Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 537953605 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2021

VII CONGRESSO CISL SCUOLA CATANIA
di a-oliva
2679 letture

Da 70 anni donatori di sangue. ADVS FIDAS premia al Comune di Catania i donatori di sangue settantenni
di a-oliva
2245 letture

Personale Docente - Nomine in ruolo da procedure concorsuali per surroga - A.S. 2021/2022 - Sedi disponibili
di a-oliva
2238 letture

Personale docente - Esiti del nuovo conferimento delle supplenze a seguito della procedura informatizzata da GAE e GPS, per stipula di contratti a tempo determinato - A.S. 2021/2022
di a-oliva
2117 letture

Personale docente - Posti disponibili aggiornati per stipula di contratti a tempo determinato da GPS e GAE - A.S. 2021/2022
di a-oliva
1997 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·Ai confini della realtà. Le assurde proposte di una dirigente scolastica 'appassionata al futuro'
·Richieste illegittime da parte delle segreterie scolastiche
·Concorso dirigenti scolastici 2017: “Giustizia per l’Orale” denuncia i plurimi aspetti di illegittimità
·Quelle strane incongruenze nel curriculum della ministra Lucia Azzolina
·La DaD ha salvato la baracca?


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Nuove Tecnologie: Internet, metà degli italiani sta in rete. Ma gli insegnanti non lo sanno

Opinioni
Un italiano su due utilizza regolarmente Internet. Tre anni fa lo faceva soltanto uno su tre. Il computer di casa si utilizza sempre meno come “macchina da scrivere”, rappresentando invece un grande contenitore attaccato ad un filo, nel quale gli italiani amano soprattutto cercare informazioni, leggere giornali, consultare enciclopedie e, sempre di più, fare acquisti.

Nel Rapporto 2005 sull’editoria on-line che l’Associazione Italiana Editori ha presentato a Milano si sono delineate diverse tipologie di ‘internauti’: dei 23 milioni di italiani che si sono collegati in rete negli ultimi tre anni (passando dal 35 al 46% della popolazione), il 17% sono «gli ultimi arrivati». Si tratta soprattutto dei sessantenni del sud e delle isole, quelli che probabilmente sono stati iniziati alla navigazione per esigenze di lavoro o magari dall’insistenza dei figli. Poi c’è un 24% di «basici», soprattutto casalinghe e gente poco esperta, che sembra cliccare in punta di piedi, giusto il tempo necessario di cercare cio di cui ha bisogno, senza soffermarsi troppo.

Gli studenti delle scuole superiori sono invece il tipico utente «funzionale» (il 22%): hanno buona dimestichezza, sanno destreggiarsi nel mare del web e salvano sempre i contenuti di cui hanno bisogno. Infine la categoria più numerosa (il 37%), i ‘curiosi’: sono gli utenti che con internet si divertono di più. Hanno un’età compresa tra i 18 e i 35 anni, buona cultura, amanti della lettura ma soprattutto interessati all’informazione in tempo reale. Naturalmente si concedono il lusso di scaricare musica e film e in numero crescente si divertono a fare acquisti senza spostarsi da casa. Più della metà di loro, infatti, ritiene che scegliere un oggetto e pagare utilizzando i servizi on line sia più che sicuro.

Il rapporto tuttavia dimostra come utilizzare con sempre più assiduità il computer non precluda necessariamente il tempo alla lettura di un buon libro di carta. I lettori in Italia sono pochi, ma aumentano gradualmente, con una media personale che passa dai 2,3 del 2002 ai 3,2 libri di oggi. Poco male, dicono naturalmente gli editori, che però registrano un crescente interesse di chi naviga a trovare un momento per sfogliare un giornale digitale. Chi si trova su Internet infatti con frequenza coglie l’occasione di collegarsi anche per pochi minuti ai siti di informazione e salvare sul desktop o stampare la notizia che gli interessa. Molti tra l’altro si dicono pronti a pagare un abbonamento pur di avere accesso illimitato ai canali di informazione telematica. Una prospettiva nuova che si apre per l’industria editoriale, tenendo anche conto che il computer è diventato un oggetto familiare per la metà degli italiani.

Ma l’Associazione Italiana Editori ha lanciato una nuova proposta al Ministero dell' Istruzione e a quello dell'Innovazione: sperimentare in 200 scuole l’utilizzo concreto del pc nelle classi, facendolo diventare uno strumento della didattica alla pari della lavagna e dei libri. È un modo per far recuperare, almeno in parte, il gap di cui soffre il corpo insegnate italiano. Da un’indagine commissionata all’Istituto IARD Franco Brambilla, è risultato infatti che il rapporto tra insegnanti e nuove tecnologie non è proprio dei migliori. Come dire, gli insegnanti potrebbero prendere lezione dai propri studenti, per quanto riguarda l’utilizzo del pc e di internet.

Su ottanta interpellati, solo un insegnate su tre utilizza regolarmente il computer per preparare le lezioni e solo uno su cinque sa come preparare una lezione usando il pc. Eppure se sono chiamati a dare un voto sui vantaggi che le nuove tecnologie possono apportare alla didattica e al reperimento dei materiali, tutti si affrettano a promuoverle a pieni voti (una media che supera l’8). E poi sono loro stessi a chiedere sempre di più contenuti digitali tipo esercizi, immagini, materiali specialistici, di ricerca e test di autovalutazione. Un mercato in grande espansione che gli editori non vogliono lasciare sfornito. Una rivoluzione tante volte annunciata, che forse non eliminerà quaderni, libri, lavagna e gessetti ma che inevitabilmente segnerà la differenza tra le vecchie generazioni di studenti e quelli che inizieranno a formarsi nel futuro. Finché forse non arriverà il giorno in cui l’insegnante chiamerà lo studente dicendogli «Dai forza, vieni al desktop».

da "L'Unità"






dello stesso autore




Postato il Mercoledì, 13 aprile 2005 ore 00:18:44 CEST di Camillo Bella
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.27 Secondi