Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 522443500 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicitą
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e societą
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli pił letti del mese
aprile 2021

31-MAR-2021 - PRESIDENZA DELLA REGIONE - Ordinanza contingibile e urgente n°29
di a-oliva
1170 letture

Accussģ, il libro di poesie in lingua siciliana di Angelo Battiato
di m-nicotra
1048 letture

I disabili nelle paritarie non pił a carico delle famiglie
di a-oliva
1025 letture

Mobilitą del personale docente, educativo ed A.T.A. a.s. 2021/2022
di a-oliva
1005 letture

L’arte speciale di Aliaia, del Liceo Artistico 'Emilio Greco', di Catania
di a-battiato
604 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganą
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasą
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e societą
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilitą
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilitą
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Universitą
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

I video della scuola
I video della scuola

·Video e rap per la Shoah. Il Coro interscolastico di voci bianche 'Vincenzo Bellini'
·25 aprile, lontani ma vicini: i giovani cantori di Torino cantano 'Bella ciao'
·Caro virus, non sei simpatico e gentile
·L'aeronautico di Catania si prepara al lavoro nella base di Sigonella
·Premiazione concorso #Zerobullismo, la tua storia contro il bullismo in rete - Liceo Classico 'Tommaso Fazello' di Sciacca


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritč e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Universitą: Mini-universitą, quanti sprechi:in 33 comuni c'č solo un corso

Comunicati

 

ROMA (29 novembre) - Non c’è provincia che non abbia una sede universitaria. Invocata dai politici locali come una «conquista» e una «opportunità per il territorio», in realtà le tante “università di campanile” spesso sono nate sulla spinta di interessi locali, di congreghe e cordate accademiche, in risposta a logiche di potere. Poco importavano gli sprechi, il servizio scadente, la mancanza di laboratori, l’assenza di ricerca. Tranne qualche eccezione, il livello è scadente. Su 79 atenei, l’Italia conta 268 sedi universitarie distaccate. Università “ad personam”, ancora prima di avere uno studente, un professore, un libro, un laboratorio.

 

Alcune hanno pochissimi iscritti. Ma in tempi di vacche magre, con il ministro Tremonti che taglia risorse, la lotta agli sprechi per ogni rettore diventa una necessità ineludibile. Anche perché il ministero è pronto a un giro di vite contro la proliferazione. In una nota riservata firmata dalla Gelmini e indirizzata ai capi di ateneo si chiede conto del numero estremamente elevato e difficilmente sostenibile delle sedi, sottolineando che sottraendo a questi numeri i corsi di area sanitaria, obbligatori perché in convenzione con le Regioni, si scopre che sono 57 i Comuni d’Italia che vantano una sede accademica di piccole dimensioni. Per l’esattezza sono 33 i Comuni con un solo corso di laurea e 24 con due.

Fanno parte del primo gruppo Iglesias, Vinci, Ariano Irpino, Ceccano, Avezzano, Baronissi, Torre del Greco, San Pietro in Cariano, Cava de’ Tirreni, Cesenatico e altri ancora. Del secondo gruppo, invece, quello con due corsi di laurea, Jesi, Portogruaro, Matelica, Noto, Ragusa, Bra, Sesto San Giovanni, Verres, Faenza e altri. Ovviamente ci sono realtà che funzionano, ma in generale le carenze sono molte. Ancora nessuno si sbilancia, al Miur sono cauti, ma pare che un 30-40% di questi corsi verrà soppresso e altri verranno accorpati.

I Comuni con uno o due corsi di laurea, dunque, sono in totale 57. Ma abbiamo detto che il Miur, complessivamente, ha censito 268 sedi universitarie distaccate: mini-atenei attivati in comuni diversi da quello che ospita la sede principale. «Queste sedi sono spesso servite a “sistemare” i professori - sostiene Guido Fiegna, membro del Comitato nazionale di valutazione - Non voglio generalizzare, però molte di queste sedi hanno la funzione di “dottorifici”, non sono vere università. L’università, infatti, si misura sulla capacità di ricerca, che invece manca. Oggi l’unica via d’uscita è quella di mettere un’asticella, fissando degli standard. Così si distinguono le università di serie A da quelle di serie B. Non è che, senza organizzazione, mezzi, laboratori e biblioteche, chiunque può pensare di coprire da Ingegneria a Scienze motorie».

Così i nostri studenti, unici al mondo, sono abituati ad andare all’università senza tagliare il cordone ombelicale con la famiglia. Ma questo gli impedisce di crescere e di confrontarsi, salvo poi accorgersi che il lavoro sotto casa non c’è. Il fenomeno è talmente diffuso che si contano sulle dita di una mano le province prive di queste “università del campanile”. La moltiplicazione è iniziata timidamente negli anni ’80, poi è esplosa. Qualche esempio? L’Università degli Studi di Torino conta 9 sedi decentrate, l’Università del Piemonte Orientale 9, Genova 5, la Statale di Milano 10, il Politecnico di Milano 5, Pavia 6, Verona 8, Padova 11, Bologna 8, Ferrara 6, Ancona 6, Firenze 9, Perugia 6, Napoli II 9, Foggia 5, Bari 10, Messina 7, Catania 6, tralasciando le minori. Alcuni rettori, come nel caso di Frati alla Sapienza, stanno tagliando sedi. Anche il Politecnico di Torino ha avviato un programma di revisione. Ovviamente la soppressione di sedi delle volte scatena conflitti e proteste, non è indolore.

Il ministero dice che il primo passo sarà l’eliminazione delle duplicazioni e dei corsi che non hanno i requisiti per ottenere la “certificazione” prevista dalla riforma Gelmini. Intanto, La Sapienza fa da apripista al rinnovamento. «Ho già soppresso due sedi - afferma il rettore Luigi Frati - una a Civitavecchia, l’altra a Bracciano. In entrambi i casi due situazioni ormai insostenibili, con sprechi e pochi iscritti. A Civitavecchia avevamo un corso di laurea in Ingegneria e un altro in Economia, una follia mantenere un tipo di corso scientifico senza laboratori e strutture. A Bracciano avevamo una situazione analoga per Architettura del territorio. Sedi in cui la ricerca non esisteva, ma allora di quale università parliamo? Quella era già condannata ad essere di serie B. Gli studenti lo hanno capito, ora sono stati spostati e avranno un servizio migliore». «L’altro aspetto inquietante - sostiene Giovanni Grasso, ordinario di Fisiopatologia a Firenze - riguarda la dispersione delle già magre risorse. Per finanziare sedi di dubbia utilità si dà meno agli atenei che fanno sul serio ricerca, un doppio danno per gli studenti».

«Ci sarà presto - afferma la Gelmini - una verifica da parte del ministero di tutti i corsi di laurea e di tutte le sedi distaccate, per evitare che si creino insegnamenti e strutture non necessarie». Il ministro nella nota inviata ai rettori fa inoltre notare che la «spesa universitaria dal 2001 al 2006», negli anni del boom di cattedre, sedi e insegnamenti, «è aumentata del 19,8%, ma se questo aumento è calcolato in rapporto alle sole spese di personale e di funzionamento tocca il 23,4%». Un aumento non giustificato, visto che i risultati dell’intero sistema universitario, dice il ministro, sono insoddisfacenti.

Nel frattempo anche molti dei Comuni interessati mostrano difficoltà sempre maggiori nella gestione e manutenzione degli edifici offerti in dote da istituzioni varie per i mini atenei cresciuti all’ombra del campanile. Il frazionamento delle sedi negli ultimi anni ha accompagnato di pari passo la crescita incontrollata delle lauree, che avevano raggiunto quota 5.587 e che, nel 2009-2010, per la prima volta registrano un salutare calo: siamo scesi a 4.842 corsi di laurea, con meno 13,33%.
 

Il messaggero.it









Postato il Martedģ, 08 dicembre 2009 ore 19:01:12 CET di Filippo Laganą
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternitą dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.29 Secondi