Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 523377510 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicitą
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e societą
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli pił letti del mese
aprile 2021

Solidarietą del CCR alla dott.ssa GIOVANNA BODA. Ambasciatrice dell’Educazione Civica
di a-oliva
3969 letture

Giornale scolastico: Informa-Azione all'IIS Francesco REDI di Paternņ
di m-nicotra
3799 letture

L’arte speciale di Aliaia, del Liceo Artistico 'Emilio Greco', di Catania
di a-battiato
3390 letture

Sogno d’una notte d’inverno, tra cittą e saperi
di a-battiato
3221 letture

Il Ministro Bianchi elogia la preside Brigida Morsellino. “Grazie per aver tenuto gli studenti a rischio legati alla scuola”
di a-oliva
3135 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganą
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasą
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e societą
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilitą
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilitą
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Universitą
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Opinioni
Opinioni

·Ai confini della realtą. Le assurde proposte di una dirigente scolastica 'appassionata al futuro'
·Richieste illegittime da parte delle segreterie scolastiche
·Concorso dirigenti scolastici 2017: “Giustizia per l’Orale” denuncia i plurimi aspetti di illegittimitą
·Quelle strane incongruenze nel curriculum della ministra Lucia Azzolina
·La DaD ha salvato la baracca?


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritč e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Universitą: IL 26 APRILE LA ''GIORNATA'' DELLA CATTOLICA: PARLA IL RETTORE LORENZO ORNAGHI

Comunicati
QUEL MOVIMENTO
CHE SCUOTE GLI ATENEI

«Si agita in tutta Europa un sistema che si è trasformato in struttura di massa e si sente ormai inadeguato ai suoi compiti specifici».

Quel che resta dell’onda lambisce anche il portone dell’Unversità Cattolica di Milano. Cartelloni di qua e di là: chi difende la Legge 40 e chi protesta per la scansione degli appelli di Economia. Segni di fermento, per niente circoscritti.

«La parola giusta», spiega Lorenzo Ornaghi, rettore dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, a pochi giorni dalla "Giornata universitaria" che si celebra il 26 aprile, «è "movimento": si muove – in tutta Europa – un sistema che sente di non essere più perfettamente in grado di assolvere alle sue funzioni specifiche. L’università da struttura medievale, evolutasi a formare le classi dirigenti, da qualche decennio è diventata di massa: continua a fare ricerca e formazione, ma i numeri sono molto cambiati. Su questo passaggio in Italia si è innestata di recente la rapida applicazione della riforma del "tre più due" (ora "tre e due"), con alcuni risultati positivi e inevitabili difficoltà, nel tentativo di armonizzare sistemi universitari europei che uniformi non sono».

  • Che cosa significa in questo contesto, essere oggi università cattolica?

«Nell’ambito del processo di riforma significa non restare periferici, in quanto non statali in un sistema a maggioranza statale. E, in quanto cattolici, conservare la storia, non per difenderla, ma per farne un impiego saggio e guardare al futuro. A differenza di molte università cattoliche europee, la nostra non è nata per impulso di una diocesi, ma ha raccolto l’aspirazione dei cattolici italiani ad avere una loro università. Corrispondere a questa aspirazione è ancora oggi il nostro compito».

  • Il concordato prevede per i docenti il nullaosta ecclesiastico. 
    È un limite?

«No, c’è qualcosa di simile in tutte le università cattoliche europee, è tipico delle università cosiddette "di tendenza". Ma questo non ha impedito, a cominciare da padre Gemelli, di nominare, per la loro competenza, anche docenti laicissimi».

  • A proposito di Agostino Gemelli, ricordarlo con un convegno storico significa prendere le distanze dalle controversie nate attorno alla sua figura?

«Esattamente, significa ricollocarlo, non solo come fondatore dell’Università, nel contesto della Chiesa di allora e degli accidenti storici che, operando, ha attraversato: a 50 anni dalla morte si comincia a prendere la giusta distanza».

  • Come spiegare a un aspirante studente la specificità della Cattolica?

«Con un’espressione cara a padre Gemelli: "l’andare al cuore della realtà", non per modellarla a nostra misura, ma per conoscerla e semmai modificarla. E "attenzione alla persona": per questo preferisco parlare di educazione anziché di formazione».

  • Tutti gli atenei fanno a gara ad accaparrarsi studenti, per ragioni economiche. Concorda con chi dice che sarebbe concorrenza vera solo togliendo valore legale al titolo di studio?

«Non credo che quel valore in sé, presente o assente, sia la soluzione dei malanni dell’università. Il non averlo porterebbe a una competizione anglosassone dove le università di prestigio accolgono solo l’8 per cento di chi fa domanda. Ma credo che la concorrenza non vada limitata al numero degli iscritti, ma debba contemplare la qualità della ricerca. E su quel fronte l’università italiana non mi pare male in arnese come dicono».

  • C’è pericolo di confondere la quantità con la qualità?

«La moltiplicazione dei corsi di laurea non è stata positiva, si rischia di scardinare le facoltà disorientando gli studenti e complicando la comunicazione interna, ma qualcosa si sta correggendo».

  • L’università pubblica patisce i tagli e la crisi. E voi?

«Anche. I finanziamenti straordinari alle università non statali risentono della stessa crisi. È vero che abbiamo quote di iscrizione più alte delle statali ma facciamo del nostro meglio per offrire servizi, per non pesare troppo sulle famiglie e facilitare l’accesso a chi ha redditi bassi anche attraverso numerose borse di studio».

  • È vero che i test di ingresso rivelano matricole sempre meno preparate?

«Premetto che noi abbiamo il cosiddetto numero chiuso solo nei pochi casi previsti dal ministero: la nostra linea è aprire. Di certo, le nozioni geografiche, storiche e filosofiche dei diplomati di oggi possono sembrare inferiori a quelle dei loro coetanei dei miei tempi, ma il compito di un ateneo, diventato più aperto, non è solo certificare una preparazione ma anche completarla. Si tratta di trovare la strada per il miglior raccordo possibile tra la scuola secondaria e l’università, intesa come corso di studi cui gli studenti aspirano. Poi, anche per sopperire a quel che viene meno in termini di approfondimento, abbiamo creato le "alte scuole" post-laurea».

 

Elisa Chiari
   
   
L’IMPEGNO E IL CORAGGIO DI EDUCARE

«Educare è una necessità, ma anche un impegno e un rischio da assumere con coraggio». È quanto scrivono i vescovi italiani, nel Messaggio per l’85ª Giornata per l’Università Cattolica del Sacro Cuore, in programma il 26 aprile, sul tema: "L’impegno dell’Università nella formazione delle giovani generazioni".

Quella della «formazione delle nuove generazioni», esordisce la Cei, è una «questione sempre viva, ma particolarmente urgente nell’attuale momento storico», e parlare di "emergenza educativa" – come fa il Papa – significa «anzitutto porsi il problema di una "sfida educativa», il cui cuore sta nella nuova responsabilità a cui sono chiamati in primo luogo i docenti, soprattutto universitari».

«Anche in una stagione di frammentazione culturale», ricordano i vescovi, «i credenti non possono rinunciare alla sfida dell’elaborazione di cammini orientati alla realizzazione integrale della persona e al conseguimento del bene comune». Nello stesso tempo, «le persone devono essere aiutate a leggere la loro esistenza alla luce del Vangelo, così che trovi risposta il desiderio di quanti chiedono di essere accompagnati a vivere la fede».

«Questo doppio registro educativo», è la conclusione del Messaggio, «non può che costituire l’orizzonte di riferimento anche per l’Università Cattolica, chiamata per vocazione specifica a offrire una proposta culturale e scientifica orientata alla ricerca della verità sull’uomo e sulla storia, e capace di declinare le attese di speranza delle nuove generazioni a partire dalla fedeltà ai valori evangelici». Tenendo presenti queste considerazioni si capisce quindi l’attenzione che la Chiesa italiana dedica all’ateneo cattolico, fondato da padre Agostino Gemelli, e che si manifesta anche nell’istituzione dell’annuale Giornata per l’Università Cattolica (o Giornata universitaria), momento di sensibilizzazione e di raccolta fondi, alla cui organizzazione partecipa l’Associazione Amici dell’Università Cattolica, che – attiva fin dal 1921 – conta circa 15.000 aderenti (per ulteriori informazioni: www.istitutotoniolo.it).da famiglia cristiana

 









Postato il Domenica, 26 aprile 2009 ore 00:00:00 CEST di Filippo Laganą
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 5
Voti: 1


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternitą dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.26 Secondi