, cura e riabilitazione relativi alle malattie mentali sono attuati di norma dai servizi e presidi psichiatrici extra – ospedalieri […]”. Art. 7: “[…] E’ in ogni caso vietato costruire nuovi ospedali psichiatrici, utilizzare quelli attualmente esistenti come divisioni specialistiche psichiatriche di ospedali generali, istituire negli ospedali generali divisioni o sezioni psichiatriche e utilizzare come tali divisioni o sezioni neurologiche o neuropsichiatriche. […]”. Art.8: “[…] negli attuali ospedali psichiatrici possono essere ricoverati, sempre che ne facciano richiesta, esclusivamente coloro che vi sono stati ricoverati anteriormente alla data di entrata in vigore della presente legge e che necessitano di trattamento psichiatrico in condizioni di degenza ospedaliera”. La legge 180, in attuazione dell’art. 32 della Costituzione, nell’art. 1, sottolinea la necessità di “accertamenti e trattamenti sanitari obbligatori nel rispetto della dignità della persona e dei diritti civili e politici garantiti dalla Costituzione, compreso per quanto è possibile il diritto alla libera scelta del medico e del luogo di cura”.

Pasquale Musarra, psicoterapeuta








Postato il Domenica, 02 febbraio 2014 ore 07:30:00 CET di Angelo Battiato
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.29 Secondi