Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 547678682 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
giugno 2022

VIII edizione del concorso PICCOLI REGISTI CERCASI…per la LEGALITA’
di a-oliva
1922 letture

Il Progetto DLC ancora una volta per lo 'Spedalieri' una palestra di vita
di m-nicotra
1875 letture

“DIO NON SI È ANCORA STANCATO DEGLI UOMINI”. Lettera aperta dell’Arcivescovo di Catania alla madre del piccolo Germano
di a-oliva
1801 letture

La preside Brigida Morsellino "Cavaliere della Repubblica"
di a-oliva
1732 letture

Ultimi appuntamenti dell’anno scolastico al Convitto Cutelli: Countdown e Gran Galà
di a-oliva
1715 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Commissione Premio Nicholas Green
·Delega scuole polo valutazioni istanze GPS ex art. 8 c. 5 O.M. 112/2022
·Aggiornamento graduatorie provinciali permanenti personale ATA (24 MESI) - Graduatorie a.s. 2022/2023 - Commissione esaminatrice
·Graduatorie ad Esaurimento Definitive del personale docente ed educativo valide per il triennio 2022/2025 della provincia di Catania con i relativi elenchi di sostegno
·Procedura per la selezione di unità di personale docente da destinare ai progetti nazionali ai sensi dell’art. 1 comma 65, legge n. 107 del 2015 per l’anno scolastico 2022/2023 presso l’USR per la Sicilia – Ufficio VII A.T. Catania - Riconferme


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: Troppe responsabilità e niente indennità, i prof iniziano a dire 'no': a rischio le gite scolastiche

Rassegna stampa
Troppe responsabilità, nessuna indennità di missione oltre ai rischi legati alla quotidianità. E gli insegnanti cominciano a dire no alle gite scolastiche. E se tutti sono d’accordo che si tratta di un momento importante per i ragazzi, da più parti si fa notare che con i tagli delle risorse sempre più spesso un insegnante parte con troppi studenti su cui ‘vegliare’. Non trascurare il cambiamento di ruolo che investe il professore che va in gita, che di fatto diventa un custode: per loro le responsabilità ''sono enormi''.




 (Adnkronos/Ign) - Troppe responsabilità, nessuna indennità di missione oltre ai rischi legati alla quotidianità. E gli insegnanti cominciano a dire no alle gite scolastiche. E se tutti sono d’accordo che si tratta di un momento importante per i ragazzi, da più parti si fa notare che con i tagli delle risorse sempre più spesso un insegnante parte con troppi studenti su cui ‘vegliare’. Non trascurare il cambiamento di ruolo che investe il professore che va in gita, che di fatto diventa un custode: per loro le responsabilità ''sono enormi''.
Gli studenti aspettano tutto l’anno di andare in gita scolastica che dovrebbe essere soprattutto un’occasione di crescita culturale: per questo fa parte del piano di offerta formativa della scuola. Resta il fatto che per gli insegnanti gita scolastica vuol dire tante responsabilità, quindi tensione e fatica. E anche se l’attenzione è sempre massima, gli incidenti - più o meno gravi - possono sempre accadere.
L’ultimo, gravissimo, in ordine di tempo è quello che ha coinvolto una studentessa 18enne di Roma, Maria Cristina S., morta dopo essere volata dal sesto piano di un hotel di Londra. ''Siamo tutti d’accordo che in gita scolastica i ragazzi devono andarci, perché sono innanzitutto uno strumento fondamentale anche di arricchimento culturale - afferma a IGN, testata on line del gruppo Adnkronos, Domenico Pantaleo, segretario generale Flc-Cgil - soprattutto perché secondo noi tra ciò che c’è dentro la scuola e ciò che c’è fuori deve esserci un’interrelazione''.
''Dopo di che bisogna che ci siano le risorse: visto che le stanno tagliando, si rischia che le gite saltino. E poi bisogna garantire che ci siano tutte le condizioni di sicurezza per chi partecipa alle gite, sia per gli studenti che per gli insegnanti''. ''Secondo noi, però, anche in una situazione di tagli è importante che le gite vengano fatte - sottolinea Pantaleo - Il fatto è che più si fa avanti e meno siamo tutelati. C’è bisogno di più personale per dare la possibilità agli insegnanti di governare meglio i ragazzi quando sono fuori'', conclude il segretario generale.
''Quando succedono queste disgrazie, il dolore è immenso - dice a IGN Francesco Scrima, segretario generale della Cisl Scuola - Resta il fatto che le gite scolastiche sono un momento importante per gli studenti e di grande responsabilità per gli insegnanti. Da parte dei quali solitamente non ci sono remore a partire, sia con i più piccoli che con adolescenti di 17-18 anni. Quando accadono incidenti la responsabilità non viene di solito addebitata agli insegnanti, che sono sempre attentissimi, ma è necessario metterli nella condizione migliore per lavorare. Perché loro, quando vanno in gita, stanno lavorando. Invece spesso si trovano a doversi occupare di troppi studenti e questo è un problema. ‘In barba’ alla normativa che prevede un numero massimo di studenti per insegnante, capita che un docente parta con una classe formata da 20 o più ragazzi perché non ci sono fondi necessari a coprire la quota di partecipazione per un altro professore''.
''Ogni volta che un insegnante deve partire per una gita prova chiaramente molta ansia per le responsabilità di cui si carica - dice a Ign Massimo Di Menna, segretario generale Uil Scuola - negli ultimi tempi abbiamo notato un intensificarsi delle chiamate al nostro sindacato da parte dei docenti che ci chiedono cosa rischiano in caso di incidente''. ''Noi abbiamo un’assicurazione per gli iscritti che prevede una buona copertura in caso di responsabilità civile - spiega Di Menna - ma il punto è un altro. Alla professione dell’insegnante non viene dato il giusto riconoscimento e il professore va in gita senza neanche avere qualcosa in più sullo stipendio''.
''La situazione è grave e allarmante'' per Pietro Castello, esecutivo provinciale Cobas. ''Ci sono classi - spiega Castello - che sono andate all’estero con un solo accompagnatore. Mi chiedo? E se il professore si sente male, chi si occupa degli studenti? E se uno studente sta male e deve essere portato in ospedale, chi si occupa degli altri?''. ''Il problema è che non ci sono fondi. A questo punto il rischio è che non si vada più in gita - sottolinea Castello - ma noi non siamo d’accordo. Il fatto è che in alcuni casi il secondo professore dovrebbe pagarsi la quota di partecipazione: è inaccettabile''.
''Nel caso della ragazza morta a Londra, bisognerebbe vedere se in gita erano più classi e quanti erano gli insegnanti - conclude Castello - le responsabilità quotidiane sono tante e il personale non è sufficiente. Nel costume generale queste cose incidono e le gite rischiano di diventare sempre meno con il risultato che la scuola si immiserisce nel suo complesso avviandosi verso un degrado complessivo''.
''Noi professori ci sentiamo tutelati, nel senso che il ministero ha dato disposizioni severe in tal senso anche con l’assicurazione aggiuntiva della scuola. Però capita spesso che l’insegnante debba pagarsi la propria assicurazione a proprie spese. E’ come pagare una tassa per lavorare - spiega a Ign Rino Di Meglio, coordinatore nazionale Gilda - L’insegnante che va in gita lavora 24 ore su 24. Non ci sono soldi, quindi non gli viene pagata neanche l’indennità di missione e poi a spese proprie si deve pure pagare l’assicurazione. Mi sembra un mondo di marziani. Già la responsabilità è enorme. A quel punto gli insegnanti a mio parere non dovrebbero partire''.
''I viaggi di istruzione sono un problema sempre più grande'', fa notare a Ign Giorgio Rembado, leader dei presidi. ''Ci sono due ordini di problemi: il primo sono le responsabilità, le enormi responsabilità degli insegnanti. I rischi ci sono, sono oggettivi e non sempre un insegnante può tenere tutto e tutti sotto controllo, come ad esempio di notte: non è che un professore può andare nelle camere degli studenti - afferma Rembado - inoltre gli studenti, soprattutto quelli più grandi, spesso interpretano la gita scolastica non come un momento di scambio culturale ma come un momento di trasgressione. In questo caso tutto diventa più difficile e il controllo dell’insegnante è quasi impossibile''.
''C’è poi un altro aspetto da non sottovalutare, e cioè il fatto che il ruolo dell’insegnante in gita cambia visto che diventa una sorta di custode. Un cambiamento che può non essere visto in modo favorevole da parte dell’insegnante'', conclude.










Postato il Mercoledì, 24 febbraio 2010 ore 07:29:34 CET di Pasquale Almirante
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Rassegna stampa

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.24 Secondi