Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 537410888 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
novembre 2021

Libriamoci : Lombardo Radice con Neri Marcorè e tanti altri
di a-oliva
5004 letture

Erasmus Liceo Lombardo Radice - CATANIA
di a-oliva
4052 letture

Esame di Stato conclusivo del secondo ciclo di istruzione per l'anno scolastico 2021/2022 - Candidati interni ed esterni: termini e modalità
di a-oliva
2853 letture

Olimpiadi Nazionali di Robotica VI edizione 2021/2022
di a-oliva
2789 letture

Critiche sulla definizione di angolo come 'parte di piano' l’angolo giro non esiste!
di m-nicotra
2759 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Associazioni
Associazioni

·Dal Pozzo di Gammazita una rete di associazioni per conoscere la città
·Venerdì 16 Luglio alle ore 19, presso la Corte Vaccarini del Convitto Nazionale “Mario Cutelli” presentazione del libro degli Ing. Gaetano e Fabrizio D’Emilio: #ACCADDEACATANIA
·UCIIM Sezione di Tremestieri Etneo. Incontro con l’autore: Roberto Russo
·Installazione di un gazebo informativo in Piazza Nettuno dalle ore 16.00 alle ore 20.00, oggi 2 giugno, in occasione della Giornata mondiale di sensibilizzazione sui disturbi alimentari da parte dell'associazione ''Stella Danzante” ETS – ODV” di CT
·L'Italia si illumina di lilla


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Voce alla Scuola: TuttoscuolaNEWS n. 109

Comunicati


http://www.tuttoscuola.com

************************************************************

N. 109, 23 giugno 2003


SOMMARIO

1. Accordo  quadro  sul  canale  professionale/1:  quanti  allievi  lo
sceglieranno?
2. Accordo quadro con le regioni/2: la riforma unisce?
3. Accordo quadro con le regioni/3: un punto di partenza
4. L'85% di diplomati nel 2010: sfida o miraggio?
5. Nuova maturita' alla frutta. Urge cambiare
6. Retribuzione legata al merito? Negli USA non funziona


____________________________________________________________

le altre notizie di TuttoscuolaFOCUS n.113/109:

Confindustria e CGIL: dal conflitto alla (neo)concertazione?
Riforma: per l'Uciim il consenso e' condizione di riuscita
AAA, servono nuovi dirigenti scolastici
Tranquilli: il conglobamento dell'indennita' integrativa  speciale  e'
fatto
Regno Unito: in pensione a 65 anni? Coro di no

E  poi  tutte  le  scadenze  aggiornate  della  scuola  nella  rubrica
TuttoscuolaMEMORANDUM

Per saperne di piu': http://www.tuttoscuola.com/focus
____________________________________________________________

Le scadenze in TuttoscuolaMEMORANDUM di questa settimana:

24 giugno – 1° luglio – Risultati prova scritta di matematica
25 giugno - Pubblicazione TRASFERIMENTI dei docenti di scuola ELEMENTARE
26 giugno – Pubblicazione TRASFERIMENTI del personale ATA
30 giugno – ENAM: borse di studio per dirigenti scolastici
30 giugno – ENAM: borse di studio per docenti
30 giugno – verifica FUNZIONI OBIETTIVO
1° luglio – posti all'estero per DIRIGENTI SCOLASTICI
12 luglio – domande di UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE
21 luglio – domande di aggiornamento delle GRADUATORIE DI ISTITUTO

****************************************************************

1. Accordo  quadro  sul  canale  professionale/1:  quanti  allievi  lo
sceglieranno?

Saranno 40.000, come ipotizza un comunicato stampa del MIUR?  Come  si
fa a prevedere quanti saranno gli allievi che sceglieranno  il  canale
professionale,    rinunciando  a  frequentare  l'indirizzo  di  scuola
secondaria al quale pure si erano pre-iscritti, prima che la legge  n.
53  (approvata  il  28  marzo  2003)  abrogasse  la  legge  n.  9/1999
sull'obbligo scolastico?
La confusione e' notevole, e certamente le  famiglie  avranno  qualche
difficolta' a scegliere in una  situazione  nella  quale  non  vengono
ancora date certezze sulla struttura del canale professionale. Per ora
esso, con  una  malferma  identita'  e  struttura  (ci  saranno  molte
varianti regionali), non ha ancora l'identikit di quel grande  sistema
di istruzione e formazione professionale, di  pari  dignita',  di  cui
parla la riforma Moratti.
Comunque, nell'imminenza dell'inizio  del  nuovo  anno  scolastico  la
Conferenza unificata Stato-Regioni-Autonomie locali  ha  approvato  lo
scorso    venerdi'    20    l'Accordo    quadro    (
http://www.tuttoscuola.com/ts_news_109-3.doc ) per la realizzazione, a
partire dal prossimo settembre, di percorsi sperimentali di istruzione
e formazione. Il documento  specifica  fin  dalla  premessa  che  tali
sperimentazioni "non predeterminano l'assetto a  regime  dei  percorsi
del sistema dell'istruzione e della formazione professionale",  e  che
la loro principale finalita' (punto  1)  e'  quella  di  svolgere  una
"efficace e mirata azione di prevenzione, contrasto e  recupero  degli
insuccessi,    della  dispersione  scolastica  e  formativa,  e  degli
abbandoni".
Come si vede, l'attenzione e' rivolta a quella parte della  formazione
professionale regionale che da tempo si occupa di ragazzi "difficili",
drop-out,  allievi  a  rischio  di  emarginazione  sociale.  Forse  si
recupereranno alcune esperienze realizzate nella scuola, specie  negli
istituti professionali di Stato (il  documento  accenna  a  "forme  di
integrazione" tra i sistemi). Ma, e' bene  ripeterlo,  tutto  cio'  ha
poco a che vedere con il canale professionale della  riforma  Moratti.
E', come si dice, una "pezza a colore", e  forse  un  contentino  agli
enti di formazione, niente di piu'. Purtroppo.


2. Accordo quadro con le regioni/2: la riforma unisce?

L'accordo quadro tra ministeri dell'istruzione e del  lavoro,  da  una
parte, e regioni, province e comuni, dall'altra, per  avviare  in  via
sperimentale su  tutto  il  territorio  nazionale  una  nuova  offerta
formativa per i ragazzi  che  escono  dalla  terza  media  senza  piu'
l'obbligo di continuare la scuola, puo' forse rappresentare un  metodo
per invertire la china  presa  negli  ultimi  tempi  dai  processi  di
riforma in campo formativo.
Le istituzioni firmatarie dell'accordo-quadro hanno trovato  intesa  e
unita' di intenti, rinunciando alla suggestione dei richiami  politici
che    da   mesi,  anche  in  tema  di  istruzione  e  di  formazione,
caratterizzano lo  scontro  dei  due  opposti  fronti  parlamentari  e
partitici.
L'emergenza,  determinata  da  un  vuoto  legislativo  pericoloso  che
potrebbe danneggiare migliaia di  ragazzi  a  rischio  di  dispersione
scolastica, ha fatto superare le logiche di schieramento e le  riserve
sulla stessa  riforma  prevista  dalla  legge  53/2003  per  ricercare
soluzioni ponte di salvataggio.
Per  settimane  il  ministero  dell'istruzione  ha  riunito  assessori
regionali, rappresentanti delle province, dei comuni e delle  province
di Trento e Bolzano per cercare "la quadra" e, alla fine, l'intesa per
attuare l'integrazione tra i diversi livelli istituzionali dello Stato
e tra istruzione e formazione professionale e' stata trovata.
Il contributo e' stato di  tutti,  senza  pregiudiziali,  grazie  alla
volonta' di pervenire comunque ad un risultato positivo. La conferenza
unificata Stato-regioni-citta' ha gia' ratificato.
I due ministeri coinvolti, per parte loro, hanno stanziato per il 2003
piu' di 215 milioni di euro;  altre  risorse  verranno  da  regioni  e
comuni.


3. Accordo quadro con le regioni/3: un punto di partenza

Settembre e'  vicino  e  sara'  necessaria  un'attivita'  intensa  per
recuperare l'attenzione e il consenso dei ragazzi. Potrebbe anche  non
bastare, ma cio'  non  toglie  che  la  strada  imboccata  con  questo
accordo-quadro che apre di fatto l'attuazione  della  riforma,  sembra
piu' efficace  del  muro  contro  muro  che  troppe  volte  finora  ha
prevalso. Ora pero' c'e' da lavorare parecchio.
Lo strumento sperimentale, assolutamente indispensabile  per  superare
una fase di emergenza, per avere credibilita'  deve  essere  corredato
dall'indicazione dei criteri e delle modalita' per definire i  livelli
essenziali    delle    prestazioni,   gli   obiettivi  specifici  di
apprendimento, gli standard formativi omogenei  a  livello  nazionale.
Tutto    cio'   richiede  l'approvazione  contestuale  di  un  decreto
legislativo per assicurare la spendibilita' nazionale dei  titoli,  il
passaggio dai percorsi formativi ai percorsi scolastici.
Una volta elaborati tali strumenti sara' possibile orientare le  varie
scelte per assicurare i diritti di istruzione e formazione  di  tutti,
superando una logica di adattamento delle prassi vigenti.  In  sintesi
la sperimentazione deve concorrere a delineare e validare  il  modello
formativo, definire un modello organizzativo, raccogliere elementi per
sostenere    le   azioni  delle  amministrazioni  regionali.  Insomma
quest'accordo tra governo e regioni va visto  piu'  come  il  positivo
inizio di un percorso che come un traguardo raggiunto.

____________________________________________________________


"TRIS" PER LA RIFORMA

Tre fascicoli di Tuttoscuola che spiegano i principali  aspetti  della
legge n. 53/2003 (riforma Moratti), delineando  con  chiarezza,  punto
per punto, i cambiamenti rispetto alla situazione esistente (anche con
l'ausilio di tabelle comparative).

Molte scuole ci hanno  richiesto  delle  copie  aggiuntive  di  questi
numeri,   trovando  particolarmente  efficace  il  nostro  lavoro  per
comprendere le novita', le problematiche e i nodi  da  sciogliere  del
progetto.
Per informazioni sulle modalita' di richiesta del "Tris per capire  la
Riforma", come abbiamo denominato la piccola raccolta,  cliccate  qui:
http://www.tuttoscuola.com/offerta/tris/
oppure,
telefonate al n. 06/6830.7851

____________________________________________________________


4. L'85% di diplomati nel 2010: sfida o miraggio?

Raggiungere nel 2010 il traguardo minimo del diploma o della qualifica
professionale per l'85% dei  giovani  di  20  anni  per  recuperare  i
ritardi di competitivita' e sviluppo che condizionano  l'avvenire  del
nostro  Paese.  E'  la  richiesta  al  Parlamento  e  alla  Conferenza
unificata    Stato-Regioni   lanciata  da  Confindustria  e  Sindacati
nell'accordo per lo  sviluppo  del  Mezzogiorno  firmato  giovedi'  19
giugno.   Nell'accordo  le  parti  sociali  hanno  fissato  obiettivi,
contenuti e impegni, tra cui questo del tasso di diploma, in linea con
gli impegni sottoscritti dall'Italia a Lisbona nel marzo 2000.
Ma  quanto  siamo  distanti  da  quel  traguardo?  Relativamente  alla
situazione dei livelli di  istruzione  e  di  formazione,  osserva  il
documento, in Italia "il tasso di diploma sfiora il 70% dei 19enni. Il
confronto internazionale tuttavia  ci  pone  al  disotto  della  media
europea. La Francia ha un tasso di diploma pari all'81%,  la  Germania
pari all'89%".
L'obiettivo    sembra  dunque  ambizioso,  anche  se  nel  quinquennio
1996-2001 i diplomati italiani sotto i 20 anni sono passati dal  66,5%
al 73,5% ( http://www.tuttoscuola.com/focus ). Un  incremento  del  7%
che, teoricamente, se la tendenza  fosse  mantenuta,  potrebbe  essere
replicato  nel  successivo  quinquennio  (80,5%  nel  2006)  arrivando
addirittura all'87,5% nel 2011.
Ma nei fatti le cose potrebbero non essere cosi' semplici.
In effetti gia' l'incremento di quel 7% tra il 1996 e il 2001 ha avuto
andamenti difformi sul territorio nazionale, tanto che l'aumento  piu'
significativo del tasso di diplomati si e'  avuto  nelle  regioni  del
Mezzogiorno (dal 63,5% del '96 al 71,9% del 2001 con incremento di 8,4
punti), mentre nel nord-est si e' passati dal 68,4% al  73,4%  con  un
incremento di soli 5 punti (il tema dell'istruzione nel Mezzogiorno e'
ampiamente sviluppato nel numero in edicola di Tuttoscuola).
Un dato unisce tutto il paese, da Trento  a  Caltanissetta:  la  netta
supremazia femminile. Il rapporto tra i ragazzi e le ragazze nel  2001
si attestava sul 78% contro il 68,9% dei coetanei maschi. Al centro la
percentuale   di  diplomate  in  rosa  raggiunge  addirittura  l'87,2%
lasciando sempre a quasi 10 punti di distanza i maschi. Se non  e'  il
sesso forte, e' certamente quello piu' istruito.


5. Nuova maturita' alla frutta. Urge cambiare

Ma funziona o no questa nuova  maturita',  sviluppatasi  negli  ultimi
anni lungo la direttrice Berlinguer-Moratti,  che  ha  valorizzato  la
valutazione interna, legata al curricolo, a scapito di quella esterna,
legata alle prove d'esame, che e' stata praticamente azzerata?
La stampa ha dedicato ampio spazio alle polemiche sul carattere piu' o
meno berlusconiano delle prove di italiano assegnate alla maturita' di
quest'anno, ma poca attenzione ha riservato, con  rare  eccezioni,  al
tema di fondo: serve davvero un esame finale che assomiglia sempre  di
piu' alle prove di fine anno che quasi tutti gli insegnanti gia' fanno
sostenere    ai  loro  allievi?  E  serve  davvero  una  procedura  di
assegnazione dei voti che assomiglia a uno scrutinio finale, visto che
ne sono protagonisti gli stessi insegnanti che gli allievi avevano nel
corso dell'anno?
In Italia e' la Costituzione ad  esigere  che  ogni  ciclo  scolastico
inizi o si concluda con un esame di Stato.  Se  non  ci  fosse  questa
prescrizione, nulla impedirebbe di fare come  gia'  si  fa  in  alcuni
Paesi del  Nord  Europa,  dove  l'esame  semplicemente  non  c'e':  e'
sostituito da una valutazione sintetica che tiene  conto  di  tutti  i
risultati ottenuti dagli allievi nel corso degli studi. Una specie  di
super  "credito  scolastico",  per  dirla  col  linguaggio  dell'esame
italiano.
Se    si   vuol  mantenere,  invece,  per  motivi  di  rispetto  della
Costituzione e anche per altre ragioni (mantenimento del valore legale
del titolo, trasparenza delle  certificazioni,  standard  sempre  piu'
internazionali) un esame degno di questo nome, e' chiaro che esso  non
potra' essere gestito dagli "interni".  Dovra'  essere  organizzato  e
gestito da un'autorita' esterna, come peraltro  in  parte  prevede  la
stessa riforma Moratti, che affida il compito di  predisporre  "prove"
al costituendo Istituto Nazionale di Valutazione  (erede  dell'attuale
INVALSI). Bisogna sapere pero' che si trattera' di un'impresa ardua, e
anche costosa. Se ne rendono pienamente  conto  gli  attuali  decisori
politici (ed economici)?

____________________________________________________________


GUIDA ALLA SPERIMENTAZIONE nella scuola elementare

La guida on line di Tuttoscuola che spiega in modo chiaro
come cambia la scuola primaria. Per operatori scolastici e genitori.
32 modelli di orario gia' compilati; il glossario della riforma.
GRATIS con l'abbonamento a Tuttoscuola.
Per saperne di piu':

http://www.tuttoscuola.com

____________________________________________________________


6. Retribuzione legata al merito? Negli USA non funziona

Negli USA ci hanno provato piu'  volte,  in  contesti  locali  diversi
(dalla ricca California a piccoli distretti di campagna),  ma  l'esito
e' sempre lo stesso:  la  retribuzione  legata  al  merito  crea  piu'
problemi di quelli che risolve.
Se ne era parlato anche nel quadro del  rinnovo  del  contratto  degli
insegnanti italiani, ma l'idea  -  che  era  quella  di  assegnare  un
compenso aggiuntivo ai docenti i  cui  allievi  ottengono  i  migliori
risultati - si e' rivelata impraticabile.
Nel numero di giugno di "Tuttoscuola", attualmente  in  distribuzione,
si da' ampia informazione sul dibattito in corso sul "merit pay" negli
USA, e sulle vicende che hanno portato al rinnovo del contratto  della
scuola    in   Italia.   Un  contratto,  sottoscritto  dai  sindacati
CGIL-CISL-UIL-SNALS (con la GILDA in posizione  di  attesa),  che  non
concede nulla a questa prospettiva, e che anzi consolida la  struttura
tradizionale   delle  retribuzioni,  come  la  rivista  spiega  in  un
apposito, documentato servizio .
Il numero in edicola di "Tuttoscuola" contiene inoltre  una  serie  di
articoli e servizi su altri temi d'attualita' come  il  bullismo,  gli
anticipi di iscrizione, le commissioni d'esame di maturita', la scuola
nel Mezzogiorno, lo stato attuale dell'universita'.


------------------------------------

Ed ecco le altre notizie di TuttoscuolaFOCUS n.13/109:

Confindustria e CGIL: dal conflitto alla (neo)concertazione?

Se e' vero che piu' indizi costituiscono  una  prova,  venti  di  pace
sembrano oggi spirare nei rapporti tra  i  due  soggetti  delle  Parti
sociali che erano stati, nel  corso  di  questa  legislatura,  i  piu'
lontani e conflittuali. E uno dei settori nei  quali  si  misurano  le
reciproche intenzioni sembra  proprio  il  mondo  dell'istruzione  (.)
http://www.tuttoscuola.com/focus


Riforma: per l'Uciim il consenso e' condizione di riuscita

Anche l'Uciim (Unione degli insegnanti cattolici di scuola secondaria)
dice la sua sulle "Indicazioni nazionali". Lo fa  senza  pregiudiziali
(.) http://www.tuttoscuola.com/focus


AAA, servono nuovi dirigenti scolastici

Si puo' prevedere che, quando finalmente il ministro Tremonti dara' il
via libera alla Moratti per la pubblicazione del  bando  del  concorso
ordinario, i posti vacanti di dirigente  scolastico  (compresi  quelli
che verranno lasciati dai neo-vincitori del riservato) potranno essere
intorno a (.) http://www.tuttoscuola.com/focus


Tranquilli: il conglobamento dell'indennita' integrativa  speciale  e'
fatto

Dopo l'intesa per il CCNL 2002-2005, definita il 16 maggio scorso e in
attesa di formale approvazione da parte del Comitato  di  settore  del
Consiglio dei Ministri e della Corte dei  Conti,  erano  sorte  alcune
perplessita' sulla certezza (.) http://www.tuttoscuola.com/focus


Regno Unito: in pensione a 65 anni? Coro di no

Anche nel Regno Unito, come in Francia,  l'idea  di  allineare  l'eta'
della pensione  tra  dipendenti  pubblici  e  lavoratori  del  settore
privato non piace. In Gran Bretagna l'eta'  attualmente  prevista  per
gli insegnanti e' di ( ) http://www.tuttoscuola.com/focus


E poi tutte le scadenze del prossimo mese, commentate e spiegate. Ecco
gli argomenti di TuttoscuolaMEMORANDUM di questa settimana:

- Risultati prova scritta di matematica
- Pubblicazione TRASFERIMENTI dei docenti di scuola ELEMENTARE
- Pubblicazione TRASFERIMENTI del personale ATA
- ENAM: borse di studio per dirigenti scolastici
- ENAM: borse di studio per docenti
- verifica FUNZIONI OBIETTIVO
- posti all'estero per DIRIGENTI SCOLASTICI
- domande di UTILIZZAZIONI E ASSEGNAZIONI PROVVISORIE
- domande di aggiornamento delle GRADUATORIE DI ISTITUTO


Per consultare il numero  13/109  di  TuttoscuolaFOCUS  cliccare  qui:
http://www.tuttoscuola.com/focus
(e' necessario essere collegati a internet per richiedere e  scaricare
la newsletter.
NB cliccare li' NON COMPORTA ALCUN IMPEGNO, consente solo di visionare
le condizioni per accedere  al  servizio),  oppure  telefonare  al  n.
06/6830.7851
Per abbonarsi: http://www.tuttoscuola.com/offerta/

RIPRODUZIONE RISERVATA

Per iscrivere un'altra persona o per rimuoverti da questa
newsletter vai all'indirizzo:

http://www.tuttoscuola.com

Per commenti, informazioni o suggerimenti: redazione@tuttoscuola.com

Per consultare i numeri arretrati di "TuttoscuolaNEWS": http://www.tuttoscuola.com

Chi è interessato a ricevere anche la newsletter dell'ANP (Associazione
Nazionale Presidi e Direttori didattici) puo' iscriversi dal sito
www.anp.it

************************************************************
Editoriale Tuttoscuola srl
Via della Scrofa, 39 - 00186 Roma, Italia
Tel. 06.6830.7851 - 06.6880.2163
Fax 06.6880.2728
Email: tuttoscuola@tuttoscuola.com







dello stesso autore




Postato il Giovedì, 26 giugno 2003 ore 10:29:57 CEST di Piera Privitera
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.26 Secondi