Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 522795704 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
aprile 2021

L’arte speciale di Aliaia, del Liceo Artistico 'Emilio Greco', di Catania
di a-battiato
2757 letture

Sogno d’una notte d’inverno, tra città e saperi
di a-battiato
2291 letture

Accussì, il libro di poesie in lingua siciliana di Angelo Battiato
di m-nicotra
1301 letture

31-MAR-2021 - PRESIDENZA DELLA REGIONE - Ordinanza contingibile e urgente n°29
di a-oliva
1286 letture

I disabili nelle paritarie non più a carico delle famiglie
di a-oliva
1286 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Ufficio Scolastico Provinciale
Ufficio Scolastico Provinciale

·Graduatorie permessi per il diritto allo studio - Anno 2021 - Rettifiche
·Mobilità del personale docente, educativo ed A.T.A. a.s. 2021/2022
·Graduatorie ad esaurimento del personale docente ed educativo per gli anni scolastici 2019/2020, 2020/2021 e 2021/2022 - Depennamenti
·Immissioni in ruolo da procedure concorsuali per scorrimento - Anno scolastico 2020/2021 - Decorrenza economica 2021/2022 - Assegnazioni sedi
·Indizione della procedura di aggiornamento delle graduatorie di circolo e di istituto di terza fascia del personale ATA – Triennio scolastico 2021-2023


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Organico diritto&fatto: Organico e prospettive incerte nella secondaria di primo grado. Ipotesi di utilizzazione ottimale delle risorse interne

Comunicati

Una volta il problema della scuola erano i ragazzi che si perdevano, oggi a questo problema sempre attuale, nonostante i mille progetti contro la dispersione e a favore delle scuole a rischio,  appare in grande evidenza il problema dei docenti che si perdono.

Dalla comunicazione dell’Ufficio scolastico Provinciale di Catania si apprende che sono 223 i docenti soprannumerari nella scuola primaria e questi si aggiungono altri 108 posti ancora da definire, più 11 cattedre di inglese, 15 posti di sostegno nelle diverse tipologia di udito, vista e psicofisici.

Le statistiche nazionali documentano l’effettiva riduzione di personale docente e non docente nelle scuole e tali “vuoti” non sono facilmente colmabili, né l’intensificazione del lavoro potrà attuarsi soltanto a suo di decreti.

Sarà una dura scommessa che, se non gestita bene, sarà certamente perdente nella diffusione di uno stato di disagio e di difficoltà operative.  Come superarle? Come gestire le supplenze e le sostituzioni dei docenti? Come equilibrare la didattica nelle classi, dovendo modificare l’impianto del  vecchio modulo ed eliminando le “compresenze”?

Sono questi gli interrogativi ai quali finora non è data risposta  possibilità di soluzione.
Auspicando che i soprannumerari, perdenti posto, possano restare nella stessa scuola, occupando la cattedra di coloro che andranno in pensione, sarà certamente poco accettato il “ruolo di supplente” per coloro che prima erano titolari in una classe e nel modulo e a settembre, con qualifica di “soprannumerari” , perchè ultimi in graduatoria, senza i benefici della L.104, e magari più bravi, più preparati, più disponibili dei “titolari”, anziani e con la L.104 , dovranno inventarsi un modo nuovo di lavorare a scuola , svolgendo anche attività in più classi.

La  scommessa della qualità dovrà dare ragione alla necessità di rivedere i criteri di assegnazione  dei docenti alle classi, tenendo conto di tanti altri fattori, oltre quelli della  burocratica  e fredda graduatoria.

Anche nell’assegnazione delle cattedre di Lettere della scuola secondaria di primo grado, le più “colpite” dalla logica dei tagli, non deve prevalere il criterio della graduatoria  e nell’eventuale scissione della cattedra intera o spezzata, attuando un principio di valorizzazione di risorse, l’assegnazione dei docenti alle classi potrà prevedere l’assegnazione di un bravo docente di italiano in due classi, anziché in una sola, anche al fine di  apportare  maggiore beneficio alla scuola stessa.

Alcuni progetti di utilizzazione ottimale delle risorse disponibili all’interno della scuola, consentono di dare anima alla tanto declarata autonomia organizzativa, che non dovrà restare legata ai vincoli della graduatoria.
Si acclude ipotesi di strutturazione delle cattedre di Lettere in una  classe prima di una scuola a tempo prolungato con 15 classi di cui 12 nel plesso centrale e tre nel plesso staccato. Prima si poteva contare su 15 cattedre di Lettere ora l’organico ne ha assegnato 13 con 6 ore residue.

CLASSI PRIME

Corso M   15 ore

Corso N   15 ore

Corso O   9 ore + 3 ore  (doc corso M) + 3 ore  (doc corso Q)

Corso P   9 ore + 3 ore (doc corso N) + 3 ore  docente da nominare con ore residue

Corso Q   15 ore (plesso staccato)

CLASSI SECONDE

Corso M   15 ore

Corso N   15 ore

Corso O   9 ore + 3 ore  (doc corso M) + 3 ore  (doc corso Q)

Corso P   9 ore + 3 ore (doc corso N) + 3 ore  docente da nominare con ore residue

Corso Q   15 ore (plesso staccato)

CLASSI TERZE  cattedre secondo il vecchio ordinamento

Corso A   18 ore  (12+3   + 3 a disposizione )

Corso B   18 ore  (12+3   + 3 a disposizione )

Corso C   18 ore  (12+3   + 3 a disposizione )

Corso D   18 ore  (12+3   + 3 a disposizione )

Corso E   18 ore  (12+3   + 3 a disposizione )

Nel modello adottato per le classi prime dove si incontrano tre docenti di Lettere uno per l’Italiano (9 ore) uno per la Storia (3 ore = 2 ore di Storia e 1 ora di Cittadinanza e Costituzione) le altre tre ore dovrebbero essere utilizzate come 2 ore di Geografia ed 1 ora di Narrativa, o Epica  o di Cultura siciliana, nello specifico della cultura locale.

Per evitare la presenza di tre docenti di Lettere in alcune classi e la presenza di un solo docente di Lettere in altre (considerata quasi un privilegio) si potrebbe adottare il seguente modello organizzativo che ha il vantaggio di assegnare a ciascuna classe due docenti di Lettere  o per 12 ore con assistenza alla mensa o per 9 ore  senza assistenza, che potrebbe essere assegnata al docente di Matematica del corso, il quale ha n orario di 8 ore + 1 in ciascuna delle due classi.

CLASSI PRIME

Corso M   12 ore  + 3 ore  (Storia + Cittad e Costituzione): docente Corso Q       

Corso N    9  ore  + 6   ore  : docente Corso  M

                    Storia+ Cittad e Costituzione + Geografia +  Assistenza mensa

Corso O   12 ore  + 3 (storia + Cittad e Costituzione)  docente   esterno    

Corso  P    9  ore  + 6  ore docente Corso N

                    Storia+ Cittad e Costituzione + Geografia +  Narrativa

Corso Q   15 ore (plesso staccato)

                   completa l’orario di cattedra nel corso M alla sede centrale

 

Le ore di Lettere previste anche nel” tempo normale”  sono suddivise in 9+9  e prevedono la presenza di un docente ogni due classi. Dalla previsione degli organici  si evince l’assegnazione di un docente o delle ore residue per lo svolgimento della   trentesima ora, previsto sotto il nome di “approfondimento in materie letterarie”.

Se il numero delle classi è dispari il   docente che ha 9 ore completerà la cattedra con un’ora in altrettante nove classi , riempiendo così la trentesima ora.
Chi avrà questo carico aggiuntivo rispetto ai Colleghi? Secondo la cultura sindacale l’ultimo in graduatoria o chi rischiava di essere perdente posto e soprannumerario.
Cosa andrà ad “approfondire” entrando per un’ora la settimana in una classe dove rimarrebbe  un “estraneo” o in “intruso” ?
Per evitare ciò il buon senso pedagogico ci suggerisce che l’approfondimento in materie letterarie venga  svolto dal docente di classe con 9 ore, mentre la presenza aggiuntiva del docente “esterno”  per la trentesima ora sarà meglio dedicarla all’insegnamento di Cittadinanza e Costituzione che esige una sua specifica collocazione nell’impianto didattico della scuola, con l’attribuzione di un voto distinto, espressione di una specifica e peculiare progettazione didattica con contenuti e strumenti metodologici appropriati.
Il docente “aggiunto” sarà, quindi “titolare di una disciplina” che avrà anche un voto in pagella e così si potrà garantire una continuità progettuale e formativa. Sarebbe altresì auspicabile che tale insegnamento venga assegnato a docenti “disponibili” e capaci di svolgere tale compito che implicherà certamente un maggior carico di presenza nei consigli di classe e nelle riunioni collegiali.

Sono diverse le scuole che stanno adottando tale modello organizzativo e sarà bene al termine dell’anno scolastico verificarne l’efficacia, anche in vista delle necessarie modifiche da apportare all’impianto degli organici.  Nelle scuole piccole con poche classi sarà forse un bene assegnare la trentesima ora come “aggiuntiva”  al docente di Lettere di classe  o di altra classe, se si ritiene che una presenza diversa susciti maggiore partecipazione degli alunni all’impianto formativo del futuro cittadino. In tal caso, l’integrazione dei compensi del docente di Lettere sarà pur sempre un risparmio economico rispetto alla nomina di  un docente aggiunto.

In questa fase di assestamento dell’anno scolastico si è dovuto già procedere alla previsione organizzativa della scuola anche in vista dell’adozione dei libri di testo per il prossimo anno, ma ancora le idee sono incerte e confuse.
C'è da augurarsi che da parte del Ministero arrivino una positiva accoglienza delle istanze presentate ed una risposta chiara all’enigma misterioso delle supplenze.






articoli correlati

dello stesso autore




Postato il Martedì, 21 aprile 2009 ore 09:06:47 CEST di Piero La Porta
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 3
Voti: 2


Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.28 Secondi