Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 548114441 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
luglio 2022

Liceo Spedalieri di Catania, un terzo premio e due menzioni nel Premio Artistico-Letterario “Ilaria e Lucia”
di m-nicotra
767 letture

Nuovi premi per il Convitto Cutelli al Concorso Ilaria e Lucia
di a-oliva
502 letture

Graduatorie ad Esaurimento e Graduatorie Provinciali per Supplenze - Avviso apertura funzioni per la presentazione telematica delle istanze di scioglimento delle riserve nelle GaE e nelle GPS e di conferma dei servizi nelle GPS
di a-oliva
297 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Attività parlamentare
Attività parlamentare

·Un governo contro la scuola
·Le linee guide che spezzano la scuola, non la riaprono
·Il ministro blocchi il progetto scuola/esercito in Sicilia
·Una campagna nella scuola contro le falsificazioni anticomuniste della storia
·Gli amici delle scuole private all’attacco della Costituzione


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Dirigenti Scolastici: Concorso DS: Stampa a confronto

Rassegna stampa
Il concorso dei presidi e la beffa della legalità Repubblica 28 gennaio 2010 pagina 1 sezione: PALERMO PROVATE a chiedere a un preside se lui sia per la legalità. Vi risponderà sgranando gli occhi: certo che lo è. Se non lo è lui, che guida una scuola dove si pretende il rispetto del regolamento e si insegna l' importanza delle leggi, chi dovrebbe esserlo? Eppure mi torna in mente un personaggio raccontato in un magnifico articolo da Indro Montanelli: il soldato Rapisarda. Chi era Rapisarda? Era un appuntato siciliano, mandato a combattere sul fronte greco-albanese. Un perfetto lavativo, raccontò Montanelli, riluttante a esporsi ai pericoli della trincea, che nobilitava questa sua renitenza dicendo di non voler sparare contro i greci, che a lui non avevano fatto nulla di male. «Ma un giorno che in trincea dovette far capolino, fu colpito di striscio alla guancia da una scheggia di mortaio. Greco. Rapisarda si terse il sangue della ferita, poco più che uno sgraffio, si guardò la mano,e con aria niente affatto impaurita, ma tra stupefatta ed indignata, esclamò: "A mia!?". Da quel momento il lavativo scomparve, ed al suo posto subentrò una specie di kamikaze che dichiarò ai greci una sua guerra personale». Ecco, quando leggo di quei presidi che stanno facendo il diavolo a quattro pur di evitare di ripetere un concorso che è stato annullato dai giudici amministrativi per le evidenti irregolarità riscontrate, mi torna in mente il soldato Rapisarda. NON perché siano lavativi. Ma come Rapisarda non aveva nulla contro i greci, loro non hanno nulla contro la legalità, anzi. Eppure il giorno che la giustizia minaccia la loro carriera, gridano: «A mia?!». E cominciano a sparare contro i giudici, contro i giornalisti, contro tutti coloro che non riconoscono il loro sacrosanto diritto a mantenere il posto. Mi chiedo: come potranno spiegare domani il valore della legalità ai loro studenti, questi presidi che oggi non la rispettano? Come potranno pretendere dai ragazzi il rispetto delle regole, loro che si porteranno dietro il sospetto di aver vinto un concorso truccato? Non dovrebbero essere loro i primi a pretendere la ripetizione delle prove? Ancora più sbalorditivo è questo agitarsi di deputati, assessori e presidenti che cercano di evitare che la sentenza dei giudici venga rispettata. Dopo aver cercato di far passare una ignobile norma che avrebbe lasciato in carica i 426 vincitori del concorso annullato (fermati, per fortuna, dalla saggia mano del presidente Napolitano), sono tornati alla carica proponendo altre due leggine. Una ammetterebbe al nuovo concorso solo i vincitori e le due ricorrenti, riducendo allo 0,5 per cento il rischio di essere bocciati. Un' altra prevede la ripetizione del concorso, ma non per i vecchi vincitori, che diventerebbero di ruolo per legge. Due beffe, una peggiore dell' altra. Che metterebbero una pietra tombale - un' altra - sul rispetto della legalità in Sicilia. Ma noi, che a questo valore crediamo ancora, non vogliamo rassegnarci. Perché, per fortuna, a Roma c' è ancora un Presidente. - SEBASTIANO MESSINA L' esercito dei presidi rimasti senza cattedra (Dal Corriere) Un verdetto fa perdere il posto a 425 dirigenti Tra i danneggiati anche Domenico Di Fatta, uno dei 5 premiati da Napolitano per l' impegno antimafia MILANO - Ormai da anni Domenico Di Fatta è il preside della scuola elementare «Falcone e Borsellino» di Palermo: nel cuore dello Zen, il posto col più alto tasso criminale della città. È la stessa scuola le cui finestre erano state infrante a pistolettate l' anno scorso, chissà se qualcuno ricorda. In effetti il preside Di Fatta è anche uno dei cinque premiati dal presidente Giorgio Napolitano per l' impegno della sua scuola nella lotta alla mafia. Eppure anche il preside Di Fatta, secondo lo stesso Stato che con una mano l' ha premiato, attualmente è una specie di abusivo da punire con l' altra. Lui e altri 425 presidi di altrettante scuole siciliane come la sua. Che nel 2004 hanno fatto un concorso, lo hanno vinto, hanno mollato i loro precedenti posti da prof, si sono insediati a guidare ciascuno un istituto, hanno controfirmato per tutti questi anni migliaia di atti, promozioni, bocciature, consigli d' istituto. Finché la giustizia amministrativa speciale della Regione Sicilia ha stabilito adesso, cinque anni dopo, con una decisione definita «dirompente» dai suoi stessi autori, che il loro concorso è da rifare. Mezzo migliaio di presidi azzerati, con un effetto potenzialmente a cascata sul destino di non si sa quanti altri. Ma nel frattempo «congelati» sulle loro sedie, quel mezzo migliaio, senza più alcuna identità: trasformati in uno nessuno e centomila «ibridi» pirandelliani, in attesa di nuovo giudizio. Il loro caso è appena finito davanti alla Corte di giustizia europea per i diritti umani. La loro storia è uno spaccato d' Italia e Sicilia che forse non sarebbe spiaciuto a Kafka. Incomincia appunto nel 2004, quando ad affrontare il concorso di Palermo si presentano in millecinquecento: lo passano in 426. Tra loro c' è il professor Giovanni Lutri, oggi preside del liceo classico «Michele Amari» di Giarre. Racconta: «Superato il concorso siamo stati destinati, un po' per volta, alle varie scuole sparse nella Regione». Graduatorie definitive, i «nuovi» presidi un po' alla volta si insediano. Tutti contenti tranne due. Le professoresse Giuseppina Gugliotta e Maria Antonietta Cucciniello. Due dei mille che il concorso purtroppo lo avevano perso. Fanno ricorso al Tar: niente da fare. Ne fanno un altro: respinte di nuovo. Intanto gli anni passano. La «Cassazione» amministrativa dello Statuto speciale siciliano, cioè quella cosa che per il resto d' Italia è il Consiglio di Stato, qui è un collegio particolare che si chiama «Consiglio per la Giustizia Amministrativa della Regione Sicilia». Inappellabile. È lì che le professoresse Gugliotta e Cucciniello, con i loro avvocati Caterina Giunta e Maria Diliberto, vanno a giocarsi la loro ultima carta. E stavolta - siamo all' oggi - addirittura stravincono: pur senza avere ancora, paradosso nel paradosso, niente di certo da festeggiare. Perché il collegio dei giudici Riccardo Virgilio e Chiarenza Millemaggi Cogliani non si è limitato a occuparsi di loro: ha annullato l' intero concorso. Con questa motivazione: la commissione esaminatrice si era divisa in due sottocommissioni conservando un unico presidente per entrambe. «A niente è valso far notare - come spiega il legale del preside Lutri e di molti altri suoi colleghi, l' avvocato Sebastiano Licciardello - che questa è la prassi vigente in tutta Italia per i concorsi con oltre 500 candidati». E l' Amministrazione, cioè l' Ufficio scolastico regionale, non ha avuto scelta: nelle scorse settimane ha spedito a tutti i presidi una lettera per dir loro di ritenersi «decaduti», perché il loro concorso è stato annullato, ma di considerarsi comunque «in servizio» - perché non si possono lasciare centinaia di scuole senza preside - finché il concorso stesso non sarà rifatto. Loro hanno già presentato a loro volta un ricorso al Tar: non contro l' inappellabile decisione del Cga bensì contro l' Amministrazione scolastica, per le modalità con cui l' ha applicata. E l' altro giorno il Tar ha bloccato tutto: stallo. Forse tutti e millecinquecento dovranno rimettere le vecchie prove in nuove buste anonime, da riesaminare. O rifare proprio tutto. Non si sa. In attesa che l' ulteriore ricorso presentato dall' avvocato Licciardello alla Corte di giustizia europea abbia una risposta. Il preside Domenico Di Fatta allarga le braccia: «Vedo qualcuno di noi ex vincitori che ora potrebbe perdere, e naturalmente farà ricorso a sua volta. Vedo presidi che torneranno a rivendicare il loro vecchio posto da prof: e per ciascuno di loro ci sarà un prof precario che perderà il proprio. Con altri ricorsi. Vedo un valzer che durerà anni. Serviva davvero anche questo alla scuola italiana?». L' unica concreta speranza per l' armata dei quattrocento è oggi pendente in Senato sotto forma di proposta da inserire nel decreto «milleproroghe»: si chiamerebbe sanatoria. Un' altra. Per consentire ancora una volta allo Stato di mettere una pezza a se stesso. Paolo Foschini Annachiara Sacchi








Postato il Martedì, 02 febbraio 2010 ore 12:07:47 CET di Pasquale Almirante
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 2
Voti: 3


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



Argomenti Correlati

Rassegna stampa

contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.27 Secondi