Benvenuto su AetnaNet
 Nuovo Utente / Login Utente 537687391 pagine viste dal Gennaio 2002 fino ad oggi 11170 Utenti registrati   
Sezioni
Consorzio
Home
Login
Progetto
Organizzazione
Scuole Aetnanet
Pubblicità
Convenzione Consult Service Management srl
Contattaci
Registrati

News
Aggiornamento
Associazioni
Attenti al lupo
Concorso Docenti
Costume e società
Eventi
Istituzioni
Istituzioni scolastiche
Manifest. non gov.
Opinioni
Progetti PON
Recensioni
Satira
Sondaggi
Sostegno
TFA
U.S.P.
U.S.R.
Vi racconto ...

Didattica
Umanistiche
Scientifiche
Lingue straniere
Giuridico-economiche
Nuove Tecnologie
Programmazioni
Formazione Professionale
Formazione Superiore
Diversamente abili

Utility
Download
Registrati
Statistiche Web
Statistiche Sito
Privacy Policy
Cookie Policy


Top Five Mese
i 5 articoli più letti del mese
dicembre 2021

VII CONGRESSO CISL SCUOLA CATANIA
di a-oliva
472 letture

Da 70 anni donatori di sangue. ADVS FIDAS premia al Comune di Catania i donatori di sangue settantenni
di a-oliva
415 letture

Personale docente - Posti disponibili aggiornati per stipula di contratti a tempo determinato da GPS e GAE - A.S. 2021/2022
di a-oliva
141 letture

Personale docente - Esiti del nuovo conferimento delle supplenze a seguito della procedura informatizzata da GAE e GPS, per stipula di contratti a tempo determinato - A.S. 2021/2022
di a-oliva
138 letture

Personale Docente - Nomine in ruolo da procedure concorsuali per surroga - A.S. 2021/2022 - Sedi disponibili
di a-oliva
114 letture


Top Redattori 2016
· Giuseppe Adernò (Dir.)
· Antonia Vetro
· Michelangelo Nicotra
· Redazione
· Andrea Oliva
· Angelo Battiato
· Rosita Ansaldi
· Nuccio Palumbo
· Filippo Laganà
· Salvatore Indelicato
· Carmelo Torrisi
· Camillo Bella
· Renato Bonaccorso
· Christian Citraro
· Patrizia Bellia
· Sergio Garofalo
· Ornella D'Angelo
· Giuseppina Rasà
· Sebastiano D'Achille
· Santa Tricomi
· Alfio Petrone
· Marco Pappalardo
· Francesca Condorelli
· Salvatore Di Masi

tutti i redattori


USP Sicilia


Categorie
· Tutte le Categorie
· Aggiornamento
· Alternanza Scuola Lavoro
· Ambiente
· Assunzioni
· Attenti al lupo
· Bonus premiale
· Bullismo e Cyberbullismo
· Burocrazia
· Calendario scolastico
· Carta del Docente
· Concorsi
· Concorso Docenti
· Consorzio
· Contratto
· Costume e società
· CPIA
· Cultura e spettacolo
· Cultura Ludica
· Decreti
· Didattica
· Didattica a distanza
· Dirigenti Scolastici
· Dispersione scolastica
· Disponibilità
· Diversamente abili
· Docenti inidonei
· Erasmus+
· Esame di Stato
· Formazione Professionale
· Formazione Superiore
· Giuridico-economiche
· Graduatorie
· Incontri
· Indagini statistiche
· Integrazione sociale
· INVALSI
· Iscrizioni
· Lavoro
· Le Quotidiane domande
· Learning World
· Leggi
· Lingue straniere
· Manifestazioni non governative
· Mobilità
· Natura e Co-Scienza
· News
· Nuove Tecnologie
· Open Day
· Organico diritto&fatto
· Pensioni
· Percorsi didattici
· Permessi studio
· Personale ATA
· PNSD
· Precariato
· Previdenza
· Progetti
· Progetti PON
· Programmi Ministeriali
· PTOF
· Quesiti
· Reclutamento Docenti
· Retribuzioni
· Riforma
· RSU
· Salute
· Satira
· Scientifiche
· Scuola pubblica e o privata
· Sicurezza
· SOFIA - Formazione
· Sostegno
· Spazio SSIS
· Spesa pubblica
· Sport
· Strumenti didattici
· Supplenze
· TFA e PAS
· TFR
· Umanistiche
· Università
· Utilizzazione e Assegnazione
· Vi racconto ...
· Viaggi d'istruzione
· Voce alla Scuola


Articoli Random

Normativa Utile
Normativa Utile

·Detrazione lavoro dipendente € 80,00
·Scheda FLC CGIL cessazioni dal servizio del personale della scuola 2014
·Modello di diffida per il rimborso del 2,50% per indebita trattenuta sul TFR (trattamento di fine rapporto)
·Documenti necessari per ottenere la disoccupazione
·Bocciata dalla Corte Costituzionale l'assunzione diretta dei docenti


Scuole Polo
· ITI Cannizzaro - Catania
· ITI Ferraris - Acireale
· ITC Arcoleo - Caltagirone
· IC Petrarca - Catania
· LS Boggio Lera - Catania
· CD Don Milani - Randazzo
· SM Macherione - Giarre
· IC Dusmet - Nicolosi
· LS Majorana - Scordia
· IIS Majorana - P.zza Armerina

Tutte le scuole del Consorzio


I blog sulla Rete
Blog di opinione
· Coordinamento docenti A042
· Regolaritè e trasparenza nella scuola
· Coordinamento Lavoratori della Scuola 3 Ottobre
· Coordinamento Precari Scuola
· Insegnanti di Sostegno
· No congelamento - Si trasferimento - No tagli
· Associazione Docenti Invisibili da Abilitare

Blog di didattica
· AltraScuola
· Atuttoscuola
· Bricks
· E-didablog
· La scuola iblea
· MaestroAlberto
· LauraProperzi
· SabrinaPacini
· TecnologiaEducatica
· PensieroFilosofico


Umanistiche: Quel vento d’estate che soffia nella poesia di Giusi Verbaro

Rassegna stampa

 

 

 

SOLSTIZIO D’ESTATE di Giusi Verbaro

Manni. Pagine 78. Euro 15,00
E siste una modalità tutta medi­terranea nella ricerca del tem­po perduto. Ed è quella che si coglie nel romanzo in versi Solstizio d’estate di Giusi Verbaro, una poetes­sa italiana tra le più valide, ma non conosciuta come si dovrebbe. Una ricerca che è tutta un’esplosione di lucori e ansiti sommessi della natu­ra, in un Sud sfinito dalle contraddi­zioni che le mareggiate e gli abban­doni, di uomini e di cose, portano con sé. Per lasciarsi andare altrove o per fuggire da questo altrove sce­gliendosi il riparo della terra come guscio ai desideri di altri mondi. La Verbaro, nata a Catanzaro ma vissuta lungamente a Firenze, racconta da sempre di odissee antiche e moder­ne: da quella del padre di Laerte e marito di Penelope, archetipo di o­gni spinta alla conoscenza e di ogni
nostos, alla sua, quella di una donna che ha vissuto il distacco dal Sud e ne ha apprezzato appunto il ritorno ( Itaca, Luce d’Hakepa, Nel nome della madre, Isola sono alcuni titoli delle sue raccolte precedenti).
Qui, in questo soffio in cui ritornano i timbri, i no­mi, le voci dell’infanzia, è pronta la domanda esistenziale: «dove vanno i passi?», «quale il senso compiuto della perfetta nudità del quadro?», «cosa ci resta / in questa notte in­quieta / che celebra l’estate e la sua morte?».(Da Avvenire) M.Allo

Ora, con questo romanzo in versi vero e pro­prio, Giusi Verbaro si misura con un senso del tempo implacabile. Quello imposto dalla nascita di una nuova vita - la nipote Lavinia - che riposa nella casa estiva di famiglia e che ri­sveglia nella poetessa divenuta non­na il ricordo delle passate stagioni, e il suon di lei, cioè della sua figliola di­venuta madre e che molti anni fa ri­posava nella stessa culla, con lo stes­so sguardo beato, e il respiro della creatura innocente e ignara. Il poeta si apre alla consapevolezza del pas­saggio di testimone da una genera­zione all’altra: «la radice ed il ramo. Il ramo e le sue foglie». Ed ecco che gli elementi naturali della costa calabre­se - quella ionica - irrompono sulla scena a suggerire il cambio della sce­na. «Basta uno scarto, / una misura.
Una sillaba. Un soffio» a proporre un giro nuovo. È il solstizio che adesso fa la differenza ed il vento si presenta nei versi come elemento di rottura e verità («È vento vivo / il vento che trascina le memorie»).

La Verbaro affida al tempo presente - agostinianamente - la comprensione del passato e la visio­ne del futuro: e rende omaggio, non troppo implicitamente, a Mario Luzi che della riflessione sul tempo ha dato il maggior saggio nella poesia i­taliana del Novecento. Ed è in un al­tro elemento naturale, cioè nella pioggia «che chiuderà l’estate e la sua festa», che è dato «riconoscere / quanto di noi più fragile e sfuggen­te ». Per il poeta, «tutti i luoghi non visti. Tutti gli approdi / persi» cui la parola, «un tempo nocchiero e ven­to », credeva di dare un senso. Ma che adesso, nella maturità, di fronte alla vita che rinasce nel cuore di una casa, mai guardata fino in fondo, «segna il margine / e il chiuso delle mura».

Dieci anni
"Insepolte preistorie d'infanzia
e assenze immedicate
tornano, padre,
al giro frettoloso di brevi adolescenze.
Strappandomi la tunica di angelo ribelle
ora che il tempo induce a miti riflessioni
indugio tra detriti e depositi d'alghe
di un passato di acconti e punti cardinali
a oggettivare il come il quando ed il perché
lustrasti il tuo mestiere difficile mestiere
di padre e di profeta.

Fu così poco il tempo per parlare e capirci:
già infilzato al pennone di disposte sequenze
ti disponevi a improvvida partenza
senza neppure il grigio dell'addio.
E fu morte la tua per la vita vissuta
misurando perimetri di rischio
strozzato alla catena del bisogno. Eppure
saremmo stati amici se a tempi non sfasati
avessimo legato al dialogo dei giorni
verità ricomposte.

Anche tu avresti ribaltato il ventre dell'acquario
e a palafitte nuove avresti edificato
le quotidiane cedole e i passaporti falsi
per un nuovo natale a commiati impazziti. Ora so
che ogni guerra si affronta comunque a mani nude
senza l'oppio di un cristo mansueto
risalendo il crinale a concimare amori.

A te non bastò il tempo
per raccogliere aironi in sacche di palude
riequilibrare i conti e i compromessi: fu questo il senso
della improvvisa fuga dalle cose.
Dieci anni: ed insetti vocianti
hanno riempito stadi
di un tempo senza storia né certezze.

Piramidi di noia sorridono ai fantasmi
di virtù sconsacrate."


Ma chi è Giusi Verbaro?

Giusi Verbaro, nata a Catanzaro dove vive, ha soggiornato e studiato a Firenze. Laureata in biologia, dopo avere esercitato breve attività di insegnamento, si dedica completamente alla letteratura. È poetessa, saggista, autrice di antologie poetiche ed operatrice culturale. Scrive su varie riviste letterarie e sulla terza pagina del quotidiano “La Gazzetta del Sud”. Ha pubblicato numerosi volumi di poesia, alcuni dei quali tradotti ed editi in Francia, Spagna e Portogallo. Ha realizzato corsi di scrittura creativa, laboratori sui diversi linguaggi della poesia nonché studi e paragoni su testi di canzoni d’autore. Il suo cammino poetico, mai sporadico, abbraccia un arco temporale di circa trent’anni. La qualità e la molteplicità delle attività svolte dalla Verbaro ne fanno una delle poetesse italiane contemporanee di maggior spessore. Il romanzo in poesia “Solstizio d’estate”, annoverato tra i cinque finalisti del Premio Camaiore 2008, è uno spazio scenico nel quale, in una sola notte, tutto può accadere in un dimesso suono di fantasmi ed angeli buoni. Visionarietà e memoria sono elementi mai assenti. Il testo, come fosse in continuo divenire, procede oltre la realtà evolvendosi in una dimensione quasi “metafisica”.









Postato il Mercoledì, 20 agosto 2008 ore 17:34:00 CEST di Maria Allo
Annunci Google



Mi piace
Punteggio Medio: 0
Voti: 0

Dai un voto a questo articolo:

Eccellente
Ottimo
Buono
Sufficiente
Insufficiente



Opzioni

 Pagina Stampabile Pagina Stampabile

 Invia questo Articolo ad un Amico Invia questo Articolo ad un Amico



contattaci info@aetnanet.org
scrivi al webmaster webmaster@aetnanet.org


I contenuti di Aetnanet.org possono essere riprodotti, distribuiti, comunicati al pubblico, esposti al pubblico, rappresentati, eseguiti e recitati, alla condizione che si attribuisca sempre la paternità dell'opera e che la si indichi esplicitamente
Creative Commons License

powered by PHPNuke - created by Mikedo.it - designed by Clan Themes


PHP-Nuke Copyright © 2004 by Francisco Burzi. This is free software, and you may redistribute it under the GPL. PHP-Nuke comes with absolutely no warranty, for details, see the license.
Generazione pagina: 0.37 Secondi